I militari entrano a scuola: dai progetti alle gite, il dossier sul caso degli istituti in Sicilia

Ha scatenato il malcontento di parte dell‘opinione pubblica la presenza delle forze armate nella scuola dell’obbligo italiana. Tra le posizioni espresse, quella di diversi movimenti pacifisti che hanno posto l’accento sulle forzature dei modelli educativi, in particolare con l’attivazione di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (i Pcto, l’ex alternanza scuola lavoro), nati da protocolli di intesa tra rappresentanti dell’esercito e ministero dell’Istruzione, tra uffici scolastici regionali e provinciali e singole scuole. Tra i contrari a quella che viene vissuta come un’ingerenza delle forze dell’ordine, anche l’Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole in Italia, che si propone di studiare l’ingresso di militari e forze dell’ordine nelle scuole di ogni ordine e grado. Nei giorni scorsi, l’osservatorio ha presentato un primo dossier nella sala stampa di Montecitorio a Roma: protagonista la Sicilia dove – a causa della carenza di posti di lavoro – progetti e iniziative militari diventano incentivo per un futuro all’interno delle forze armate.

Il gruppo di lavoro ha rilevato come, negli ultimi decenni, gli interventi legislativi sulla scuola pubblica «voluti da governi sia di centrosinistra sia di centrodestra, stanno progressivamente modificando la scuola italiana per esigenze economiche, gestionali, pedagogiche, strategiche, militari». Iniziative che per l’osservatorio cozzano con i principi costituzionali di uguaglianza, pace, risoluzione dei conflitti internazionali e, non ultimi, libertà d’opinione e d’insegnamento. Numerosi gli interventi delle forze militari negli istituti siciliani, dai corsi di educazione alimentare, storia e geografia a quelli di informatica. Dalla riqualificazione degli edifici alla ripulitura di aree verdi, passando per i percorsi formativi rivolti alle nuove generazioni. È il caso degli studenti di un istituto di Caltagirone che hanno compiuto una inusuale gita: con una quota di 300 euro per un tour di cinque giorni, hanno visitato alcune basi di guerra pugliesi. «Per motivi di sicurezza – si legge nella nota inviata dal dirigente scolastico della scuola calatina – non sono menzionati i percorsi oggetti di interesse, ma gli studenti saranno accompagnati da ufficiali e sottufficiali istruttori per tutto il periodo di percorso». A Riposto, invece, «i militari del gruppo volo aerei anti-sommergibili VP-26 di US Navy hanno descritto le caratteristiche tecniche del velivolo P8 Poseidon costruito dall’azienda aeronautica statunitense; i piloti del gruppo Antisom VP-26 hanno festeggiato Halloween con i bambini di una scuola dell’infanzia di Scordia e di Gravina di Catania, mentre lezioni di inglese sono state tenute dai marines per migliorare la conoscenza della lingua inglese degli allievi in diverse scuole tra Nissoria, Gravina di Catania, Lentini, Bronte, Caltagirone, Regalbuto, Catania, Gela».

In linea con l’Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole in Italia, è anche Arci Sicilia che aveva espresso il proprio dissenso alla notizia di febbraio della sottoscrizione dei Pcto, previsti per giugno, all’aeroporto militare Usa-Nato di Sigonella per 350 studenti di sette scuole tra Catania, Ragusa, Messina e Caltanissetta. «È davvero incredibile che un luogo di guerra come una base Usa-Nato – denuncia l’associazione – con un ruolo chiave nel conflitto in corso tra Ucraina e Russia, possa diventare lo spazio adatto per acquisire competenze trasversali». A esprimersi sulle polemiche sollevate sull’ingerenza dei militari nel mondo della scuola, è Antonio Nicolosi, segretario generale di Unarma, l’associazione sindacale che tutela i diritti delle forze armate: «I carabinieri visitano da decenni le scuole del Paese per parlare di tematiche inerenti alla sicurezza, come l’educazione stradale e alimentare – dice – spiegando ai ragazzi la pericolosità delle sostanze stupefacenti e assolvendo così a un servizio civico e di sensibilizzazione delle nuove generazioni». Nicosia sottolinea come i Pcto siano un’opportunità, anche per le stesse forze armate: «Permettono ai giovani di avvicinarsi a realtà congeniali per le loro capacità – conclude – e per il nostro settore che accoglie sempre favorevolmente nuove leve giovani, motivate e con idee chiare in mente, soprattutto in un momento in cui siamo sottorganico».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ha scatenato il malcontento di parte dell‘opinione pubblica la presenza delle forze armate nella scuola dell’obbligo italiana. Tra le posizioni espresse, quella di diversi movimenti pacifisti che hanno posto l’accento sulle forzature dei modelli educativi, in particolare con l’attivazione di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (i Pcto, l’ex alternanza scuola lavoro), nati […]

Ha scatenato il malcontento di parte dell‘opinione pubblica la presenza delle forze armate nella scuola dell’obbligo italiana. Tra le posizioni espresse, quella di diversi movimenti pacifisti che hanno posto l’accento sulle forzature dei modelli educativi, in particolare con l’attivazione di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (i Pcto, l’ex alternanza scuola lavoro), nati […]

Ha scatenato il malcontento di parte dell‘opinione pubblica la presenza delle forze armate nella scuola dell’obbligo italiana. Tra le posizioni espresse, quella di diversi movimenti pacifisti che hanno posto l’accento sulle forzature dei modelli educativi, in particolare con l’attivazione di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (i Pcto, l’ex alternanza scuola lavoro), nati […]

Ha scatenato il malcontento di parte dell‘opinione pubblica la presenza delle forze armate nella scuola dell’obbligo italiana. Tra le posizioni espresse, quella di diversi movimenti pacifisti che hanno posto l’accento sulle forzature dei modelli educativi, in particolare con l’attivazione di Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (i Pcto, l’ex alternanza scuola lavoro), nati […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]