Maurizio Bernava: “Il nuovo assessore alla Formazione dia risposte all’emergenza sociale e si sottragga ai boss della politica”

IL SEGRETARIO GENERALE DELLA CISL SICILIANA RIPERCORRE I DISASTRI DEL GOVERNO CROCETTA NEL SETTORE E ‘DISEGNA’ IL PERCORSO OBBLIGATORIO PER EVITARE LA CATASTROFE SOCIALE ED ECONOMICA

Dopo l’annuncio del Crocetta-ter torna ad alzarsi l’asticella del confronto politico-sindacale a distanza sui temi scottanti della Formazione professionale e sull’emergenza sociale amplificata da un biennio disastroso che ha condotto il settore alla deriva e che ha visto protagonista l’asse Crocetta-Scilabra-Lumia.

In una intervista rilasciata al nostro giornale, Maurizio Bernava, da poco segretario nazionale della Cisl, traccia il consuntivo del fallimento politico e amministrativo dei primi due anni del Governo del presidente Rosario Crocetta in Sicilia e nella Formazione professionale e anticipa i possibili scenari che riguarderanno il settore ed il suo futuro.

In attesa che trovi conferma l’assegnazione delle deleghe assessoriali del Lavoro e della Formazione professionale, rispettivamente al docente di Diritto del Lavoro presso l’Università di Catania, Sebastiano Bruno Caruso, ed all’ex assessore al Territorio ed Ambiente del primo governo Crocetta, affrontiamo con il segretario regionale della Cisl l’analisi dal punto di vista del sindacato che più degli altri ha lanciato nei mesi scorsi una vera a propria ‘crociata’ contro l’operato ‘sgangherato’ del Governo regionale.

“Con il Crocetta ter – osserva Bernava – si completa il disegno politico di bruciare prima la dottoressa Anna Rosa Corsello, ex dirigente generale dei dipartimenti Lavoro e Formazione professionale e poi l’assessore Nelli Scilabra. E’ stata effettuata una sorta di ‘operazione chirurgica’ non per ripulire il settore dalle porcherie, ma per ridurre il costo del personale. Adesso circa 1,4 miliardi di euro di fondi comunitari sono pronti per essere gestiti nei prossimi anni”.

“Obiettivo centrato dai ‘manovratori’ che hanno lasciato i lavoratori nella disperazione – aggiunge il segretario nazionale della Cisl – utilizzando l’ormai ex assessore Nelli Scilabra come una sprovveduta messa lì a bombardare il sistema senza fare riforme e innovazioni, ma smantellando i servizi, senza alcuna proposta. La persona al posto giusto per creare confusione, lasciare un cumulo di debiti ed il controllo e la pressione sulla politica”.

“Il nuovo assessore alla Formazione – dice sempre Bernava – non si faccia mettere al volante degli stessi politici irresponsabili e cinici che hanno messo la croce nelle mani alla Scilabra, utilizzando bugie, menzogne e inchieste giudiziarie, in piedi da tempo, per far credere ad un’operazione-pulizia e pensi subito a ricostruire con il mondo sindacale tutto unito il sistema formativo che deve essere diverso da quello del passato”.

Secondo il leader siciliano della Cisl, guardando in avanti e in maniera propositiva, è necessario “far partire la nuova Formazione professionale su tre pilastri collegati come i vasi comunicanti: Obbligo scolastico e Interventi formativi devono essere strettamente interconnessi con i Servizi del Lavoro ad oggi inesistenti e che vanno messi in pista da subito”.

Resta negativo il giudizio sul quanto fatto fino ad oggi dal Governo Crocetta che, secondo Bernava, ha operato in perfetta continuità con il passato esecutivo di Raffaele Lombardo.

“Il nostro sindacato ha abiurato e sconfessato il vecchio sistema di clientele e saccheggio già dal 2009 – putualizza l’esponente sindacale cislino -. Vorrei ricordare al segretario generale della presidenza della Regione, Patrizia Monterosso le grandi battaglie sindacali che hanno portato alla cacciata dell’allora assessore al Lavoro e alla Formazione professionale, Carmelo Incardona, in un momento in cui l’ingresso degli enti formativi era fuori controllo, le assunzioni di lavoratori effettuate a go-gò e si rendicontava senza controlli seri”.

“Si arriva così alla delibera approvata dalla Commissione regionale per l’Impiego del 5 marzo 2009 – ricorda ancora Bernava -. Provvedimento che doveva rappresentare la svolta per il settore della formazione professionale. Da allora non c’è stato alcun cambio di marcia se non l’utilizzo delle risorse del Fondo sociale europeo messe nelle mani di una burocrazia incompetente e quindi incapace di gestire le procedure comunitarie”.

