Mafia, le motivazioni della condanna a Incarbone Centri commerciali, Pua e il legame con Lombardo

Un imprenditore, ritenuto dai giudici, associato a Cosa nostra che negli anni avrebbe consolidato uno stretto rapporto con il vertice provinciale della famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano. In mezzo ci sono svariati affari e il legame con l’ambiente politico targato Movimento per le Autonomie. È questo il quadro che tracciano dell’ingegnere ennese Mariano Incarbone i giudici della terza sezione penale della corte d’appello di Catania presieduta da Carolina Tafuri, nelle motivazioni della sentenza che lo ha condannato in secondo grado a cinque anni per associazione mafiosa. Tre in meno rispetto a quella di primo.

Figlio di Domenico Incarbone, imprenditore deceduto nel 2000 ma definito dai giudici «in provato odore di mafia» grazie alle accuse di Angelo Siino, il ministro dei lavori pubblici di Totò Riina che svelò ai magistrati il sistema delle tangenti negli appalti in Sicilia. Incarbone padre, presentato a cavallo degli anni ’80 come «amico degli amici di Catania» concretizzò con Siino pure un affare legato alla vendita della cooperativa La Sigonella. Gli Incarbone sono delle vecchie conoscenze del palazzo di giustizia etneo. Sono stati «imputati per truffa, associazione a delinquere dedita alla turbativa d’asta e falsi per l’aggiudicazione di appalti pubblici in concorso». Accuse finite in una bolla di sapone con il decorrere del tempo grazie alla prescrizione

Nelle centinaia di faldoni dell’inchiesta Iblis sono finiti come già accennato i legami con Vincenzo Aiello, capo provinciale dei Santapaola-Ercolano e responsabile dell’area calatina di Palagonia e Ramacca, la stessa dove operava Franco Costanzo, uno degli affiliati di maggiore fiducia condannato in appello a undici anni e quattro mesi. Il rapporto tra Incarbone e Aiello avrebbe portato «consistenti vantaggi a discapito di altri imprenditori». L’imprenditore ennese, dal canto suo, si sarebbe impegnato a coinvolgere il boss «per talune iniziative imprenditoriali», tra cui il parcheggio di piazzale Sanzio a Catania ma anche «per assicurare il pagamento, da parte di altri imprenditori, della messa a posto in favore del clan». Senza mezzi termini, per il collaboratore Giuseppe Mirabile, Incarbone «era uno che portava le estorsioni».

A dare indicazioni agli investigatori sull’imprenditore sono anche altri due collaboratori di giustizia: Ignazio Barbagallo e sopratutto Santo La Causa. L’ex reggente, pentitosi nel 2012, a distanza di due anni dagli arresti dell’operazione Iblis, accostò Incarbone ad Aiello che «si adoperava – si legge nelle motivazioni – per farlo lavorare nella realizzazione di un complesso alberghiero che doveva sorgere alla Playa di Catania». Ad occuparsi dei contatti tra i due sarebbe stato il geometra Giuseppe Rindone, dipendente della società Icob di Incarbone, ma sopratutto affiliato alla famiglia Santapaola (condannato definitivamente nel processo Dionisio e in primo grado a 12 anni in un troncone di Iblis, ndr). Un espediente che avrebbe consentito a Incarbone «di rimanere nascosto sopratutto per il suo stretto rapporto con ambienti della politica».

Le aziende dell’imprenditore, la Icob e la Coesi, nel 2008 – anno delle elezioni regionali che sanciscono l’elezione di Raffaele Lombardo alla Regione siciliana – compaiono nel bilancio dell’Mpa per un finanziamento a titolo di contribuzione per una somma complessiva di 50 mila euro. Nelle pagine delle motivazioni vengono menzionati anche i lavori per la piscina privata nella tenuta di campagna dell’ex governatore. «Aveva lavorato – scrivono i giudici – con Vincenzo Basilotta e Francesco Ferrero detto Ciccio Vampa», anch’essi ritenuti vicini a Cosa nostra catanese. Il cognome di Incarbone è finito anche nelle pagine della sentenza di condanna di Raffaele Lombardo per concorso esterno in associazione mafiosa. Le ombre in questo caso si affacciano sul mega affare da 300 milioni di euro del Pua (Piano Urbanistico Attuativo, ndr)

Dubbi e perplessità anche per la realizzazione del centro commerciale Porte di Catania sui terreni dell’editore Mario Ciancio. In questo specifico caso, secondo il giudice Rizza, ci sarebbe stata una regia politica con al vertice colui che viene indicato come «il capo»; ossia Raffaele Lombardo descritto come «portatore di uno specifico interesse a che Incarbone fosse assegnatario» dell’’appalto in questione per i lavori di contrada Pigno nell’’area in prossimità dell’aeroporto di Catania. Nella lista dei lavori effettuati da Incarbone – insieme a Sandro Monaco, altro imputato del processo Iblis – c’è anche il centro commerciale Sicilia Outlet Fashion Village ad Agira. Sul fronte difensivo è certo il ricorso in Cassazione.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]