Le estorsioni dei salumi al minimarket di Melilli: «Gli ho dato una timpulata, le situazioni si devono sfruttare tutte»

«Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». E Giuseppe Montagno Bozzone non avrebbe voluto lasciarsi sfuggire nemmeno una fetta. In questo caso, quelle dei salumi di un piccolo negozio di generi alimentari di Melilli (nel Siracusano). Prosciutti e salami da avere gratis per portarli al figlio Antonino, detenuto nella casa circondariale di Caltagirone, in provincia di Catania. Così, dopo un iniziale rifiuto da parte del titolare del minimarket, l’esponente del clan Nardo sarebbe passato ai metodi estortivi. Anche di questo, infatti, è accusato Montagno Bozzone che è tra gli arrestati di oggi dell’operazione Asmundo che ha portato ai domiciliari anche l’ex assessore regionale ed ex sindaco melillese Pippo Sorbello per scambio di voto politico-mafioso.

«Tu ma diri chi stai facennu (Tu mi devi dire che cosa stai facendo, ndr)». Una minacciosa richiesta di spiegazioni sarebbe stato il primo approccio di Montagno Bozzone con il titolare che non si sarebbe fatto trovare all’interno dell’attività commerciale per consegnare gratis la spesa alla moglie. «Pippo, basta che tu mi fai un segnale e lo scasso tutto». Un solo cenno sarebbe bastato per passare dalle parole ai fatti ad Antonino Puglia (anche lui tra gli arrestati) che lo accompagna davanti al minimarket della vittima. Un commerciante che, negli anni precedenti, aveva sempre denunciato i numerosi atti intimidatori subiti – dagli incendi ai danneggiamenti di vario tipo fino alle esplosioni di colpi d’arma da fuoco – ma che, questa volta, decide di chiedere l’intercessione a esponenti mafiosi catanesi del clan Santapaola-Ercolano. Anche perché, intanto, dai salumi e qualche busta di spesa, Montagno Bozzone sarebbe passato l’idea di fargli chiedere 10mila euro da consegnare subito da Vincenzo Formica (pure lui tra gli arrestati con l’accusa di essere uno degli organizzatori e referenti del clan Nardo a Melilli).

«Si ni iu a Catania a ricurriri (se n’è andato a Catania a chiedere aiuto, ndr) e ju a fici u nomu mio (e gli ha fatto il mio nome, ndr) a parti i N, i Nitto». La vittima si sarebbe rivolta dunque alla famiglia mafiosa riconducibile allo storico boss Benedetto Santapaola. Uno sgarbo che Montagno Bozzone non può accettare. «Ci fici veniri i vermi, ca sa va misu macari a chiangiri (gli ho fatto venire i vermi che si era pure messo a piangere, ndr)». Per questo, insieme ad altri due indagati – Salvatore Razzisi e Antonino Puglia – organizza una sorta di spedizione punitiva fuori dal minimarket. «Ora voglio conto e soddisfazione, ma sempre pirchì ti portu rispetto – dice Montagno Bozzone a uno dei due – tu pigghi e cià rumpiri tutti i corna (tu prendi e gli rompi tutte le corna, ovvero lo aggredisci, ndr)». Una lezione per il commerciante che prova a opporre resistenza alle richieste di estorsione.

«Ma nun pinsari, ci dissi (ma non pensare, gli ho detto, ndr) – chiarisce Montagno Bozzone riportando alla moglie il dialogo avuto con la vittima – picchì ti pari hai ‘ssi sbirri ciù assai di tia (perché hai a quelli che sono più sbirri di te, con riferimento ai mafiosi etnei, ndr) alle volte ti stai impressionando, ma vedi che ti stai sbagliando. L’autra vota tagghiu lassatu iri, da ora in poi t’abbissu io (L’altra volta ti ho lasciato perdere, ma da ora in poi ti sistemo io, ndr)». Stando a quanto riferito da Montagno Bozzone alla consorte, a quel punto, la vittima avrebbe ceduto: «Falla venire e si prende tutto quello che vuole». In realtà, il vero metodo utilizzato per convincere il commerciante, l’uomo lo spiega qualche giorno dopo al figlio. «Cià ‘mpicchiai na timpulata (gli ho dato uno schiaffo, ndr). Che quando fu per i salumi da portare a te non me li ha voluti dare». Arriva il ceffone e arrivano anche i salumi. Nonostante il titolare del minimarket avesse provato a sottrarsi alle richieste estorsive, anche rivolgendosi a chi starebbe un gradino più in alto nella scala dell’organizzazione criminale, poi «si è messo a disposizione. Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». Come a dire, del maiale non si butta via niente, nemmeno una fetta di un salume.


Dalla stessa categoria

I più letti

«Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». E Giuseppe Montagno Bozzone non avrebbe voluto lasciarsi sfuggire nemmeno una fetta. In questo caso, quelle dei salumi di un piccolo negozio di generi alimentari di Melilli (nel Siracusano). Prosciutti e salami da avere gratis per portarli al figlio Antonino, detenuto nella casa circondariale di Caltagirone, in provincia […]

«Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». E Giuseppe Montagno Bozzone non avrebbe voluto lasciarsi sfuggire nemmeno una fetta. In questo caso, quelle dei salumi di un piccolo negozio di generi alimentari di Melilli (nel Siracusano). Prosciutti e salami da avere gratis per portarli al figlio Antonino, detenuto nella casa circondariale di Caltagirone, in provincia […]

«Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». E Giuseppe Montagno Bozzone non avrebbe voluto lasciarsi sfuggire nemmeno una fetta. In questo caso, quelle dei salumi di un piccolo negozio di generi alimentari di Melilli (nel Siracusano). Prosciutti e salami da avere gratis per portarli al figlio Antonino, detenuto nella casa circondariale di Caltagirone, in provincia […]

«Uno le situazioni le deve sfruttare tutte». E Giuseppe Montagno Bozzone non avrebbe voluto lasciarsi sfuggire nemmeno una fetta. In questo caso, quelle dei salumi di un piccolo negozio di generi alimentari di Melilli (nel Siracusano). Prosciutti e salami da avere gratis per portarli al figlio Antonino, detenuto nella casa circondariale di Caltagirone, in provincia […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]