Per la Cisl adesso bisogna voltare pagina e ripartire senza perder tempo.

“Oggi bisogna puntare sul mercato del lavoro per riutilizzare i 1800 operatori ex Sportelli multifunzionali – dice ancora Bernava -. Bisogna far ripartire l’Oif. Bisogna rimettere in moto un sistema di accreditamento rigoroso e selettivo al quale affiancare una Formazione che funzioni. Passaggio necessario per ridare respiro ai lavoratori, far partire i servizi per il lavoro visto che la Regione siciliana è a rischio per l’interruzione di un servizio di rilievo pubblico”.

“Auspichiamo inoltre – aggiunge il leader della Cisl – un rinnovato confronto con il mondo del sindacato unito e con un assessore al Lavoro meno desaparecido (il riferimento è a Giuseppe Bruno, ex assessore) e più presente, trovando gli strumenti per accompagnare la ristrutturazione del sistema con il sostegno al reddito dei lavoratori. Utilizzare i famosi 45 milioni che abbiamo ottenuto noi grazie all’ex ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, e chiudere la stagione dei bombardamenti e della strumentalità dell’uso della formazione professionale. Ripartire con questa concretezza ponendo fine al massacro sociale”.

“Va evitato – auspica l’esponente sindacale – di scaricare sul nuovo assessore l’esasperazione del conflitto sociale e Crocetta deve smetterla di criminalizzare i problemi. I problemi, infatti, vanno risolti non certo con le comparse al Giletti-show di RaiUno”.

“Dal 2009 nel ruolo di segretario generale in Sicilia mi sono speso molto per liberare la Cisl nel settore della Formazione professionale dal cancro dello Ial, ente di formazione di proprietà del sindacato – ci dice Bernava -. Così come sin dai primi passi del governo Lombardo – era il 18 dicembre 2008 – abbiamo cercato di coniugare quello che Crocetta & C. non hanno saputo fare e cioè cambiare con coraggio, riqualificare e bonificare il vecchio sistema della Formazione professionale, armonizzandolo con l’esigenza di mantenere il più possibile il patrimonio e la professionalità degli operatori. Operazione che era ed è ancora possibile viste le condizioni del mercato del lavoro in Sicilia”.

“Sono rammaricato – aggiunge – perché negli ultimi mesi (fine luglio) ho tentato di spiegare all’ex assessore Scilabra, per ore e ore, che non andava bene la sua politica e che serviva maggiore sensibilità all’aspetto sociale con interventi di ristrutturazione sulle due filiere Oif e Interventi e con un sistema di accreditamento rigido e chiaro. Nessuno ha ancora applicato in Sicilia un sistema moderno di accreditamento come previsto Legge 40/87”.

Il segretario nazionale della Cisl fa esplicito riferimento al ritardo accumulato dal Governo Crocetta in ordine alla definizione per la Sicilia del modello che Isfol e Tecnostruttura hanno definito nel marzo 2008. Si tratta di un nuovo sistema di accreditamento incentrato sulla qualità dei servizi e sull’accertamento dei risultati degli interventi formativi (“Accreditamento per la qualità dei servizi” Intesa Stato regioni – Marzo 2008, pubblicato su Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana n.18 del 23 gennaio 2009”) .

Bernava ricorda poi come l’ex assessore Scilabra, complici i ‘manovratori’, sia rimasta insensibile al suggerimento della Cisl sulla possibile convenzione con il Ministero dell’Innovazione e della Pubblica istruzione.

“La convenzione avrebbe portato a recuperare l’80 per cento della Filiera Oif – spiega il sindacalista – appoggiandosi a scuole e Comuni per abbattere i costi ed impiegare più lavoratori con indirizzi specifici educativo-formativi come lingua straniera, informatica, servizi alla comunità, puntando anche all’alta formazione con il mondo dell’impresa con apprendistato e tirocini”.

“Per fare questo la Scilabra – rincara la dose Bernava – doveva smettere di prendere ordini da chi prima l’ha promossa, utilizzata e poi mollata, e legarsi concretamente al mondo del lavoro, sociale e produttivo”.

“L’assessore che verrà – conclude Bernava – dovrà dare scegliere tra una Formazione professionale che, al pari dell’energia, serve a creare equilibri con comitati elettorali e boss della politica per un patto di gestione del potere, e una Formazione che, invece, deve dare risposte al mercato del lavoro ed all’emergenza sociale”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]