Mafia, la confisca milionaria a Benedetto Cocimano Al figlio disse: «Con la malavita non ci si arricchisce»

«Con la malavita non ci si arricchisce. Non si guadagna nulla». Parola che sanno di profezia quelle pronunciate da Orazio Benedetto Cocimano nel 2010. Otto anni dopo quella frase intercettata dalla polizia, resta la trascrizione nei documenti del tribunale misure di prevenzione, che ha disposto una confisca da due milioni di euro per l’uomo ritenuto uno dei reggenti dell’ala militare di Cosa nostra a Catania. Finito in manette per estorsione nel 2011, Cocimano tre anni dopo resta impigliato nell’operazione antimafia Ghost. A marzo 2017 una nuova condanna in primo grado all’ergastolo perché accusato di avere ucciso, nel 1996, Gino Ilardo, il boss dei misteri diventato confidente, capace di condurre le forze dell’ordine davanti il covo di Bernardo Provenzano. Per Cocimano l’ultimo capitolo della sua storia giudiziaria passa per la confisca e l’operazione portata a termine dalla Direzione investigativa antimafia etnea guidata dal primo dirigente Renato Panvino

Il doppio volto dell’uomo della famiglia Santapaola-Ercolano, successore di Santo La Causa, sarebbe passato per alcune società attive nel settore delle costruzioni. «Le indagini – si legge nel provvedimento del tribunale – hanno consentito di accertare che le aziende erano solo formalmente intestate ad altri soggetti, in quanto almeno in parte facevano capo a Benedetto Cocimano». Così il boss avrebbe investito «una notevole quantità di denaro» in una serie di attività lecite. Soldi puliti che, almeno nelle intenzioni, gli avrebbero consentito di avviare nel settore dell’edilizia anche i due figli maschi. La Renault Clio di Cocimano diventa una piccola miniera di indizi, perché proprio all’interno dell’autovettura l’uomo ragiona su investimenti e prospettive per il futuro. In un’occasione cerca anche di tranquillizzare il figlio sulla possibilità di eventuali sequestri da parte delle autorità. «Esiste un tuo amico… che hanno queste cose tipo supermercati e le guardie non glieli hanno toccati? Tipo i loro figli…», dice il giovane al padre. Cocimano risponde senza giri di parole: «Se io mi devo fare un’attività lavorativa non lo devo dire a nessuno». Una strategia dell’inabissamento fatta di passaggi preliminari. Tant’è che durante le intercettazioni solo uno dei due figli sarebbe stato già attivo nell’edilizia. Per l’altro sarebbe arrivato il momento giusto: «Per adesso tu devi stare fermo. Non devi fare niente», gli ripeteva il padre.

Nel mirino degli inquirenti, come emerso anche durante l’inchiesta Ghost, sono finite quattro società, costituite tra il 2006 e il 2013. Un mix di scatole vuote, in cui si sarebbero alternati diversi prestanome, tutte con la stessa sede sociale. La stessa dove gli inquirenti monitorano la presenza del reggente dei Santapaola accompagnato dal figlio. Una ingerenza ritenuta pressoché totale, tanto che nel 2011 proprio Cocimano si sarebbe interessato anche della nomina del nuovo amministratore di una delle aziende. Gli affari, invece, avrebbero riguardato il restauro di una casa ad Aci Sant’Antonio, la realizzazione di alcune villette ad Aci Bonaccorsi e di un immobile a Siracusa. In mezzo ci sarebbe stato anche l’acquisto di un terreno per una somma di 90mila euro. «Anche se facciamo un lavoro all’anno significa che facciamo 200-250mila euro», spiegava. Le società riconducibili a Cocimano passano per una serie di sequestri preventivi, dissequestri e confische. L’ultimo atto, quello del tribunale misure di prevenzione, ha invece stabilito di rigettare la proposta di fare passare le quote di due aziende sotto il controllo dello Stato. 

«In evidente diseconomicità in quanto la restituzione è priva di qualsiasi pericolosità poste che le due società venivano costituite solo al fine dige stire l’attività d’impresa nei cantieri e di volta in volta svuotate», scrivono i giudici nel decreto. Per i togati C.L Costruzioni e M.A.E costruzioni, con la prima in liquidazione, sarebbero sostanzialmente aziende vuote e prive di qualsiasi valore. Così come alcune autovetture e ciclomotori «mezzi vetusti e in pessima condizioni d’uso». Già definitiva attraverso il processo penale, invece, la confisca della Pml costruzioni e della Alco costruzioni. La confisca viene invece disposta per tre immobili ad Aci Sant’Antonio, tre garage che si trovano sempre nel Comune etneo e un conto corrente attivato in un ufficio postale dalla moglie di Cocimano nel 2014. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]