Migranti, Zuccaro torna a parlare delle attività Ong «Hanno occupato lo spazio lasciato dai trafficanti»

Ventinove minuti di intervento davanti a una platea variegata, fatta di magistrati, autorità, agenzie internazionali e rappresentanti di quel governo giallo-verde che, con entrambe le anime, già l’anno scorso aveva dato sposato le sue posizioni, ben prima dell’alleanza post-elettorale e non senza scivolare nella strumentalizzazione politica. La partita di Carmelo Zuccaro con le Ong riparte dal Palazzo della Cultura di Catania, dove si sta svolgendo il convegno promosso da Area democratica per la giustizia dal titolo Le nuove frontiere dell’immigrazione.

Il capo della procura etnea, questa mattina, ha parlato delle problematiche nel contrasto giudiziario al traffico organizzato dei migranti. Un tema su cui Zuccaro si è espresso negli ultimi quindici mesi più volte, con affermazioni che hanno attirato le attenzioni dei media nazionali e dello stesso Consiglio superiore della magistratura. Un periodo nel quale a piazza Verga si è registrata prima l’apertura di un fascicolo conoscitivo sulle attività delle Ong nel Mediterraneo e poi, a marzo di quest’anno, l’avvio dell’inchiesta a carico di una specifica organizzazione non governativa, la spagnola Proactiva Open Arms accusata di associazione a delinquere al fine di favorire l’immigrazione clandestina. Ipotesi di reato che non è stata presa in considerazione dal giudice chiamato a pronunciarsi sul sequestro della nave – poi rilasciata dall’omologo ragusano – ma su cui la procura etnea continua a indagare

Zuccaro, oggi, non ha fatto riferimenti espliciti all’inchiesta, anche se i riferimenti ai comportamenti messi in atto dalle organizzazioni non governative non sono mancati. «Per riuscire al meglio nel proprio business i trafficanti hanno cambiato modalità d’azione – ha detto il capo della procura -. Prima le navi madre viaggiavano fino al limite con le acque italiane. Poi, con l’aumento delle partenze e il miglioramento dei controlli, hanno scelto di accompagnare i migranti all’interno delle acque internazionali, indicando ai natanti su cui viaggiavano i migranti la rotta da seguire. Infine, per ottenere assoluta impunità, hanno optato per non entrare più nelle acque internazionali, spingendo i soccorritori ad arrivare al limite con le acque libiche». Un’esca a cui avrebbero abboccato solo le Ong. «Lo spazio lasciato libero giustamente dalle navi militari, il cui avanzamento non sarebbe auspicabile, è stato occupato dalle organizzazioni private», ha aggiunto Zuccaro, sottolineando la diretta proporzionalità tra l’arretramento dei trafficanti e lo spostamento in avanti della linea d’azione delle Ong. Il capo della procura ha anche ricordato come sulle navi delle Ong non ci siano ufficiali di polizia giudiziaria che possano documentare come avvengano i soccorsi, tema su cui già l’anno scorso si è acceso il dibattito con il netto rifiuto da parte delle organizzazioni umanitarie a trasformarsi in «uffici di polizia giudiziaria». 

Il procuratore ha poi tirato in ballo il governo maltese, già accusato nei giorni scorsi dal ministro degli Interni, Matteo Salvini, di lavarsi le mani in tema di accoglienza. «Il centro di coordinamento della guardia costiera italiana opera in un’area Sar più grande di quella che gli spetterebbe. Stando ai regolamenti sulle Sar – ha specificato Zuccaro – l’Italia dovrebbe occuparsi di una zona di 500mila chilometri quadrati, che non confina con le acque libiche, perché in mezzo c’è l’area di competenza di Malta che però si rifiuta di occuparsene». Spazio poi a un altro tema scottante: gli accordi stipulati dal passato governo Gentiloni, e nello specifico dall’allora capo del Viminale Marco Minniti, con le autorità nordafricane nel controllo delle partenze. «Nel secondo semestre del 2017 i flussi si sono contratti a dimostrazione di come le dimensioni del traffico non dipendono soltanto dalla domanda, ma anche dall’impegno politico, perché se le autorità rinunciano al controllo il fenomeno sarà governato solo dai gruppi di trafficanti», ha rimarcato.

Riprendendo parte delle dichiarazioni rilasciate la scorsa primavera, quando aveva fatto riferimento esplicito all’esiguità dei mezzi a disposizione delle procure, Zuccaro anche stamani ha spiegato che per intercettare i trafficanti i costi al momento da sostenere sono improponibili, senza contare l’esistenza di difficoltà logistiche come il coinvolgimento degli operatori telefonici che gestiscono le comunicazioni in Libia. «L’Ue non può adagiarsi sul fatto che l’Italia sia stato l’unico paese europeo ad attuare misure di contrasto», ha concluso Zuccaro, guadagnandosi l’applauso della maggior parte dei presenti, tra i quali i neo-sottosegretari Stefano Candiani (Lega) e Vito Crimi (M5s).

Intanto, sul fronte dell’inchiesta su Proactiva, ieri il perito nominato dalla procura di Catania per analizzare i cellulari sequestrati al comandante Marc Reig Creus e alla capa missione Ana Isabel Montes Mier ha preso in mano per la prima volta i due apparecchi. I controlli, però, sono stati posticipati, per un motivo semplice: i telefoni avevano inseriti i rispettivi codici Pin. «I nostri assistiti hanno già fatto sapere che li forniranno. Non hanno nulla da temere», hanno chiosato i legali Rosa Emanuela Lo Faro e Alessandro Gamberini, entrambi presenti in sala mentre Zuccaro parlava. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]