Lo Sblocca Italia e il via alle trivelle sull’isola I nomi dei deputati siciliani che hanno detto sì

Il
decreto Sblocca Italia, con cui il governo nazionale vuole far ripartire gli investimenti nell’edilizia e nelle opere pubbliche, è diventato legge dopo l’approvazione definitiva in Senato, mercoledì scorso. Nonostante le proteste di sindaci, associazioni ambientaliste e cittadini di mezza Italia. Al centro delle contestazioni – ieri si sono registrati scontri a Bagnoli tra manifestanti e forze dell’ordine – soprattutto la norma che rende la vita più facile alle compagnie petrolifere. Il governo, infatti, ha avocato a sé la materia e cancellato quelle norme, già abbastanza flebili, che miravano a garantire una minima protezione ambientale degli enti locali.

Una norma che farà sentire tutto il suo peso, soprattutto in
Sicilia. Nel mirino dei petrolieri, infatti, c’è il Mediterraneo: Pantelleria, le Egadi e le coste dell’Agrigentino. Ma anche il fragilissimo territorio del Belice e quello Ibleo, oltre alla già martoriata Gela. Non a caso, nella nostra regione, la protesta, prima che dalle associazione ambientalisti e dai comitati No triv, è partita dai sindaci che hanno firmato appelli e petizioni. L’Anci Sicilia, l’associazione dei Comuni, con il suo presidente Leoluca Orlando, fino a ieri, ha tuonato contro questo regalo alle compagnie petrolifere.

La Sicilia, dunque, ha fatto sentire la sua voce. Forte e chiara. Ma quali deputati e quali senatori eletti nella regione si sono fatti carico di questa contrarietà? Alla
Camera dei Deputati il testo è stato approvato il 30 ottobre scorso con 278 voti a favore su 439 votanti (presenti 446). Poche le sorprese. I deputati eletti in Sicilia hanno massicciamente sostenuto il provvedimento, con poche eccezioni, che includono i parlamentari del M5s, di Sel e qualcuno del centrodestra.

Nel
Pd, ad esempio, unica voce fuori dal coro, l’ex presidente della Regione siciliana Angelo Capodicasa che si è astenuto. Favorevoli, invece, quasi tutti gli altri: dal renziano Davide Farone alla figlia d’arte Daniela Cardinale, all’ex segretario di Confcommercio Luigi Taranto, fino all’avvocato Tonino Moscatt. Nel centrodestra, tra i contrari, spiccano i nomi della siracusana Stefania Prestigiacomo e di Basilio Catanoso.

Ci sono poi quelli che Dante metterebbe tra
color che stan sospesi. Che non hanno cioè partecipato al voto. Tra questi, il segretario regionale del Pd Fausto Raciti e la compagna di partito, nonché sindaco di Pollina, Magda Culotta; l’ex Mpa Carmelo Lo Monte e il ragusano Antonio Minardo, insieme con Gabriella Giammanco. Ma anche i deputati grillini, Azzurra Cancellieri e Gianluca Rizzo.

Altra storia, stessa trama in
Senato. Dove sul decreto Renzi ha posto la fiducia. E tra la fiducia alla Sicilia e la fiducia a Renzi, è prevalsa la seconda. Hanno detto sì, infatti, quasi tutti gli eletti in Sicilia: da Anna Finocchiaro a Beppe Lumia, passando per Renato Schifani e Simona Vicari. Contrari, i senatori di Forza Italia, come Francesco Scoma e Tonino D’Alì e quelli del M5s.

Ecco tutti i nomi e i loro voti.

CAMERA DEI DEPUTATI 

Partito democratico

  1. Culotta Magda (non ha partecipato)
  2. Angelo Capodicasa (astenuto)
  3. Luigi Taranto (favorevole)
  4. Marco Causi (non ha partecipato)
  5. Faraone Davide (favorevole)
  6. Cardinale Daniela (favorevole)
  7. Piccione Teresa (favorevole)
  8. Ribaudo Franco (favorevole)
  9. Moscatt Antonino (favorevole)
  10. Iacono Maria (non ha partecipato)
  11. Piccoli Nardelli Flavia (favorevole)
  12. Beretta Giuseppe (favorevole)
  13. Lauricella Giuseppe (favorevole)
  14. Raciti Fausto (non ha partecipato)
  15. Zappulla Giuseppe (non ha partecipato)
  16. Greco Maria (favorevole)
  17. Albanella Luisella (favorevole)
  18. Burtone Giovanni (favorevole)
  19. Gullo Maria (favorevole)

Sinistra, ecologia e libertà e Centro democratico

  1. Palazzotto Erasmo (contrario)
  2. Lo Monte Carmelo (non ha partecipato)

Movimento 5 stelle

  1. Riccardo Nuti (contrario)
  2. Giulia Di Vita (contrario)
  3. Chiara Di Benedetto (contrario)
  4. Loredana Lupo (contrario)
  5. Azzurra Cancelleri (non ha partecipato)
  6. Claudia Mannino (in missione)
  7. Giulia Grillo (non ha partecipato)
  8. Tommaso Currò (contrario)
  9. Maria Marzana (contrario)
  10. Marialucia Lorefice (contrario)
  11. Francesco D’Uva (contrario)
  12. Gianluca Rizzo (non ha partecipato)
  13. Alessio Villarosa (non ha partecipato)

Centrodestra (Fi-Ncd)

  1. Angelino Alfano (in missione)
  2. Saverio Romano (non ha partecipato)
  3. Dore Misuraca (non ha partecipato)
  4. Gabriella Giammanco (non ha partecipato)
  5. Alessandro Pagano (favorevole)
  6. Riccardo Gallo Afflitto (contrario)
  7. Antonio Martino (in missione)
  8. Stefania Prestigiacomo (contrario)
  9. Giuseppe Castiglione (in missione)
  10. Antonio Minardo (non ha partecipato)
  11. Basilio Catanoso (contrario)
  12. Vincenzo Garofolo (favorevole)

Udc

  1. Adornato Ferdinando (favorevole)
  2. Gea Schirò (non ha partecipato)
  3. Vecchio Andrea (non ha partecipato)

SENATO 

1. Amedeo Bianco, Pd (favorevole)
2. Francesco Campanella, Misto (contrario)

3. Nunzia Catalfo, M5s (voto non indicato nel resoconto stenografico)

4. Antonio D’Alì, FI-PdL (contrario)

5. Mario Ferrara, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)
6. Mario Michele Giarrusso, M5s (contrario)
7. Vincenzo Gibiino, FI-PdL XVII (contrario)
8. Marcello Gualdani, Ncs (favorevole)
9. Giuseppe Lumia, Pd (favorevole)
10. Bruno Mancuso, Ncd (favorevole) 
11. Giuseppe Marinello, Ncd (favorevole)
12. Corradino Mineo, Pd (favorevole)
13. Pamela Giacoma Giovanna Orrù, Pd (favorevole)
14. Venera Padua, Pd (favorevole)
15. Pippo Pagano, Ncd (favorevole)
16. Giuseppe Ruvolo, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)

17. Vincenzo Santangelo, M5s (contrario)
18. Antonio Fabio Maria Scavone, Gal (voto non indicato nel resoconto stenografico)

19. Renato Schifani, Ncd (favorevole)
20. Francesco Scoma, FI-PdL XVII (contrario)
21. Salvatore Torrisi, Ncd (favorevole)
22. Simona Vicari, Ncd (favorevole)


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]