Migranti, verso una legge regionale sull’accoglienza Sicilia in ritardo, deputati al tavolo con l’Isola che c’è

Una legge regionale per l’accoglienza. Urgente, forse poco popolare in questa fase, ma assolutamente necessaria. In Sicilia, insieme al Molise l’unica Regione rimasta paradossalmente senza una propria normativa in materia, a farsi promotore di questa istanza è l’associazione L’Isola che c’è, rete di una cinquantina di realtà impegnate nella quotidianità a migliorare la Sicilia dal basso. E che mira, senza fini elettorali, a sollecitare la politica su temi importanti. 

Così nei giorni scorsi quattro deputati e diversi esponenti della società civile hanno risposto all’appello partecipando a un incontro tematico a Palermo – il primo di una serie di incontri su temi diversi che si terranno in diverse città dell’isola – con le modalità di un workshop «con lo scopo di costruire le basi per una legge sull’accoglienza». Tentativo già provato nelle passate legislature ma abortito a causa della mancanza di convergenze politiche sufficienti all’Assemblea regionale siciliana. Hanno partecipato tre parlamentari dei Cinque stelle, Gianina Ciancio, Nunzio Di Paola e Roberta Schillaci, insieme al capogruppo del Pd Giuseppe Lupo.

I deputati si sono confrontati con il professore Fulvio Vassallo, il mediatore culturale Maamri Hassan, Fausto Melluso di Arci Sicilia, la sindacalista Cgil Mimma Arguri, Santa Sicali della Croce Rossa Italiana, e con Sergio Lima di Cento Passi per la Sicilia. Primo passo: individuare il quadro giuridico all’interno del quale si dovrebbe collocare una legge regionale sull’accoglienza, evitando il rischio di conflitti di competenze con lo Stato. Due i casi maggiormente citati: la legge della Regione Puglia, almeno la parte che non ha trovato difficoltà a livello costituzionale proprio nei rapporti con Roma, e quella della Regione Toscana.

«Una legge, anzitutto, deve prevedere un Osservatorio Regionale sulle Migrazioni – spiega il professore Vassallo – che si occupi principalmente di lavoro, salute, istruzione, discriminazioni. In aggiunta al nodo finanziario, che determina l’efficacia della legge stessa, l’altro nodo che il disegno di legge deve affrontare è il percorso di consultazione per la sua elaborazione. La legge regionale, toccando i temi dell’avvio al lavoro, della salute, dei mediatori culturali (è necessario peraltro istituire l’albo regionale di questi), dovrà fare i conti con le sentenze della Corte Costituzionale in tema di Decreto Sicurezza».

Si ricordano i modelli locali virtuosi – il caso di Augusta per i minori non accompagnati, e di Sutera – da cui prendere esempio. «Un altro tema importante – ricorda Fausto Melluso, di Arci Sicilia – è quello degli standard dell’accoglienza, attualmente fortemente discriminatori».

I deputati ascoltano e prendono nota. «La nostra materia – precisa la grillina Schillaci – non può essere l’immigrazione (di rilievo meramente nazionale) ma l’accoglienza. Interveniamo quindi negli ambiti in cui le associazioni e gli operatori sul territorio possono dare un importante contributo. Nel quadro legislativo, dobbiamo rifarci al decreto Minniti-Orlando ed al recente Decreto Sicurezza, ma l’art. 10 della Costituzione ci offre margini di manovra. Il clima politico contemporaneo non aiuta. Bisognerebbe lavorare a partire dal principio di coesione sociale e integrazione sociale. Lo sport è certamente uno degli strumenti principe». 

Secondo il dem Lupo, «il ruolo dei mediatori culturali è cruciale, a partire dalla sanità. Basta pensare ad esempio alle donne partorienti ed a quante difficoltà incontrano. Il ruolo fondamentale giocato dallo sport va altrettanto valutato. Il ddl sul diritto allo studio già affrontato in Ars va raccordato con quanto si sta discutendo qui. Quel ddl corre il rischio di applicarsi e andar bene soltanto ai cittadini italiani e non agli immigrati. Va maturata quindi una visione di insieme, non semplice al momento visto il contesto politico e culturale attuale».

Per Lima, di Cento Passi per la Sicilia che esprime all’Ars Claudio Fava, «la legge regionale serve ma da sola non basta. Le norme discusse fino al 2013 sono ormai superate. Prendiamo allora il punto più avanzato (29/2009 Regione Toscana), recentemente integrata. Consideriamo anche l’esperienza maturata dalla Regione Puglia. È possibile trovare una base comune su questo testo? Su questa base, ciascuno può integrare e articolare e discutere anche in Ars. Altri deputati potrebbero essere disponibili a lavorare su questa norma, così da far uscire la Sicilia dalla situazione in cui si trova: ha il maggior flusso in entrata, ma non una legge. Integriamo con una norma sul capolarato, ad esempio. Partiamo da un ddl e poi via via aggreghiamo e aggiungiamo ulteriori pezzi ed elementi». Posizioni che adesso dovranno trovare spazio nel congelato dibattito all’Ars.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]