Martone, c’è anche chi è d’accordo «L’ha solo detto nel modo sbagliato»

«Chi si laurea a 28 anni è uno sfigato», ha detto un paio di giorni fa il trentasettenne Michel Martone, viceministro al Lavoro e alle Politiche sociali. E io ho voglia di fare l’avvocato del diavolo e dargli ragione, perché secondo me in quello che ha detto un fondo di verità c’è. Poi, se volete dirmi che da un viceministro ci si aspetta che sappia spiegarsi bene quando parla e lui invece no, beh, posso essere d’accordo. E se aggiungete che da un viceministro ci aspetta anche che proponga delle soluzioni e lui sempre no, sono d’accordo lo stesso. Ma nella mia arringa, signori della giuria, di questo non parlerò, ché sennò mi cadono tutte le argomentazioni e faccio una figuraccia.

Ho l’impressione che chi passa tanto tempo a difendere i giovani che, poverini, sono sempre vittime del destino cinico e baro, spesso non guardi molto più in là del proprio naso. Ho l’impressione che quelli là nelle università non ci mettano piede da millenni. E se a parlare benissimo di ‘sti poveri ragazzi fagocitati da istituzioni universitarie da riprogrammare sono i ventenni, be’, mi viene da pensare che pure loro si fermino al fortunato giro di amici che hanno e non si spingano oltre.

La verità è che tra i miei coetanei ci sono un sacco di capre. E mi piace pensare che Martone si riferisse a loro.

Conosco gente che s’è iscritta all’università solo perché non sapeva che altro fare, gente che pensa a qualunque futilità fuorché allo studio. Al primo anno avevo colleghe che portavano lo smalto in aula e passavano il tempo a farsi belle, sfogliando giornali di gossip, mentre il professore spiegava. In rubrica ho i numeri di almeno tre laureandi a cui sono rimaste quattro materie e adesso fanno cose e vedono gente, pur di non essere costretti a cercare lavoro. So per filo e per segno la storia di quella ventisettenne in cui chiunque credeva da sempre, che era tra le prime posizioni nella graduatoria di ammissione alla facoltà a numero chiuso che aveva sempre sognato di frequentare e che da cinque anni paga tasse universitarie carissime senza nemmeno presentarsi a lezione.

E poi ho una discreta conoscenza di me stessa, in ritardo anche io, ma non perché io non voglia o non possa. Perché mi secca studiare. E la scusa del lavoro e dell’esperienza non regge. In realtà, se avessi voluto mi mancherebbe poco alla laurea triennale, e invece non ho voluto, me la sono presa comoda e per la triennale ci metterò almeno due anni in più rispetto a quanto previsto.

Sì, possiamo dire tutto quello che vogliamo.

L’università è sbagliata, sono d’accordo.

I programmi di studio vanno ripensati, è sacrosanto. I metodi d’insegnamento devono essere rivisti, sarebbe ora. Il mondo accademico è troppo lontano da quello del lavoro, ve ne siete accorti adesso? Non ci sono incentivi per i giovani, e servono, certo che servono. Tagliare sull’istruzione è lo sbaglio più grande che un governo possa fare, non ho dubbi in proposito. Bisogna aumentare il numero di borse di studio e favorire la meritocrazia, che cosa stiamo aspettando?

Quelle di cui sopra sono tutte validissime giustificazioni, mica dico di no. Sarei la prima a firmare se domani un ministro della Pubblica istruzione prendesse il sistema e lo rendesse flessibile, attraente, competitivo e meritocratico. Però prenderle come giustificazione per aspettare che le cose cambino seduti al bar a sorseggiare un cappuccino guardando fuori dalla vetrina mi pare da pazzi.

E no, non sto dimenticando le storie di impegno ed eccellenza, non sto dimenticando quelli che con tutta la bravura del mondo hanno inviato centinaia di curricula e stanno ancora aspettando una chiamata. Giuro che quelli non me li scordo. E li capisco anche se sono sconfortati, se non hanno più voglia di restare in Italia e pensano di andarsene senza guardarsi più indietro. So perfettamente che ci sono tanti miei coetanei che per problemi di famiglia o salute ritardano, e so che studiare e lavorare insieme è difficile (l’ho fatto, lo faccio). Non è con loro che ce l’ho. E immagino che non ce l’avesse con loro nemmeno Martone.

Io mi riferisco a quelli che dicono che l’università è una parte importante della loro vita e poi sono troppo pigri per scrivere la tesi. Mi rivolgo a quelli che nell’attesa di capire quello che vogliono fare da grandi perdono anni a guardare quant’è bello il cielo lassù, lamentandosi che «Eh, ma non c’è lavoro, che studio a fare? Tanto c’è papà che porta a casa lo stipendio anche per me». Parlo con gli studenti che si cullano nel loro status di studenti e lo usano per spiegare qualunque mancanza.

Da sfigata a sfigati, parliamoci chiaramente: abbiamo dato priorità ad altro.

[Foto di Sterlic]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Laurearsi a 28 anni è un fallimento? Niente a che vedere con i fuori corso per motivi famliari o di salute. «A me piace pensare che il viceministro si riferisse alle capre». A chi prende l'università come un parcheggio, in attesa che il sistema cambi e li incentivi. Riprendiamo dal blog di Vanity Fair il contributo della nostra redattrice Luisa Santangelo. Nei panni dell'avvocato del diavolo, «da sfigata a sfigati»

Laurearsi a 28 anni è un fallimento? Niente a che vedere con i fuori corso per motivi famliari o di salute. «A me piace pensare che il viceministro si riferisse alle capre». A chi prende l'università come un parcheggio, in attesa che il sistema cambi e li incentivi. Riprendiamo dal blog di Vanity Fair il contributo della nostra redattrice Luisa Santangelo. Nei panni dell'avvocato del diavolo, «da sfigata a sfigati»

Laurearsi a 28 anni è un fallimento? Niente a che vedere con i fuori corso per motivi famliari o di salute. «A me piace pensare che il viceministro si riferisse alle capre». A chi prende l'università come un parcheggio, in attesa che il sistema cambi e li incentivi. Riprendiamo dal blog di Vanity Fair il contributo della nostra redattrice Luisa Santangelo. Nei panni dell'avvocato del diavolo, «da sfigata a sfigati»

Laurearsi a 28 anni è un fallimento? Niente a che vedere con i fuori corso per motivi famliari o di salute. «A me piace pensare che il viceministro si riferisse alle capre». A chi prende l'università come un parcheggio, in attesa che il sistema cambi e li incentivi. Riprendiamo dal blog di Vanity Fair il contributo della nostra redattrice Luisa Santangelo. Nei panni dell'avvocato del diavolo, «da sfigata a sfigati»

Laurearsi a 28 anni è un fallimento? Niente a che vedere con i fuori corso per motivi famliari o di salute. «A me piace pensare che il viceministro si riferisse alle capre». A chi prende l'università come un parcheggio, in attesa che il sistema cambi e li incentivi. Riprendiamo dal blog di Vanity Fair il contributo della nostra redattrice Luisa Santangelo. Nei panni dell'avvocato del diavolo, «da sfigata a sfigati»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]