Mafia, si è pentito Domenico Assinnata junior Per lui l’inchino durante la festa di S. Barbara

Domenico Assinnata junior, rampollo della famiglia Assinnata figlio di Turi, capo indiscusso dell’omonimo clan operante nel territorio paternese e legato ai santapaoliani di Catania, da qualche settimana ha iniziato a collaborare con la magistratura. La conferma del salto del fossato arriva dalla notifica dell’avviso delle conclusioni indagini ai dodici soggetti coinvolti nell’operazione Assalto di fine agosto: infatti viene specificato, a proposito di Assinnata junior, che è «in atto detenuto per questa causa e domiciliato presso il servizio centrale di protezione».

Le indiscrezioni sul clamoroso passo indietro del figlio del boss si erano diffuse a Paternò nei primi giorni dello scorso ottobre. Le prime dichiarazioni del neo collaboratore di giustizia avrebbero consentito di chiudere il cerchio attorno ad altri soggetti coinvolti nell’operazione Assalto con contatti diretti con gli Assinnata. Nel registro degli indagati sono finite infatti altre due persone: Rocco Anello, 57 anni, calabrese della provincia di Vibo Valentia, attualmente detenuto per altra causa, e Francesco Iannino, catanese di 42 anni, denunciato a piede libero. 

Le dichiarazioni troverebbero conferma anche nelle accurate indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò. Tra gli Assinnata e Anello ci sarebbe stato un rapporto di affare molto particolare, in quanto gli esponenti del clan paternese si sarebbero forniti di marijuana e cocaina proprio in Calabria. Con l’operazione Assalto gli investigatori hanno esaminato il periodo che va dal maggio 2015 e a luglio 2017. In mezzo, i fatti del 2 dicembre 2015, ossia l’inchino dei cerei, le cosiddette varette, sotto casa di Domenico Assinnata junior, durante le celebrazioni di santa Barbara, patrona di Paternò. Per gli inquirenti quell’inchino – con relativo bacio del capovaretta a Domenico e successiva annacata, stava a testimoniare il passaggio del figlio del boss a reggente del clan malgrado la gioventù. Tutto però non sarebbe stato gradito dal vecchio boss Turi: «Non dobbiamo attirare l’attenzione», avrebbe detto in un’intercettazione captata dalle cimici della procura di Catania

A finire in manette ad agosto, oltre Domenico Assinnata, anche Erminio Laudani,49 anni; il figlio Gaetano, 21 anni; Marco Impellizzeri, 25 anni; Samuele Cannavò, 21 anni; Marco Giuseppe Sciacca, 24 anni; Cristian Terranova, 26 anni; Ivan Gianfranco Scuderi, 24 anni; Rosario Sammartino, 39 anni, e Salvatore Alex Atanasio, 26 anni. Gli indagati sono chiamati a rispondere «dei delitti di associazione di tipo mafioso – come si legge in un comunicato dei magistrati – in quanto ritenuti appartenenti al gruppo Assinnata, quale articolazione territoriale della famiglia mafiosa Santapaola di Catania, facente capo a Salvatore Assinnata, nonché di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, tentato omicidio e di estorsione con l’aggravante del metodo mafioso».

Aggiornamento del 10 novembre 2018, riceviamo e pubblichiamo dall’avvocato Carmelo Lo Presti:

A seguito della pubblicazione della notizia concernente le vicende giudiziarie del sig. Assinnata Domenico Junior, sento il dovere a tutela della mia assistita, Laudani Giuseppa Rachele, moglie del sig. Assinnata Domenico, di evidenziare l’assoluta falsità della notizia riportata che nuoce gravemente alla serenità della stessa. È mio dovere informarLa che il titolo dell’articolo giornalistico porta con sé il difetto di non aver verificato la veridicità di quanto affermato. La Sig.ra Laudani, infatti, non ha seguito il proprio marito e non trovasi, unitamente al di loro figlio presso alcun centro di protezione, così come riportato dal predetto articolo. Nel pieno rispetto del diritto di informazione e della libertà di stampa, la sig.ra Laudani specifica, altresì, di aver incaricato il sottoscritto professionista di presentare ricorso di separazione coniugale dal sig. Assinnata Domenico.   


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]