Mafia: la corsa di cavalli e la rissa nella stalla a San Cristoforo. «Gli ha tolto la pistola e ha iniziato a sparare»

Erano «tutti dello stesso colore» ma davanti a una vittoria contestata hanno messo da parte pure l’amicizia e il legame al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Terreno dello scontro la strada provinciale 104, nei pressi della base militare di Sigonella, in una striscia di asfalto che nell’ambiente criminale viene identificata con il termine «avvuliddi». Una sorta di ippodromo a cielo aperto fatto di cavalli carichi di anabolizzanti che sfrecciano, per circa un chilometro, davanti gli occhi di un pubblico che scommette fiumi di denaro e segue la competizione a bordo degli scooter o piazzandosi all’arrivo. Il 18 luglio 2021 sarebbe andata in scena la sfida tra la scuderia Pierino, con la stalla al civico 61 di via Testulla riconducibile alla famiglia Di Mauro, e quella del cortile Doberdò del gruppo Ragonese. Al termine della gara sarebbe però nata una controversia tra i due fantini e i rispettivi sostenitori. Oggetto del contendere chi si fosse aggiudicato la vittoria, in un traguardo improvvisato con una linea tracciata a terra, con un pezzo di gesso, e in cui l’unico foto finish disponibile è quello dell’occhio umano di chi si accalca al traguardo.

La situazione sarebbe addirittura degenerata in una sparatoria, avvenuta all’interno di una stalla nel quartiere San Cristoforo, riconducibile ad Angelo Ragonese, figlio del killer ergastolano Girolamo, condannato per l’omicidio di Raimondo Maugeri (rettifica in calce, ndr). Il caso della corsa di cavalli e di quanto avvenuto dopo fa parte di uno dei capitoli dell’inchiesta Locu, che ha portato a 42 arresti nell’ambito del clan Cappello. Per gli inquirenti – coordinati dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dalla sostituta procuratrice Michela Maresca – è utile per inquadrare il ruolo di tre indagati, Domenico Querulo nipote dello storico boss Orazio Privitera Rocco Ferrara e Giovanni Distefano, accusati di essere i fornitori principali di droga nelle piazze di spaccio gestite dal clan Cappello-Bonaccorsi. L’episodio della corsa dei cavalli avrebbe avuto come protagonista anche l’ex collaboratore di giustizia Giovanni Pantellaro, conosciuto con il nomignolo di giocattolo e non coinvolto in questa operazione. Sarebbe stato lui a sparare all’impazzata ferendo Daniele Termini, detto sasizza, e Giuseppe Condorelli, noto come eccepil. Entrambi non indagati.

Subito dopo la sparatoria, per risolvere la questione, sarebbero intervenuti alcuni personaggi con ruoli apicali all’interno del clan. Tra loro, nell’ordinanza, vengono riportati i nomi di Pietro Guerrera, Rocco Ferrara, Giovanni Distefano, Domenico Querulo e anche il detenuto Girolamo Ragonese che si sarebbe attivato da dietro le sbarre. «Giocattolo ha tolto la pistola dalle mani a Pierino (Giuseppe Di Mauro, ndr) e ha sparato», raccontava Querulo mentre era intercettato. Come sia andata realmente non è chiaro ma quello che è certo è che «sono passati dalle scuse alle discussioni», aggiungeva Biagio Querulo, fratello di Domenico, in un altro dialogo intercettato riportato nell’ordinanza. «Giocattolo gli prende la pistola – continua – “bam-bam”qualche otto colpi spara, c’è stato il fuggi fuggi». Subito dopo un gruppo di persone avrebbe cercato di inseguire Pantellaro e tra loro, secondo quanto riportato negli atti dell’inchiesta, ci sarebbero stati Querulo, Ferrara e Distefano, ma l’ex collaboratore di giustizia, stando al racconto dei protagonisti, sarebbe riuscito a scappare, a bordo di una motocicletta, dirigendosi verso i lidi della Playa.

Il giorno dopo la corsa e l’incontro finito male all’interno della stalla sono i poliziotti a cercare riscontri andando a casa dei due feriti. Termini viene trovato disteso sul divano con la gamba e il piede fasciato. L’uomo racconta di essere caduto con il motorino ma sotto la fasciatura, all’altezza del piede vengono notati due fori compatibili con l’entrata e uscita dei proiettili di una pistola. A questo punto sasizza racconta la sua versione: ossia di non avere partecipato a nessuna gara di cavalli ma di essersi avvicinato a un gruppo di persone che discutevano animatamente lungo via della Concordia, quando da uno scooter transitato ad alta velocità sarebbero stati esplosi dei colpi che lo hanno raggiunto al piede. «Sono andato al Pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi centro – racconta – ma considerate le lunghe attese sono tornato a casa e ho provveduto personalmente alle medicazioni». Anche Condorelli è stato trovato con due ferite da arma da fuoco. Lui, contrariamente a Termini, ammette di avere partecipato a una gara ma di essere rientrato subito a Catania al termine della competizione. «Mentre transitavo in via della Concordia ho sentito dei colpi e immediatamente ho avvertito un bruciore alla coscia sinistra. Impaurito mi sono recato immediatamente a casa».

Alla gara, davanti ai poliziotti, racconta di avere partecipato anche Pantellaro. L’ex pentito rivela della discussione nata al termine della competizione, spiegando però di essersi subito dileguato «per non essere coinvolto». Nessun riferimento, invece, al faccia a faccia nel ricovero per gli animali. Su quanto avvenuto all’interno della stalla gli inquirenti hanno chiesto lumi pure a Michele Vinciguerra, ex vertice del clan Cappello che da circa sette mesi ha iniziato a collaborare con la giustizia. Uno dei feriti, Giuseppe Condorelli, è anche nipote dell’ex boss. «Non sono riuscito a sapere chi è stato – spiega – C’è stata un rissa tra ragazzi e non si è saputo il nome perché si sarebbe scatenata una guerra. Ho chiesto anche a un altro nipote che si occupa di corse di cavalli se si sapesse il responsabile ma non è mai emerso. Si è fatto riferimento anche che Termini si fosse sparato da solo per sbaglio ma non ho notizie».

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO dall’avvocato Francesco Strano Tagliareni, legale di Girolamo Ragonese: «Ragonese è stato condannato dalla Corte di Assise di Catania, con sentenza già passata in cosa giudicata, per l’omicidio di Raimondo Maugeri, ma non è mai stato imputato, né tanto meno condannato, per omicidio in danno di Sebastiano Fichera».


Dalla stessa categoria

I più letti

Erano «tutti dello stesso colore» ma davanti a una vittoria contestata hanno messo da parte pure l’amicizia e il legame al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Terreno dello scontro la strada provinciale 104, nei pressi della base militare di Sigonella, in una striscia di asfalto che nell’ambiente criminale viene identificata con il termine «avvuliddi». Una sorta […]

Erano «tutti dello stesso colore» ma davanti a una vittoria contestata hanno messo da parte pure l’amicizia e il legame al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Terreno dello scontro la strada provinciale 104, nei pressi della base militare di Sigonella, in una striscia di asfalto che nell’ambiente criminale viene identificata con il termine «avvuliddi». Una sorta […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]