Massoneria, i dettagli inquietanti in Antimafia Ex gran maestro: «Rapporti con Cosa Nostra»

Mafie e massoneria. Ne ha parlato ieri davanti alla Commissione parlamentare nazionale antimafia, Giuliano Di Bernardo, già Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, entrato a 22 anni nella massoneria, dimessosi dal Goi nell’aprile 1993, ad appena tre anni dal suo insediamento, e che ha recentemente fondato un nuovo ordine, Dignity. Ieri ha rivelato particolari inquietanti – seppure non del tutto inediti – della sua esperienza alla guida della loggia più grande del Paese, soffermandosi sui rapporti con Cosa Nostra e con la ‘ndrangheta

«Ricordo una riunione a Palermo – ha raccontanto – credevo di trovarmi di fronte a tutti i fratelli e mi sentii dire dal numero uno della massoneria siciliana di non accettare l’invito del presidente del collegio regionale perché aveva a che fare con la mafia. Era un avvocato e avevo parlato con questa persona che mi era sembrata degna di ogni fiducia e rispetto». Di Bernardo è stato sentito dalla commissione Antimafia nell’ambito di una serie di audizioni finalizzate ad approfondire proprio i legami tra massoneria e criminalità organizzata. 

Dopo l’esperienza palermitana, Di Bernardo comincia a maturare l’idea di abbandonare il Goi. «Mi dissi: c’è qualcosa che stride con i principi e la visione che mi sono sempre fatto della massoneria. Aprii un Osservatorio sulla Sicilia – ha aggiunto davanti ai deputati – e proprio in quei mesi del 1990 il sindaco di Castelvetrano, Antonio Vaccarino, fu arrestato in quanto membro della mafia. Feci in modo che immediatamente fosse sospeso dal Goi. La verità è che le cose che avvengono nelle realtà locali si vengono a sapere solo per caso anche se ci sono gli ispettori che dovrebbero controllare. Ma lo fanno?». Il sindaco di Castelvetrano fu sospeso e mandato davanti a giustizia massonica. Ma secondo quanto ha riferito Di Bernardo, che qualcuno sia condannato dalla giustizia massonica «è un evento eccezionale». 

L’ex gran maestro ha parlato anche dei rapporti tra massoneria e ‘ndrangheta, la cui scoperta sarebbe alla base della sua decisione di lasciare il Grande oriente d’Italia. «Diverse sono le ragioni che portarono alle mie dimissioni da Gran Maestro del Goi, ma quella che fu determinante fu connessa con l’inchiesta del procuratore di Palmi Agostino Cordova. Vedo oggi ripresentarsi le stesse condizioni del 1992, quasi fosse una fotocopia». Di Bernardo ha raccontato che la prima volta che incontrò il procuratore Cordova – aveva già consegnato gli elenchi degli iscritti calabresi al Goi – gli chiese perché volesse anche gli elenchi di tutti i massoni iscritti al Goi. «Mi rispose: dalle nostre verifiche è emerso che i massoni della Calabria hanno connessioni con i massoni del nord Italia e formulò l’ipotesi che la ‘ndrangheta stesse occupando le regioni del Nord servendosi anche della massoneria. Quella che era un’intuizione di Cordova a distanza di 20 anni è realtà». 

Quindi Di Bernardo conferma alla commissione quanto già dichiarato ai magistrati di Reggio Calabria nel 2014, quando fu sentito nell’inchiesta Mamma Santissima. «Ho deciso di dimettermi dal Goi perchè avevo constatato una realtà che mai avrei immaginato e che da quel momento mi sarei rifiutato di governare. Ho saputo dall’allora numero uno in Calabria che su 32 logge, 28 erano in mano alla ‘ndrangheta. Dopo sono stato crocifisso – ha affermato – i miei ritratti bruciati, ho ricevuto minacce inimmaginabili. L’allora ministro dell’Interno Mancino allertò il prefetto per farmi proteggere. Non ho potuto far capire ai miei confratelli le mie ragioni: ho lasciato una lettera che non è stata divulgata». 

Oggi l’ufficio di presidenza della Commissione parlamentare antimafia deciderà come procedere in merito all’inchiesta. È possibile che venga richiesto l’intervento della Finanza per sequestrare gli elenchi degli iscritti in Sicilia e in Calabria a quelle obbedienze – come il Goi – che non li hanno forniti.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]