Lo Stretto candidato a patrimonio Unesco Il club locale: «Ma servono attenzione e tutela»

Lo Stretto di Messina patrimonio dell’umanità Unesco significherebbe rivedere il trasporto marittimo – compreso il traghettamento -, il traffico dei tir, l’edilizia, i criteri di salvaguardia ambientale e paesaggistica. Significherebbe anche garantire l’osservanza di regole alle quali le sponde siciliana e calabrese non sembrano al momento pronte. Ne è, suo malgrado, convinta Santina Schepis, presidente del club Unesco siciliano di Messina – fondato nel 1971 dal giornalista Carmelo Garofalo – che non è stato consultato dal Comune al momento di portare avanti il proprio progetto, presentato in pompa magna lo scorso 18 aprile. A scanso di equivoci, secondo Schepis lo Stretto – che lei preferisce chiamare «di Scilla e Cariddi», per non venir meno all’altra sponda – possiede tutte le caratteristiche per accedree alla prestigiosa lista dei beni patrimonio dell’umanità. «Ha un patrimonio naturale unico – spiega – con una flora e una fauna particolari, come nel caso delle alghe e del pesce azzurro che vi nidifica in certi periodi dell’anno. Caratteristiche sono anche le sue correnti marine e le acque con la loro salinità. Può vantare anche autorevoli testimonianze letterarie, come l’Odissea di Omero».

Ad essere contestato è invece l’iter seguito da palazzo Zanca. «Serve una valutazione a seguito di una candidatura che risponda a determinate caratteristiche stabilite dalla convenzione Unesco». In parallelo, è necessario rispettare certi passaggi. Il primo dovrebbe consistere nel consultare i club locali, che fanno capo alla Federazione italiana club centri Unesco, la cosiddetta Ficlu, fondata nel 1973, parte a sua volta della commissione italiana Unesco, organica al governo centrale. «L’errore del Comune – fa notare la presidente – è stato di partire in quarta, senza avvisare noi, né i club di Reggio Calabria e Palmi. Cosa che ha generato del risentimento da parte nostra». Dopo aver appreso la notizia, non sono bastate telefonate e email dal 2013 alla segreteria di Renato Accorinti. A stemperare le tensioni è stato uno degli esperti del primo cittadino, Marcello Mento. Che lo scorso anno «si è scusato con noi, impegnandosi a tenerci informati da lì in avanti». Impregno mantenuto per un po’, per poi «ripiombare nel più totale silenzio».

Perché l’iter possa proseguire, bisognerebbe procedere pure a una consultazione popolare. «Dopo di che si prepara un dossier sulle specificità del territorio, con le implicazioni storiche e culturali, e viene inviato alla commissione nazionale, presieduta dal palermitano Giovanni Puglisi, e successivamente a quella mondiale, che ha comunque l’ultima parola. A prescindere da quanto stabilito nei precedenti passaggi». L’ottenimento della tutela ha, in ogni caso, un prezzo da pagare. «La candidatura deve contenere le azioni di tutela, salvaguardia, protezione e promozione, che si intendono condurre. Azioni che, una volta entrati nella lista del patrimonio umano, occorre concretamente attuare». Schepis pensa, per esempio, alla promozione della pesca che, in certi periodi dell’anno, andrebbe vietata per salvaguardare le specie autoctone. «Ancora, vanno salvaguardati il mare, le coste, che devono essere ulteriormente attrezzate, abbellite. Bisogna salvaguardare le alghe, il paesaggio. Le due sponde dello Stretto sono capaci di realizzare tutto questo?». La risposta che Schepis si dà è negativa, pensando ad esempio alle petroliere. «Nemmeno il Ponte sarebbe accettabile perché distruggerebbe l’ambiente», continua la presidente.

In altre parole, ogni attività andrebbe regolamentata: «Noi dovremmo diventare sentinelle capaci di ripristinare rapidamente l’ambiente dopo ogni inconveniente. Ma non so se siamo all’altezza di questo compito. Al momento di presentare la candidatura, si deve essere in grado di quantificare i danni prodotti dalle varie attività, individuando le misure per limitarli». Come nel caso del traghettamento, della cementificazione e dell’abusivismo edilizio. «Lipari ha rischiato di perdere la tutela e la denominazione, con le relative opportunità, per via di un lotto di villette in costruzione che non rispettavano i canoni – conclude Schepis – E per questo ha avuto problemi con la commissione di controllo che vigila sul costante rispetto della convenzione».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L'annuncio dal Comune era arrivato lo scorso 18 aprile. Ma con un iter non convenzionale. «Non ci hanno contatti né prima né dopo», spiega Santina Schepis, del club Unesco di Messina. Che aggiunge: «La candidatura, se accettata, porta con sé obblighi di tutela del mare e della costa per cui le istituzioni non mi sembrano pronte

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]