Luciana Cavalli, stilista etnea che vince su Roberto «Dopo 30 anni mi ha chiesto di cambiare marchio»

La piccola fabbrica di Acicastello di Luciana Cavalli contro il colosso internazionale della moda Roberto Cavalli spa. Nel mezzo ci sta lo stesso cognome per due aziende che producono capi d’abbigliamento e accessori. «I legali del noto brand mi hanno fatto causa nel 2011, dopo trent’anni di onorata carriera, chiedendomi di cambiare il mio marchio mentre mi accusavano pure di contraffazione», racconta l’imprenditrice etnea. Il procedimento legale è durato sei anni e, la scorsa settimana, è arrivata «inaspettatamente» la vittoria in primo grado per la ditta di Acicastello. «So che faranno ricorso in appello ma, per adesso, ci godiamo questo momento. Sono stati sei anni terribili, professionalmente e personalmente molto difficili», commenta l’imprenditrice. Un’occasione che le permette di raccontare a MeridioNews la vicenda.

«Alla fine degli anni ’80 ho aperto nella frazione di Cannizzaro un laboratorio in cui creavo dapprima solo cinture e borse», comincia l’imprenditrice. «Ho ereditato la passione per questo settore da mio nonno, il quale, nel 1930, aveva una fabbrica di calzature in pelle a Piazza Armerina. Nessuno dei suoi figli ha seguito le sue orme mentre io, fin da piccola, mi divertivo a giocare con le sue attrezzature e i suo materiali. Dopo le scuole medie – prosegue – scegliere l’istituto d’Arte di Catania è stato un passo semplice. Altrettanto lo è stata l’idea di iscrivermi alla scuola di moda Marangoni di Milano, un’eccellenza». Tra le più promettenti stiliste del suo corso, Luciana Cavalli, continua la formazione negli studi di moda Callaghan e, dopo avere terminatol’esperienza, decide di tornare nel capoluogo etneo e di avviare il suo marchio. «Il laboratorio all’inizio andava così bene che, insieme a mio marito, dopo un po’ abbiamo deciso di produrre pure calzature», aggiunge. 

«Negli anni ’90, quando avevo appena una trentina d’anni, era a capo di un’azienda con 35 operai uomini e la cosa non era per nulla semplice per una donna e per i tempi che erano», racconta orgogliosa. «Ho fatto moltissimi sacrifici per inseguire un sogno che era l’unica cosa, tra l’altro, che mi piaceva e che sapevo fare – spiega – Quando, dopo trent’anni di lavoro, mi è arrivato a casa un faldone pieno di citazioni in giudizio dalla Roberto Cavalli spa, mi è crollato tutto addosso». «All’epoca l’azienda aveva appena superato un momento delicato, dovuto alla crisi economica mondiale. Intorno al 2000, infatti, le migliori boutique del mondo in cui distribuivamo avevano iniziato a tagliare sugli ordini e, per non soccombere, avevamo deciso di puntare su un pubblico di acquirenti più ampio», racconta Luciana Cavalli. 

«Quando stavamo cominciando a rimetterci in sesto, a differenza di colleghi che non erano riusciti a reinventarsi per un altro mercato, è cominciata la causa. Per dimostrare che non stavo truffando né mi stavo arricchendo sulle spalle del noto brand ho dovuto presentare l’iscrizione camerale di mio nonno del 1930», aggiunge Luciana Cavalli. «Non avrei mai creduto di riuscire a vincere la battaglia giudiziaria anche perché, in queste circostanze, a riportare la vittoria è sempre il cosiddetto pesce più grosso. Se è andata invece diversamente è merito della mia avvocata, Simona Pavone, una donna determinata che conosceva la mia storia e sapeva quanti sacrifici avevo fatto per il mio sogno», conclude l’imprenditrice. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]