Mafia, la nuova cupola retta da estorsioni e azzardo «La Commissione si riunisce per decidere cose gravi»

Sono quattro i filoni di indagine che hanno portato al fermo, stamattina, di 46 persone, tra cui quello che è considerato dagli inquirenti come il nuovo capo della commissione provinciale di Cosa nostra. «Quattro filoni di indagine – come spiega il procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi – che hanno consentito di registrare una serie di incontri, contatti che erano sospetti e che sulla base di qualche dichiarazione di collaboratori di giustizia facevano pensare a una riorganizzazione di Cosa nostra». La svolta, il filo conduttore che ha portato al blitz di oggi, è arrivata grazie a un’intercettazione captata dai carabinieri.

Si trattava della conversazione tra Francesco Colletti, ritenuto il capo mandamento di Villabate e il suo autista Filippo Cusimano. Colletti confermò la partecipazione alla riunione con i più importanti capi dei mandamenti mafiosi della città tra cui ci sarebbe stato anche Settimo Mineo, quello ritenuto dalla magistratura come il nuovo capo della commissione provinciale di Cosa nostra. Il gotha della mafia palermitana si sarebbe riunito in una località segreta per ristabilire le regole interne all’ organizzazione soprattutto dopo la morte di Totò Riina. Venne individuato in proprio in Mineo l’uomo che avrebbe dovuto rimettere in piedi gli affari della mafia favorendo i rapporti tra i diversi mandamento.

Mineo fin dal 1984 ha fatto parte di Cosa nostra, e la sua nomina sarebbe stata approvata da Francesco Colletti, Filippo Bisconti (ritenuto capo mandamento di Belmonte Mezzagno) e Gregorio Di Giovanni (ritenuto capo mandamento di Porta Nuova). L’organigramma di Cosa nostra aveva un timido tentativo di ricostituirsi nel 2008 attorno alla figura di Benedetto Capizzi all’epoca osteggiato da Gaetano Lo Presti reggente del mandamento di Porta Nuova . Dopo un periodo di pax augustea e i colpi inferti dalle diverse operazioni dei carabinieri è arrivato il nuovo tentativo oggi sgominato. «Se la Commissione si riunisce lo fa per decidere cose gravi – sottolinea Lo Voi – e noi dovevamo intervenire rapidamente».

Con l’operazione di oggi sono stati fermati quattro presunti capi mandamento, dieci tra capi famiglia e capi decina, nonché trenta uomini considerati d’onore. Inoltre gli investigatori hanno ricostruito ben ventotto casi di estorsione di cui nove sono state denunciate spontaneamente dai commercianti. «Dalle indagini che stiamo in realtà effettuando a ampio raggio – sottolinea Federico Cafiero De Raho – Procuratore nazionale antimafia – risultano la cogestione di affari tra Cosa nostra e ‘Ndrangheta per quel che riguarda anche droga e rifiuti. Quello che è rilevante in questa operazione è che la Commissione, nel riprendere vecchie regole, individua Mineo e questo significa che ha spostato il baricentro su Palermo mentre prima il centro di tutto era Corleone. Si tratterà di interpretare questa decisione se nasce dal cambiamento delle strategie e si cambia il corso dopo le stragi. E poi il metodo della scelta: viene designato il più anziano e significa che c’è una buona disposizione da parte di tutti. Nessuno si sente miglio degli altri. Ancora si muovono con il metodo delle estorsioni e fra queste anche la testa di un capretto lasciato su un tavolo nella villa di un imprenditore». Metodi arcaici a cui Cosa nostra dimostra di non voler rinunciare.

«I due mandamenti più forti – sottolinea Salvatore De Luca, sostituto procuratore di Palermo – sono Pagliarelli e Porta Nuova. La nuova Cupola provinciale rappresenta un organismo democratico e collegiale e cresce, oltre che con la droga e le estorsioni, anche grazie le scommesse online. Messina Denaro non comanda nella provincia di Palermo e Riina non comandava nel capoluogo ma ne rappresentava un punto di riferimento. Nel 2015 due uomini d’onore del mandamento di Santa Maria di Gesù dissero “Se non muoiono Provenzano e Riina non vedremo luce”». Un dettaglio quest’ultimo che aiuta a comprendere il valore del colpo messo a segno dai carabinieri.

«Noi studiamo Cosa nostra e sono stati contestati una serie di reati – continua De Luca – La mafia è in difficoltà e nonostante ciò manifesta una certa resilienza e si riorganizza ma lo Stato non deve arretrare di un passo».
Durante le indagini è emerso anche la decisione da parte della Commissione di uccidere un ragazzo di 21 anni che probabilmente non sottostava alle regole del territorio. «Questo giovane turbava l’ ordine – racconta ancora il pm – effettuando piccoli furti ed estorsioni a Villabate e la Procura di Palermo il 30 ottobre ha emesso un provvedimento di fermo nei suoi confronti salvandogli la vita».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]