Lungomare: ciclabile e sicurezza, polemica sui cordoli Il produttore: «Perplessi da scelta di metterli separati»

La pista ciclabile del lungomare di Catania è ormai pronta. Per completarla, dopo due inaugurazioni e un’ultima fissata per stamattina, è stata conclusa la posa degli ultimi cordoli. Strutture realizzate in polimeri che vengono fissate a terra con degli appositi tasselli. Lungo viale Ruggero di Lauria è un continuo alternarsi di blocchetti rossi e bianchi che fanno da divisori tra la carreggiata riservata alle biciclette e quella che quotidianamente viene percorso dagli automobilisti. Ai ciclisti però la scelta di separare i cordoli di alcuni centimetri tra di loro continua a non convincere. Il problema era stato sollevato nei mesi scorsi e si è ripresentato in questi giorni su diverse pagine Facebook frequentate dagli appassionati.

Per gli amanti delle due ruote i cordoli separati sarebbero pericolosi, a causa del continuo alternarsi di spigoli. In più la scelta di metterli divisi li renderebbe meno stabili in caso di incidente. Oltre che facilmente vandalizzabilicome è già accaduto alla fine di ottobre. Episodio che avrebbe, secondo l’amministrazione comunale, come autori i posteggiatori abusivi della zona. Contrari all’infrastruttura che si è sostituita a centinaia di stalli gestiti dagli abusivi. A produrre i cordoli è la ditta Montiplast Srl, della provincia di Macerata, che interpellata da MeridioNews ha spiegato che non ci sono vincoli specifici per l’istallazione dei cordoli. Tuttavia qualche dubbio sui lavori della ciclabile di Catania resta.

«Il posizionamento logico dei nostri cordoli sarebbe quello continuativo – spiegano dall’azienda -. La scelta della separazione ci ha lasciati decisamente perplessi quando siamo stati in città per vedere con i nostri occhi i lavori». Montiplast ribadisce che con i cordoli non vengono allegate prescrizioni di montaggio «perché servono anche alla costruzione di isole pedonali dove magari i percorsi non sono particolarmente diritti», aggiungono. A Catania i blocchi sono stati messi distanziati anche nella curva che si trova nei pressi dell’Istituto nautico. «Abbiamo notato quel posizionamento, noi realizziamo anche dei modellamenti per evitare troppi spigoli – specificano al telefono – come in quella parte di pista, ma i costi aumentano». L’ultimo passaggio è quello relativo alla presunta fragilità in caso di impatto. «Andrebbero messi di continuo – concludono – con la separazione ovviamente sono meno resistenti». 

«Non esiste questo pericolo, è inventato di sana pianta – risponde a MeridioNews il geometra Sebastiano Scaccianoce, progettista della pista – Il cordolo non è stato pensato attaccato per problemi di acque meteoriche che, in tal modo, possono defluire nelle caditoie». «È stato fatto uno studio preciso – aggiunge il tecnico – i centimetri di distacco sono attualmente 15 ma in fase progettuale erano anche di più. Ciononostante il fatto non rappresenta un pericolo per i ciclisti». Questi ultimi, secondo il geometra, sono stati invitati – attraverso le associazioni – alle riunioni preliminari in cui sono stati illustrati i primi disegni. «Gli amanti delle due ruote sapevano benissimo di questa scelta – conclude Scaccianoce – non vedo perché adesso che la pista è terminata decidano di tirare fuori una polemica onestamente pretestuosa». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]