L’invasione del crack e le difficoltà di Sert e comunità «Liste d’attesa e pochi operatori, ma la politica tace»

«Negli ultimi 25 anni, non avevamo mai avuto una lista d’attesa così lunga». Un dato allarmante messo in luce da Giuseppe Fusari, responsabile della comunità terapeutica Sentiero speranza dell’associazione Cenacolo Cristo Re di Biancavilla dove «al momento, ci sono 15 persone che aspettano di potere entrare». Una situazione che è lo specchio di quanto sta avvenendo nei Sert (servizi per le tossicodipendenze) e nei Serd (servizi per le dipendenze patologiche) siciliani. A lanciare l’allarme è stata la federazione regionale del coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza: «L’impoverimento degli organici sta raggiungendo punte di drammaticità» perché il personale che va in pensione non viene sostituito e chi resta deve fare i conti con una realtà che aumenta di complessità. «Tutto ciò – aggiunge Annamaria Garufi, la presidente regionale del Cnca – accade nel silenzio della politica regionale». 

Una realtà che conosce bene Placido La Rosa che, per trent’anni, ha lavorato nei Sert (prima a Caltagirone e poi a Gela) e che da un anno è in pensione ma continua a impegnarsi come membro del comitato scientifico della società italiana tossicodipendenze (Sitd). «Con il depauperamento dei servizi, che fanno parte dei Lea (livelli essenziali di assistenza, ndr), è difficile riuscire dare risposte concrete», spiega La Rosa a MeridioNews. Per rispondere ai problemi multifunzionali delle tossicodipendenze negli anni Novanta nascono i Sert con un’équipe multidisciplinare formata da medici, psicologici, assistenti sociali, pedagogisti ed educatori. «Non sempre, però – lamenta La Rosa – nelle strutture siciliane la presenza di tutte queste figure viene rispettata». In Sicilia ci sono Sert in cui si è passati da 13 a cinque operatori. Eppure, con il passare degli anni, le dipendenze con e senza sostanza sono diventate un fenomeno di massa. «Percepirle come una cosa normale, però, ha portato alla loro sottovalutazione», aggiunge. 

E, invece, le dipendenze patologiche si sono modificate e allargate. «Negli ultimi due o tre anni – spiega Fusari – c’è stata l’invasione del crack, la cocaina da fumare consumata soprattutto tra i più giovani perché accessibile anche a prezzi bassi. E restano poi i fiumi di cocaina ed eroina con costi che sono scesi e modalità di spaccio nuove che ne facilitano il reperimento». Basta pensare agli ordini gestiti al telefono e per messaggi e alle dosi consegnate direttamente a domicilio. «In molti casi – racconta La Rosa – ci si trova di fronte a consumatori multipli: c’è chi fa uso di diverse droghe contemporaneamente, chi ne sostituisce una con un’altra o anche con l’alcol e chi ha dipendenze da sostanze ma anche comportamentali». Le cosiddette dipendenze senza sostanze: internet, shopping compulsivo e soprattutto gioco d’azzardo patologico. «A questo – continua La Rosa – si aggiungono anche i pazienti che alle dipendenze sommano i disturbi psichiatrici. E, in questo caso, in Sicilia non c’è modo di dare assistenza perché non esistono comunità terapeutiche per le doppie diagnosi». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]