Sangue: il meeting delle associazioni che si occupano di donazioni. «Calano i volontari e c’è l’emergenza giovani»

Volge al termine il conto alla rovescia per il Sesto meeting regionale – dal 17 al 18 giugno – a cura della Federazione siciliana delle associazioni Donatori di sangue, in collaborazione con la Advs Fidas Catania. Nella prima giornata, organizzata all’interno dell’hotel Le Dune, sono attese circa cento presenze con persone provenienti da oltre i confini dell’Isola. Focus dell’incontro è l’andamento delle donazioni a livello regionale e l’individuazione delle possibili soluzioni alle criticità che emergono dal sistema. L’obiettivo primario della federazione consiste nella sensibilizzazione delle nuove generazioni, rivelatesi poco o per niente inclini al gesto della donazione. Scopo dell’evento, infatti, sarà anche quello di andare a sondare le problematiche che si celano dietro questa chiusura da parte dei giovani. Lo scopo principale della Fidas è quello di «arrivare all’autosufficienza al sangue che purtroppo ancora nella regione non è stata raggiunta», come fa notare il presidente regionale della federazione Salvatore Caruso

All’interno del programma di incontri spicca quello con Francesco Pira, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’università di Messina, volto all’approfondimento delle motivazioni e delle problematiche di natura comunicativa correlate alla carenza di giovani volontari. Il dato allarmante viene evidenziato a MeridioNews dallo stesso Caruso: «Già da qualche anno notiamo un calo dei donatori soprattutto nelle fasce giovanili (dai 18 ai 35 anni). Dato che si registra in tutto il mondo del volontariato e del terzo settore. La conferma arriva dall’Istat attraverso un censimento risalente al 31 dicembre 2021 che evidenzia un calo del 15,7 per cento di volontari dal 2015 al 2021. Quindi negli ultimi sei anni c’è stata una riduzione derivante soprattutto dalla classe giovanile». 

Cosa s’intende con l’espressione crisi del volontariato o dei volontari usata nel programma?  
«In maniera anche provocatoria ci vogliamo chiedere se sono i giovani il problema o è il volontariato che pecca su qualche fronte. Dunque: sono i giovani indifferenti rispetto all’impegno sociale o è il volontariato stesso a non essere più appetibile verso di essi? Da un lato emerge palesemente la necessità di invertire il trend negativo delle nuove generazioni. Ma dall’altro lato, a dare soddisfazioni e a fungere da esempio, ci pensano le persone appartenenti ai target di età che vanno dai 45 anni in su». 

È ormai risaputo che in estate diminuisce l’afflusso dei donatori. Come vi state organizzando e quali sono le previsioni per il 2023?
«Purtroppo non ci sono particolari strategie che sono state messe in campo. Il calo delle donazioni in estate è fisiologico ed è legato alla disattenzione dei donatori presi dal clima vacanziero. La Sicilia, essendo in forte precarietà, ha fatto ricorso all’aiuto delle province più virtuose nei periodi di scarsità. Importazioni che arrivano da Siracusa, Enna, Caltanissetta e Ragusa, ma anche da oltre i confini regionali come nel caso dell’Emilia-Romagna. Sicuramente anche il Covid ha contribuito a questa riduzione del flusso di donatori e recuperare queste perdite è sempre difficoltoso».

Si fatica a raggiungere le unità di sangue necessarie.
«Solo a Catania, a proposito di dati che fanno preoccupare, in quelli previsionali del 2023 c’è una necessità di fabbisogno durante l’intero anno pari alle oltre 10mila unità di sangue. Mentre sul fronte regionale abbiamo bisogno di oltre 202mila unità e si prevede di raggiungerne 200mila circa, dunque con un gap di almeno 2mila unità. Sicuramente ci sono province più di altre che hanno bisogno di donazioni, nel Catanese sono moltissimi per esempio i soggetti talassemici che hanno bisogno continuamente di trasfusioni. Solo l’ospedale Garibaldi assiste oltre duecento pazienti affetti da talassemia. Questi ultimi hanno bisogno di una o due trasfusioni di sangue ogni quindici/venti giorni, quindi in un anno si va dalle ventiquattro alle trenta trasfusioni. Solo attraverso questo calcolo ci si rende conto dell’importanza delle donazioni. In maniera ufficiosa è stato comunicato che nemmeno l’Emilia Romagna quest’anno potrà contribuire alle donazioni a causa del disastro provocato dalle inondazioni. La preoccupazione è rivolta soprattutto alle strutture ospedaliere, in quanto si prevede come avvenuto la scorsa estate negli ospedali messinesi, di essere costretti a interrompere o rinviare gli interventi non urgenti proprio per la carenza di sangue e a non poter aiutare i pazienti talassemici».

Sul fronte della carenza di donatori c’è anche una questione culturale: il divario tra nord e sud Italia.
«Lo avvertiamo chiaramente quando facciamo le campagne all’interno delle scuole come il disinteresse sia marcato da parte dei giovani verso le donazioni. Noi abbiamo esperienze che provengono dal nord Italia in cui la cultura della donazione è molto diffusa. Il primo gesto che i giovani compiono nel giorno del loro diciottesimo è quello di andare a donare. Mentre in Sicilia, quando ci confrontiamo con i giovani viene fuori ancora il pregiudizio legato alle eventuali infezioni o alla paura dell’ago. Preoccupazioni scongiurate dal fatto che ormai la donazione è un atto sanitario sicuro che non provoca alcuna reazione». 

Come si svolge il processo di donazione?
«In Sicilia già da qualche anno esiste la cosiddetta pre donazione: analisi preventiva con una visita e un prelievo per verificare i valori idonei alle donazioni di sangue. Per farlo basta recarsi nelle unità di raccolta o associative o nelle strutture ospedaliere più vicine a noi. Il tutto tramite prenotazione per evitare perdite di tempo come, invece, accadeva in passato. Le donazioni di sangue intero possono essere effettuate ogni tre mesi dagli uomini e due volte all’anno per quanto riguarda le donne. Vi sono anche donazioni specifiche come nel caso del plasma: componente del sangue fondamentale per la produzione dei farmaci emoderivati (immunoglobine e anticoagulanti). In Sicilia a tal proposito avremmo bisogno di 77mila unità annuali e l’anno scorso ne abbiamo raccolte appena 66mila».

di Chiara Gangemi


Dalla stessa categoria

I più letti

Volge al termine il conto alla rovescia per il Sesto meeting regionale – dal 17 al 18 giugno – a cura della Federazione siciliana delle associazioni Donatori di sangue, in collaborazione con la Advs Fidas Catania. Nella prima giornata, organizzata all’interno dell’hotel Le Dune, sono attese circa cento presenze con persone provenienti da oltre i […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]