Lidi e concessioni decennali: dal 2024 via alla concorrenza «In Sicilia servono più aree libere e norme anti-speculazioni»

Stessa spiaggia stesso mare ma solo fino al 2023. Dal 2024 cambierà in maniera radicale il mondo delle concessioni balneari. Una drastica rivisitazione alle continue proroghe decennali che da sempre caratterizzano questo settore. L’input decisivo arriva grazie a una doppia pronuncia del Consiglio di Stato. La prima su un ricorso presentato dal Comune di Lecce dopo la mancata proroga della concessione al titolare di uno stabilimento. Il secondo caso riguarda invece il ricorso di una società siciliana contro la decisione dell’Autorità portuale dello Stretto che aveva rigettato un’istanza per l’estensione della validità della concessione marittima. A fare da spartiacque in questa storia c’è sempre la mancata applicazione in Italia della direttiva europea Bolkestein, che dal 2006 obbliga gli Stati a bandire delle gare per concedere beni pubblici come le spiagge.

Dopo anni di immobilismo adesso potrebbe essere la svolta decisiva. Nel 2020 la Commissione europea aveva avviato una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia proprio per il mancato recepimento della direttiva. Passaggio seguito dall’intervento dell’Antitrust contro la legge di bilancio che aveva invece prorogato fino al 2033 le concessioni balneari. Un corto circuito permanente che riguarda anche la Sicilia. L’Isola negli anni è diventata una sorta di paradiso per i privati che investono nei litorali. Secondo i dati raccolti da Legambiente su 425 chilometri di costa sono oltre 600 le autorizzazioni gestite dai privati. Il tutto in un contesto generale in cui su 122 Comuni costieri solo San Vito Lo Capo risulta dotato del Piano di utilizzo del demanio marittimo, strumento che permette agli enti locali di pianificare le modalità di utilizzo del litorale e la ripartizione tra pubblico e privato.

 «La logica applicata dal Consiglio di Stato è quella della concorrenza. Con le gare, a cui potranno partecipare anche gli attuali gestori, si dovrebbe avere una regolamentazione su prezzi, durate e accessi. L’invito per il legislatore è quello di organizzare una disciplina generale del settore», spiega a MeridioNews Fabrizio Tigano, docente di diritto amministrativo all’Università di Catania. Nessuna diversità di trattamento per l’Isola, nonostante rientri tra le Regioni a statuto speciale. «Questa particolarità – continua il docente – non pone fine al principio di matrice comunitaria». 

Da più fronti, specie da chi i lidi li ha sempre gestiti, non mancano gli interrogativi sul futuro. Si guarda, per esempio, con timore al possibile ingresso di grossi gruppi stranieri. Con i bandi non è da escludere che imprenditori cinesi o russi decidano di investire a Mondello o Taormina. «Nei bandi le condizioni le stabilisce l’ente proprietario, in questo caso la regione – spiega a MeridioNews la deputata regionale del Movimento 5 stelle Gianina Ciancio – Non vedo difficoltà nell’inserire clausole che diano un’indicazione equilibrata sui prezzi e impediscano speculazioni. In ogni caso la cosa importante sarà garantire le giuste proporzioni tra aree libere e aree in concessione in modo che chi vorrà pagare un servizio aggiuntivo andrà in un lido, a chi invece vorrà usufruire del mare gratuitamente venga garantito questo diritto. Oggi tutto ciò non avviene perché il litorale è stato in gran parte privatizzato ed è già inaccessibile».

Ieri, intanto, in commissione ambiente all’Ars è stato dato parere favorevole al decreto di ripartizione dei contributi ai Comuni per l’elaborazione dei Piani di utilizzo del demanio marittimo. «Ad aggravare lo scenario in Sicilia è la totale mancanza di regole dovuta all’inerzia delle amministrazioni locali – continua Ciancio – dopo 16 anni non hanno ancora approvato i Pudm (Piano di utilizzo demanio marittimo, ndr). L’abbiamo denunciato in aula e in commissione durante la discussione di tutte le leggi sul demanio marittimo».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]