Cosa Nostra, è morto il boss Bernardo Provenzano Legale: «Da tempo incapace di intendere e parlare»

È morto il boss Bernardo Provenzano. 83 anni, malato da tempo, indicato come il capo di Cosa nostra, venne arrestato dopo una latitanza di 43 anni l’11 aprile del 2006 in una masseria di Corleone, a poca distanza dall’abitazione dei suoi familiari. Era irreperibile dal 1963. Con Totò’ Riina e Leoluca Bagarella è stato uno degli artefici della spietata guerra di mafia che, tra gli anni 70 e 80, ha portato i Corleonesi a diventare egemoni in Cosa Nostra, dopo oltre cinquemila morti ammazzati. Il questore di Palermo, Guido Longo, ha già annunciato che vieterà funerali pubblici. 

Il capomafia era detenuto al regime di 41 bis nell’ospedale San Paolo di Milano. «Le sue condizioni si sono aggravate ulteriormente venerdì scorso a causa di un’infezione polmonare – spiega Roberto Piscitello, direttore generale dei detenuti e del trattamento del ministero della Giustizia -. Provenzano è entrato in coma irreversibile lo stesso giorno. Il regime di 41 bis in nulla ha aggravato lo stato di salute di Provenzano: anzi nei due ospedali in cui è stato detenuto, Parma e Milano, ha ricevuto cure puntuali ed efficaci». Prima di morire il boss ha potuto vedere la moglie e i figli, che hanno raggiunto Milano il 10 luglio, come informa il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Il giorno stesso sono stati autorizzati ad incontrare il loro famigliare. 

L’ultima istanza di sospensione della pena sarebbe stata avanzata dai legali del boss tre giorni fa. Secondo quanto si apprende, però, il tribunale di sorveglianza di Milano l’avrebbe rigettata due giorni fa, motivando la decisione con i possibili rischi per l’incolumità personale nei quali Provenzano sarebbe potuto incorrere dati i «trascorsi criminali» e «trovandosi in condizioni di assoluta debolezza fisica». Intanto è stata disposta l’autopsia sul corpo del boss. Il cadavere, in queste ore, è stato trasferito all’Istituto di medicina legale di Milano. Non è ancora chiaro se la decisione di operare gli esami autoptici derivi da una motivazione specifica.

Già lo scorso anno la sua avvocata, Rosalba Di Gregorio, aveva chiesto di revocare il regime di carcere duro alla luce delle condizioni fisiche: Provenzano era in stato quasi vegetativo. Richiesta che fu respinta dal tribunale di sorveglianza. «Provenzano per me è morto quattro anni fa – commenta oggi la legale – dopo la caduta nel carcere di Parma e l’intervento che ha subito. Da allora il 41 bis è stato applicato ai parenti e non a lui, visto che non era più in grado di intendere e volere e di parlare da tempo».

Il ricorso di Di Gregorio puntava sul «cronico e irreversibile decadimento intellettivo e sulla incapacità di comunicare». Mentre i giudici diedero per acquisito il decadimento cognitivo accertato da diverse perizie, sostenendo però che restava il pericolo di contatti tra il boss e l’organizzazione mafiosa. Per il tribunale «il deficit mentale non esclude in termini di certezza che il boss possa impartire direttive criminali anche attraverso i familiari». Tre Procure avevano espresso parere favorevole alla revoca del carcere duro e tutti i processi in cui era ancora imputato, tra cui quello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, erano stati sospesi.

Durante la detenzione al 41 bis nel carcere di Parma – dove è stato rinchiuso fino ad aprile del 2014 prima di essere trasferito al carcere Opera di Milano – ci sono due episodi ancora non chiariti del tutto. Un presunto tentativo di suicidio avvenuto il 9 maggio del 2012 e un grosso livido alla testa apparso nel dicembre dello stesso anno. In un colloquio con la compagna Saveria Benedetta Palazzolo e il figlio minore Francesco Paolo (video mandato in onda dalla trasmissione Servizio Pubblico), Provenzano afferma: «Pigghiai lignati», per poi concludere «Sono caduto dal letto». Pochi giorni dopo la conversazione, il boss verrà trovato in coma nella sua cella. Nell’ottobre del 2014 la Procura di Parma, dopo un’indagine, affermò che il boss non fu picchiato nel carcere di Parma e che le lesioni erano compatibili con una caduta, e chiese l’archiviazione al gip. 

Provenzano è stato condannato a numerosi ergastoli, tra gli altri per le stragi di Capaci e via D’Amelio in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, per gli omicidi del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, del capo della Mobile di Palermo Boris Giuliano, del tenente colonnello Giuseppe Russo, dei commissari Beppe Montana e Antonino Cassarà, del presidente della Regione Piersanti Mattarella, e di Pio La Torre.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]