L’isola dei commissari straordinari: sono più di quattrocento, ma per la politica non bastano mai

Se si chiedesse a un qualunque siciliano di pensare a uno straordinario commissario suo corregionale, di sicuro il primo a saltargli alla mente sarebbe quel «Montalbano sono» del personaggio magistralmente dipinto da Andrea Camilleri nei suoi libri. E dire che oggi la Sicilia è sempre più la regione dei commissari straordinari e la polizia non c’entra niente, non parliamo di antimafia o lotta al crimine. In Sicilia appena c’è qualcosa che non va, su qualsiasi livello, ci si mette un commissario. Una figura nominata di solito dalla politica, che ha poteri speciali ed è autorizzato a intraprendere scorciatoie burocratiche per risolvere delle emergenze. O più realisticamente uno che ci deve mettere una pezza

Ultimamente si è discusso delle nomine dei commissari delle Aziende sanitarie provinciali, ma si è parlato anche dei sei delle province, che hanno rischiato grosso per la riforma che riguardava il loro ente, fortunatamente per loro naufragata. E ci sono pur sempre gli undici dei consorzi di bonifica, i nove di altrettanti comuni, di cui tre sciolti per mafia, quello della Zona economica speciale orientale e quello della Zona economica speciale occidentale, i commissari dei consorzi universitari, il commissario del teatro Vittorio Emanuele di Messina e i commissari designati cantiere per cantiere, come quello per i lavori di ponte Corleone a Palermo e ci sono i commissari straordinari per i parchi, da quello delle Madonie a quello dei Nebrodi, passando per il commissario straordinario della Valle dei Templi.

E questi sono solo alcuni dei membri dell’esercito di commissari straordinari in Sicilia. E poi c’è lui, Renato Schifani, il supercommissario. Lui di deleghe ne ha un’infinità, tutte più o meno rivolte a emergenze di cantiere. Lui stesso è il commissario per il completamento dei lavori dell’autostrada A19, per cui è stata necessaria persino la nomina di due subcommissari, e per la realizzazione dei termovalorizzatori. Fare una stima definitiva sul numero di commissari straordinari nominati in Sicilia dalla politica, da quelli nominati da Roma a quelli messi lì da Regione, ex province e Comuni è impossibile, ma basti guardare il caso limite del catasto dei terreni incendiati che ogni Comune deve presentare annualmente per contribuire al contrasto degli incendi. Lo scorso anno ben 147 Comuni non l’hanno presentato. Allora cosa si fa? Ci si mette un bel commissario dedicato solo al piano.

E lo stesso dovrebbe accadere per quanti non hanno redatto o revisionato il piano della pianta organica delle farmacie – stavolta questo con cadenza biennale – Per questo i commissariamenti dovrebbero essere oltre duecento. Certo, non ci sarà esattamente un commissario per Comune, così come nel caso dei censimenti delle porzioni di territorio coinvolte negli incendi, i commissari saranno fisicamente molti di meno, visto che ognuno di loro, generalmente dirigenti regionali o personale degli uffici della Regione, riceverà in carico dai quattro ai sette Comuni, ma questo poco influisce sul conteggio finale. Insomma, qualcosa di straordinario che per i siciliani è diventato ormai prassi. Anche perché sembra esersi dimni dimenticato che dove c’è un commissario c’è anche una politica che ha fallito. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Se si chiedesse a un qualunque siciliano di pensare a uno straordinario commissario suo corregionale, di sicuro il primo a saltargli alla mente sarebbe quel «Montalbano sono» del personaggio magistralmente dipinto da Andrea Camilleri nei suoi libri. E dire che oggi la Sicilia è sempre più la regione dei commissari straordinari e la polizia non […]

Se si chiedesse a un qualunque siciliano di pensare a uno straordinario commissario suo corregionale, di sicuro il primo a saltargli alla mente sarebbe quel «Montalbano sono» del personaggio magistralmente dipinto da Andrea Camilleri nei suoi libri. E dire che oggi la Sicilia è sempre più la regione dei commissari straordinari e la polizia non […]

Se si chiedesse a un qualunque siciliano di pensare a uno straordinario commissario suo corregionale, di sicuro il primo a saltargli alla mente sarebbe quel «Montalbano sono» del personaggio magistralmente dipinto da Andrea Camilleri nei suoi libri. E dire che oggi la Sicilia è sempre più la regione dei commissari straordinari e la polizia non […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]