Melbourne, la finale è Nadal-Djokovic

Ad un certo punto sembrava finita. Murray va a servire per il terzo set e Djokovic non riesce a più a tenere il ritmo di un avversario che sembra sempre più tranquillo. Invece no, Murray riesce a regalare il break. Nonostante gli sforzi però, lo scozzese proprio non riesce a perderlo questo terzo set e si trova avanti due set a uno. Dall’altra parte Djokovic boccheggia, orami da circa un’ora e mezzo. Sembra che non ce la faccia più, urla e strepita rivolto verso il suo angolo. Venti minuti dopo invece che sotot la doccia i due sono sul punteggio di due set pari dopo un 6-1 con tre break a favore del serbo.

Il quinto set torna alla normalità fino al sesto gioco, servizio Murray. Sulla palla break un recupero di Djokovic, ancora più insensato di quello fatto ieri da Nadal sulla palla break decisiva del suo match con Federer, raggiunge la luna e precipita sull’ultimo metro del campo di Murray. Lo scozzese riesce a giocare un colpo in più del Federer della sera precedente, ma vincere tre volte lo stesso punto è impresa improba per chiunque e Murray cede servizio e, sembra, partita. Si arriva così sul 5-3 con il serbo che serve per andare a recitare il solito canovaccio, dopodomani contro Nadal. Lì non ne imbrocca una, Murray gioca come in paradiso, strappa il servizio, e sullo slancio si porta sul 5 pari 15-40. Ecco, alla fine lo vincerà questo benedetto slam un britannico. Come no, figurarsi. Djokovic recupera tutto quanto e chiude in gloria su un raccapricciante turno di servizio del povero scozzese.

Abbiamo cominciato dalla fine perché francamente fino alla metà del terzo set abbiamo visto uno spettacolo degno della prima settimana di questo poco avvincente torneo. Break in continuazione, braccia contratte, soluzioni tattiche inesistenti, la seconda semifinale riusciva ad essere persino meno spettacolare di quella tra Federer e Nadal. Il primo set viveva di tre break, arrivati tutti quanti nella parte centrale, sequenza dalla quale usciva vincitore il serbo, che si portava persino sul 2-0 del secondo e con l’opportunità di arrivare 3-0 con il doppio break. Da quel momento il serbo non teneva più un servizio e si faceva raggiungere, in una gara a chi sbagliava di più, sul set pari. Dalla metà del terzo, come raccontato, la vicenda si faceva epica e persino il livello di gioco saliva vertiginosamente. Rimane, per le anime candide come quella di chi scrive, il mistero di alcuni giocatori contemporanei che iniziano l’incontro in debito di ossigeno e lo finiscono con l’aria di chi ha bisogno di una corsetta o una nuotatina per allenarsi un altro po’. Due di questi si affronteranno domenica prossima per la finalissima, mettetevi comodi e preparatevi a urla, recuperi e grugniti. E alle scuse al povero mister Laver per non essere riusciti a mettere dall’altra parte una volèe decente.

Per quanto possano fare i maschietti, difficilmente i loro decibel arriveranno a sfiorare le inimmaginabili vette che le signore Azarenka e Sharapova raggiungeranno nella nottata italiana. Arrivate in finale a forza di urla e botte, sia consentito di esagerare un po’, incapaci di una variazione che una, si assisterà ad un fantastico braccio di ferro tra due che, di loro, sembrano anche aggraziate e fragiline. Ma appena vedono una rete, delle linee, una racchetta e delle palline le due si trasformano in incredibili fighters che eviteresti volentieri di incontrare in vicoli bui. La bielorussa Azarenka è alla sua prima finale mentre la siberiana Sharapova ha cominciato nell’ormai lontano 2004 ed è alla sua sesta finale con un buon bilancio (3-2). Come già nel caso delle due semifinali maschili, la partita è piena di incognite, la Azarenka è in questo momento più in palla, ma già contro la Clijsters ha rischiato grosso. Dall’altra parte la Sharapova non è certo ai livelli pre-infortunio e il servizio rimane un vero tormento, ma se l’altra mostra un solo cenno di debolezza sarà prontissima ad approfittarne. Giocassero bene a tennis e non si limitassero a colpire fortissimo sarebbe una gran partita, purtroppo possiamo solo sperare in un po’ di pathos.

 

Risultato seconda semifinale maschile: Djokovic b. Murray 6/3 3/6 6/7 (4) 6/1 7/5

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ad un certo punto sembrava finita. Murray va a servire per il terzo set e djokovic non riesce a più a tenere il ritmo di un avversario che sembra sempre più tranquillo. Invece no, murray riesce a regalare il break. Nonostante gli sforzi però, lo scozzese proprio non riesce a perderlo questo terzo set e si trova avanti due set a uno. Dall'altra parte djokovic boccheggia, orami da circa un'ora e mezzo. Sembra che non ce la faccia più, urla e strepita rivolto verso il suo angolo. Venti minuti dopo invece che sotot la doccia i due sono sul punteggio di due set pari dopo un 6-1 con tre break a favore del serbo.

Ad un certo punto sembrava finita. Murray va a servire per il terzo set e djokovic non riesce a più a tenere il ritmo di un avversario che sembra sempre più tranquillo. Invece no, murray riesce a regalare il break. Nonostante gli sforzi però, lo scozzese proprio non riesce a perderlo questo terzo set e si trova avanti due set a uno. Dall'altra parte djokovic boccheggia, orami da circa un'ora e mezzo. Sembra che non ce la faccia più, urla e strepita rivolto verso il suo angolo. Venti minuti dopo invece che sotot la doccia i due sono sul punteggio di due set pari dopo un 6-1 con tre break a favore del serbo.

Ad un certo punto sembrava finita. Murray va a servire per il terzo set e djokovic non riesce a più a tenere il ritmo di un avversario che sembra sempre più tranquillo. Invece no, murray riesce a regalare il break. Nonostante gli sforzi però, lo scozzese proprio non riesce a perderlo questo terzo set e si trova avanti due set a uno. Dall'altra parte djokovic boccheggia, orami da circa un'ora e mezzo. Sembra che non ce la faccia più, urla e strepita rivolto verso il suo angolo. Venti minuti dopo invece che sotot la doccia i due sono sul punteggio di due set pari dopo un 6-1 con tre break a favore del serbo.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]