Messina, sfiducia ad Accorinti subito abortita Tutti lo criticano, ma nessuno vota contro

Renato Accorinti, a Messina nessuno lo vuole ma tutti se lo pigliano. A gettare il sasso nello stagno, Piero Adamo, consigliere comunale di SiAmo Messina. Sua la proposta di sfiducia, avallata dall’associazione Vento dello Stretto. Ma, per una legge più politica che fisica, l’acqua rimane piatta. E delle altre 15 firme che occorrerebbero, in aula, per rimandare la città al voto, all’orizzonte non se ne intravede nemmeno una.

La difficoltà, evidenziata dagli altri gruppi consiliari, non nasce – almeno ufficialmente – dalla volontà di lasciare al suo posto il sindaco, bensì dal rifiuto di aderire a un’istanza di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale o di digerirne i modi. Anche perché, nella sostanza, le contestazioni di Adamo sono quelle da più parti avanzate in questi due anni di amministrazione: dalla questione dei migranti, al palagiustizia satellite; dalle inefficienze nell’agganciare i finanziamenti comunitari alla mobilità sullo Stretto, incluso il mistero dei fondi Ecopass; dalla gestione dei servizi sociali, culminata con le dimissioni di Nino Mantineo, all’isolamento istituzionale.

Il primo a voler concedere ancora tempo al primo cittadino, che ha una rappresentanza in assemblea di appena due componenti su 40, è il gruppo dell’Udc. Da più parti indicato come la sua «stampella», a causa dell’influenza che l’ex ministro Gianpiero D’Alia e il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, eserciterebbero sulla giunta municipale: «Siamo stati i primi a chiedere le dimissioni di Mantineo – afferma Mariella Perrone – così come nel caso dell’assessore Daniele Ialacqua, vista la disastrosa situazione dei rifiuti. Ma non riteniamo di fare lo stesso con Accorinti. Abbiamo sostenuto il piano di riequilibrio e, coerentemente, ne attendiamo l’esito».

In attesa del responso della Corte di conti sui rimedi anti dissesto, pure il Partito democratico, con le sue appendici, e Forza Italia. Il capogruppo del Pd, Paolo David ritiene «doveroso incontrare prima i vertici del partito e della coalizione, aspettando di avere più certezze sul riequilibrio. La fuga in avanti di Adamo non ha senso». Carlo Cantali (Felice per Messina) accusa «Vento dello Stretto e buona parte della destra messinese» di aver contribuito a «fare eleggere un sindaco di ultrasinistra e una giunta al cui interno vi sono anche posizioni vetero-marxiste». «L’unica strada perseguibile nell’interesse della città – prosegue – potrebbe scaturire da un ripensamento della composizione della giunta, magari valutando l’apertura di un tavolo di confronto con il centrosinistra».

Alla finestra, aspettando di sapere se sarà riequilibrio o meno, Salvo Vernaci, coordinatore comunale dei Democratici e riformisti: «Il gruppo è pronto a votare immediatamente la sfiducia ma sarebbe tecnicamente più opportuno attendere il responso». «Senza aver abbozzato un progetto alternativo, la mozione avrebbe forse solo il sapore di propaganda elettorale», prosegue Versaci, ritenendo «indispensabile e opportuno affrontare il tema con la coalizione politica di riferimento, in maniera unitaria, per ragionare finalmente su un nuovo disegno politico della Messina di domani».

Per Pippo Trischitta, capogruppo di Forza Italia, «è solo una proposta di mozione. La colpa di Adamo è di non avere coinvolto nessuno per prendersi il merito». «Esecutivo al capolinea», secondo Daniela Faranda, capogruppo del Ncd: «È giunto il momento di capire come e quando interrompere questa esperienza amministrativa». Il Megafono, infine, rivendica la paternità della mozione di sfiducia: «Alla luce della sua incapacità di gestire la macchina amministrativa, già prima di Adamo, abbiamo chiesto al sindaco, in aula, di fare un passo indietro», riferisce Nora Scuderi. «Non potremmo mai prendere in considerazione una proposta proveniente dalla destra – ammette Gino Sturniolo, ex di Cambiamo Messina dal basso con Nina Lo Presti – se volessimo una mozione di sfiducia la costruiremmo noi. In ogni caso i tempi non ci sembrano maturi».

A plaudire all’iniziativa del consigliere di SiAmo Messina è solamente la Federazione nuova destra, realtà in ogni caso extraconsiliare: «Chi altri potrebbe, se non i consiglieri comunali, affrontare con risolutezza il problema? Confidiamo in tutti quelli che hanno un briciolo di rispetto per i cittadini e per lo stesso ruolo che detengono». Per il momento, però, sembra che il sindaco non emulerà l’amica Maria Teresa Collica, defenestrata lo scorso marzo e sconfitta, poco dopo, alle elezioni anticipate di Barcellona Pozzo di Gotto. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]