Il potere dei Leonardi tra tangenti e regali alla cosca Trovato un milione di euro interrato dentro dei bidoni

Un «
sistema criminale» milionario messo in piedi dagli ultimi padroni del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti in Sicilia. Il nome di punta dell’inchiesta Mazzetta sicula è quello dell’imprenditore Antonino Leonardi – finito in carcere – da tutti conosciuto come Antonello. Insieme al fratello Salvatore, ai domiciliari, era al vertice di un’associazione a delinquere specializzata nell’illecita gestione dei rifiuti nella megadiscarica di contrada Grotte San Giorgio, nel territorio di Lentini, in provincia di Siracusa. Impianto gestito dalla società Sicula Trasporti

Una sorta di
bomba ecologica «con danni ambientali non quantificabili», secondo il procuratore capo Carmelo Zuccaro. Anche perché in quelle colline tra i territori di Catania e Lentini finiscono i rifiuti di circa duecento Comuni. Affari da capogiro che rendono l’impianto della famiglia Leonardi il più grande dell’isola, recentemente al centro di un braccio di ferro con la Regione Siciliana per ottenere l’ampliamento delle vasche perché ormai quasi sature.

«I rifiuti non venivano trattati come previsto – spiega il procuratore Zuccaro in conferenza stampa – causando danni ambientali particolarmente elevati». Coinvolti nell’indagine, coordinata dalla procura di Catania e affidata alla guardia di finanza etnea, anche due pubblici funzionari: si tratta di Vincenzo Liuzzo, dirigente Arpa di Siracusa, e Salvatore Pecora, impiegato del libero consorzio di Siracusa e addetto al controllo sulla gestione dei rifiuti.

L’attenzione degli investigatori sull’impianto dei Leonardi si era già accesa a febbraio dell’anno scorso, quando il gruppo interforze della
Dia aveva fatto accesso, su disposizione della prefettura, all’impianto portando via parecchi documenti. Durante le perquisizioni di oggi i militari della guardia di finanza hanno trovato, sotterrati nell’area della discarica di Lentini, diversi bidoni con dentro circa un milione di euro in contanti. Il sistema criminale si sarebbe basato su due pilastri: tangenti per ottenere le autorizzazioni amministrative e fasulle attestazioni sulle quantità di rifiuti trattati nell’impianto di compostaggio interno. Il percolato liquido, destinato ad essere raccolto in appositi silos, finiva invece sversato nel suolo e nelle acque circostanti. Tra i rifiuti non trattati ci sono anche frigoriferi, rifiuti sanitari e copertoni. «Le autorizzazioni per l’ampliamento della discarica non fanno parte di questa inchiesta ma sono sullo sfondo – precisa il procuratore Zuccaro – anche perché parliamo di imprenditori con una grossa disponibilità economica».

Gli imprenditori avrebbero agito pure
all’ombra del clan Nardo, storica formazione mafiosa alleata alla famiglia mafiosa di Cosa nostra Santapaola-Ercolano di Catania. Dentro una cella del penitenziario di Bicocca è finito Filadelfo Amarindo, dipendente della Sicula Trasporti. Tra gli imprenditori Leonardi e la cosca ci sarebbe stato «una compiacente relazione finanziaria». Antonello Leonardi durante le festività avrebbe fatto pervenire a due storici boss, Angelo Randazzo e Alfio Sambasile, cinquemila euro in contanti. Il tramite sarebbe stato proprio il dipendente della Sicula Trasporti. Una sorta di anello di congiunzione tra mafia e colletti bianchi. In un’occasione, quando c’era da assegnare il chiosco all’interno dello stadio della Sicula Leonzio – in mano a Giuseppe Leonardi, figlio di Antonello – Amarindo avrebbe fatto da postino per conto dell’imprenditore nei confronti dei boss. L’attività non sarebbe stata assegnata agli uomini del clan, in cambio i Nardo sarebbero stati ripagati con regalie varie.

La procura ha ottenuto anche un
sequestro preventivo, con la nomina di tre amministratori giudiziari, per un valore complessivo di circa 110 milioni di euro. Oltre alla Sicula Trasporti – fatturato annuo di cento milioni di euro e 120 dipendenti – sigilli per la Sicula Compost, specializzata nella produzione di fertilizzanti agricoli e trasformazione di scarti, Gesac, che si occupa di estrazione di pomice e altri materiali pietrosi. Ulteriore misura, per un valore di sei milioni di euro riguarda Antonello e Salvatore Leonardi e il funzionario Arpa Liuzzo. Tra gli indagati, sottoposti all’obbligo di dimora e presentazione alla polizia giudiziaria, Francesco Nicotra e Francesco Zappalà. Il primo responsabile dell’impianto di compostaggio il secondo vertice dell’impianto di trattamento meccanico biologico. Non destinataria del sequestro la Edile Sud di Scordia ma sono indagati gli amministratori Francesco e Nicola Guercio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]