Migranti, Ue rivaluta impegno dell’Italia negli hotspot Attivisti: «Raccolta impronte? Un fallimento generale»

Le cose per gli hotspot siciliani non vanno poi così male. Almeno per quanto riguarda la capacità di riconoscimento dei migranti. A sostenerlo è la commissione europea che oggi ha annunciato la decisione di archiviare i procedimenti di infrazione contro i governi di Italia e Grecia, in merito al presunto mancato rispetto del regolamento Eurodac. Ovvero quello che nel 2013, basandosi sull’omonima banca dati europea, è stato istituito per determinare le competenze di ogni singolo Stato nell’esame delle richieste di asilo. Il regolamento, entrato in vigore nel luglio 2015, ha preceduto l’introduzione dell’approccio hotspot nelle due nazioni di frontiera e si lega di fatto a quanto previsto dalla convenzione di Dublino. Secondo l’attuale normativa, i centri di identificazione dovrebbero raccogliere le impronte dei migranti entro 72 ore dal loro arrivo, per poi trasmetterle alla banca dati Eurodac. Tale procedura, sin dalle prime sperimentazioni, è stata oggetto di critiche da più fronti. A partire proprio dall’Unione europea, secondo cui gli hotspot italiani e greci non sarebbero stati capaci di assolvere adeguatamente i propri compiti.

A distanza di un anno, però, è la commissione europea a fare marcia indietro. «Dati i notevoli miglioramenti registrati nelle attività di rilevamento a partire dall’inizio del 2016, la Commissione è convinta che sia Grecia che Italia stiano rilevando le impronte digitali dei cittadini di paesi terzi conformemente al regolamento Eurodac e ha deciso di archiviare i procedimenti di infrazione», si legge in una nota. La promozione dell’Ue, tuttavia, non cancella le critiche che arrivano dalle associazioni che si battono per la tutela dei diritti dei migranti. Tra di esse, Borderline Sicilia che da tempo denuncia l’inadeguatezza del sistema hotspot. «Il regolamento di Dublino intrappola i richiedenti di asilo nei paesi di frontiera, perché determina che un migrante debba rimanere nella nazione in cui è arrivato – spiega l’avvocata Paola Ottaviano -. E se consideriamo che quasi sempre Italia e Grecia sono paesi di approdo, e non di destinazione, capiamo le storture insite nella normativa. Praticamente si imprigionano i migranti». 

A condizionare il giudizio sugli hotspot sono poi i risultati ottenuti dalla cosiddetta relocation, ovvero la procedura di redistribuzione dei migranti negli altri Stati europei. Un esperimento che, nato come contropartita nei confronti delle nazioni impegnate nel riconoscimento, secondo Ottaviano è stato un fallimento. «Non lo si può definire diversamente – continua -. I problemi erano evidenti sin dall’origine, a partire dalla decisione di ammettere nella relocation soltanto quei Paesi che, a livello statistico, ottengono il 75 per cento di riconoscimento delle richieste di protezione internazionale». Cifre che inevitabilmente hanno tagliato fuori tantissime nazioni – lasciando di fatto la possibilità di spostarsi soltanto a eritrei, siriani e iracheni – ma soprattutto fatto sì che i diritti dei singoli migranti venissero trattati alla luce di considerazioni che poco hanno a che fare con le persecuzioni. «Alcune nazioni extracomunitarie, come quelle dell’Africa Occidentale, sono considerate luoghi da cui partono soltanto migranti economici. Ma ciò è sbagliato – conclude Ottaviano – perché non si può decidere del diritto di asilo di una persona soltanto in base alla sua provenienza».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La commissione europea ha archiviato i procedimenti di infrazione contro il nostro Paese e la Grecia, in merito alle presunte carenze nei centri di identificazione. Le associazioni, però, rimarcano i pochi risultati della relocation. «L'attuale normativa imprigiona i richiedenti asilo», dichiara Paola Ottaviano di Borderline Sicilia

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]