Mafia, processo Fiori Bianchi, condanne per 369 anni Alla sbarra il faccendiere a Roma dei Santapaola

Sono serviti molti minuti al giudice Anna Maggiore per leggere il dispositivo che ha inflitto complessivamente 369 anni di carcere agli imputati del processo di primo grado Fiori Bianchi 3, scaturito dall’operazione antimafia del 16 aprile 2013 condotta della Dda di Catania e dalla compagnia provinciale dei Carabinieri, allora diretta da Giuseppe La Gala. Più di cento indagati, di cui 60 imputati nel processo con il rito abbreviato, ritenuti dagli inquirenti appartenenti al nuovo organigramma di Cosa nostra catanese riconducibile alla famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano. Nell’inchiesta emerse la capillare spartizione  del territorio. Una suddivisione fatta nei quartieri della città e della provincia con l’alternarsi al vertice di tante vecchie conoscenze delle cronache giudiziarie. Una mafia tradizionale ancorata alle origini che operava con i gruppi del Villaggio Sant’Agata, Picanello, Ottanta palme, Civita, Cibali, Librino, Lineri ma anche con quelli dei paesi di Acireale, Belpasso, Mascalucia, Paternò, Fiumefreddo e Riposto. Le accuse contestate a vario titolo andavano dall’associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, estorsioni, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti e rapina.

Giorgio Cannizzaro, ritenuto uno tra gli elementi chiave dell’intera organizzazione mafiosa è stato condannato a otto anni con la relativa incapacità di contrarre con i pubblici uffici. Residente da anni a Roma, dalla capitale Cannizzaro secondo gli inquirenti avrebbe «gestito gli interessi della famiglia mafiosa». Ad emergere sono rapporti di primo piano con imprenditori e con membri delle istituzioni oltre a quelli confidenziali con alcuni prelati del Vaticano. In una telefonata intercettata nel dicembre 2008, durante una conversazione con un monsignore, contattato per un matrimonio in Vaticano, quest’ultimo così si rivolgeva a Cannizzaro: «Volevo solamente inginocchiarmi e dire grazie». 

Volevo solamente inginocchiarmi e dire grazie

Secondo i collaboratori di giustizia, nel suo ruolo di faccendiere sarebbe stato vicino ad Angelo Santapaola, poi inghiottito dalla lupara bianca nel settembre 2007. Poco prima dell’omicidio, per il pentito dei Carateddi Gaetano D’Aquino, Cannizzaro avrebbe addirittura fatto parte di un triumvirato della famiglia Santapaola, «con Pippo Ercolano e Natale D’Emanuele», che si sarebbe seduto al tavolo delle trattative con gli storici avversari del clan Cappelo, rappresentati da «Salvatore Caruso, Giovanni Colombrita e Gaetano La Guzzi» per discutere la rimozione di Angelo Santapaola dal ruolo di reggente.  I rapporti di Cannizzaro, per gli inquirenti, si sarebbero estesi anche a Palermo con «gli uomini d’onore del quartiere Porta Nuova», e con la mafia di Trapani «con il salemese Angelo Salvatore», imprenditore arrestato nel dicembre 2012 nell’operazione mandamento eolico perchè ritenuto al servizio della primula rossa Matteo Messina Denaro. Tra i capitoli della storia che riguarda Giorgio Cannizzaro c’è anche l’affare Telekom-Serbia relativo a un presunto giro di mazzette sull’asse Roma-Belgrado; nel 2003 all’interno dell’aeroporto di Catania venne ritrovata una sua valigetta contenente alcuni documenti sull’inchiesta di cui all’epoca si stava occupando la Procura di Torino e una commissione parlamentare appositamente creata.

I nuovi equilibri di Cosa nostra catanese emersero grazie alle rivelazioni di numerosi collaboratori di giustizia con in testa Santo La Causa (condannato a 2 anni e 6 mesi), ex reggente dei Santapaola che dal 28 aprile 2012 ha iniziato a parlare con i magistrati etnei entrando nel programma di protezione. Il collaboratore nell’ambito dell’operazione Fiori Bianchi raccontò agli inquirenti non solo la distribuzione dei cosiddetti stipendi ai vari affiliati e alle famiglie dei detenuti ma tolse il velo anche su decine di estorsioni, alcune risalenti agli anni ’90. Un pizzo a tappeto, con tanto di conversione monetaria dalla lira, pagato dai titolari con somme che variavano da alcune centinaia di euro fino a diverse migliaia. Nelle rete di Cosa nostra erano finite una gioielleria, negozi di autoricambi, un agriturismo di Belpasso, una pescheria a San Pietro Clarenza, un bar di Mascalucia e un’enoteca di Catania insieme a decine di altre attività commerciali sparse nel capoluogo etneo e in provincia. 

L’esito del processo:

Mirabile Angelo (16 anni),Battaglia Salvatore (12 anni), Angemi Natale Armando, Brancato Alfio, Cannizzaro Giorgio, Carbonaro Orazio, Casesa Mirko, Catania Elio, Fiore Salvatore, Fioretto Giuseppe, Lanzafame Alessandro, Leonardi Francesco, Marro Salvatore, Messina Giovanni, Miano Salvatore, Nista Carmelo, Orlando Matteo, Pavone Lorenzo, Puglisi Giuseppe, Santonocito Giuseppe, Scalogna Filippo, Scuderi Carmelo, Tringale GIuseppe, Tudisco Santo, Vinciguerra Gaetano, Zito Salvatore (8 anni ciascuno), Aisecca Salvatore (6 anni e 8 mesi), Battiato Davide, Dato Vincenzo, Faro Gianfranco, Lo Bianco Gabriele, Meli Antonino, Sciuto Carmelo, Stimoli Carmelo (6 anni ciascuno), Sciacca Salvatore e Scorciapino Ettore (4 anni ciascuno), Botta Antonino (12 anni e € 6.000 di multa), Cantone Rosario (5 anni e € 2.000 di multa), Filloramo Natale Ivan (11 anni e 4 mesi e € 6.000 di multa), Guarrera Mario (13 anni e € 6.000 di multa), Nizza Andrea Luca (6 anni e 8 mesi e € 30.000 di multa), Platania Francesco (12 anni e 8 mesi e € 6.000 di multa), Puglisi Carmelo (12 anni e 8 mesi e € 3.000 di multa), Stimoli Pietro (10 anni e 8 mesi e € 2.000 di multa), Barbagallo Ignazio (7 anni e 6 mesi e € 3.000 di multa), La Causa Santo (2 anni e 6 mesi e € 2.000 di multa), Pappalardo Filippo Santo (2 anni e 2 mesi e € 2.000 di multa). Tutti gli imputati sono stati inoltre condannati al pagamento delle spese processuali e di quelle delle proprie custodie cautelari. Assolti dall’accusa di associazione mafiosa per non aver commesso il fatto; Battaglia Marco, Bosco Giuseppe, Calì Salvatore, Di Stefano Angelo, Fiocco Maurizio, Manara Agatino, Nicotra Gianpiero, Nizza Andrea Luca, Petronio Domenico, Presti Gianluca, Prezzavento Stefano, Scuderi Salvatore, Tosto Giovanni e Tropea Giovanni. Tutti gli imputati sono stati condannati al risarcimento dei danni alle parti civili. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]