Foto di Mareamico Agrigento

Licata, le fiammate nel mare che preoccupano gli ambientalisti: «Risposta inquietante dalla capitaneria di porto»

«Abbiamo notato un grosso bagliore causato da un incendio nel mare al largo della costa licatese». Fiammate nelle acque in provincia di Agrigento che hanno preoccupato gli ambientalisti di diverse associazioni locali spingendoli a chiedere chiarimenti alle autorità competenti. Una spiegazione è arrivata dalla capitaneria di porto di Porto Empedocle ma, per gli attivisti, si tratta di una risposta «inquietante».

Notata questa luce intensa, gli attivisti hanno subito collegato che in quel tratto di mare ci sarebbero delle «prospezioni per la ricerca ed emunzione di idrocarburi nell’ambito del progetto Offshore IbleoCampi Gas Argo e Cassiopea – dove stava operando la nave Saipem 10.000». Motivo per cui, gli attivisti delle associazioni Mareamico, Marevivo, Centro consumatori, Legambiente e Wwf Sicilia area mediterranea hanno manifestato le loro preoccupazioni «sulla salute degli operatori a bordo delle unità navali impegnante in queste attività, ma anche per gli eventuali danni all’ecosistema marino e soprattutto – aggiungono – per i rischi per la popolazione che vive lungo una costa fortemente antropizzata come quella davanti al tratto di mare interessato da queste operazioni di ricerca ed estrazione di idrocarburi».

Questioni a cui ha risposto la capitaneria di porto di Porto Empedocle. Una mail in cui la guardia costiera agrigentina ricorda che la società Enimed (Eni Mediterranea Idrocarburi) sta realizzando, tra le undici e le tredici miglia nautiche dalla costa, quattro pozzi nell’ambito del progetto Offshor Ibleo. Lavori che sono stati autorizzati dal ministero dello Sviluppo economico con i pareri positivi di tutti i soggetti interessati (Ispra, Direzione generale patrimonio naturalistico e mare del ministero dell’Ambiente). Nella risposta della capitaneria di porto alle associazioni si legge che, «secondo quanto riferito da Enimed, al termine di ogni singola perforazione, viene effettuata un’attività denominata “spurgo“». Un’operazione che servirebbe a valutare la capacità del giacimento in termini di presenza di gas. «L’attività – spiegano ancora dalla capitaneria di porto in un documento a firma del comandante Antonio Ventriglia – consiste in un’emissione controllata di gas naturale proveniente dal singolo giacimento con l’impiego di particolari apparecchiature installate a bordo della piattaforma».

Stando a quanto messo nero su bianco dalla guardia costiera, dunque, quella fiammata notata dagli ambientalisti al largo del mare di Licata sarebbe dovuta proprio a queste attività di spurgo, durante le quali «possono generarsi fiamme controllate, causate dalla combustione di gas naturale (metano) il cui calore viene mitigato – aggiungono – grazie all’utilizzo di acqua nebulizzata e al posizionamento sul lavoro di sopravento dell’unità navale». Dunque, secondo la capitaneria di porto, non ci sarebbe «nessun nocumento alla salute della popolazione». Per quanto riguarda l’ecosistema marino, dalla guardia costiera assicurano che «la società sta svolgendo i monitoraggi ambientali prescritti dal ministero dell’Ambiente». Risposte che, comunque, non hanno convinto gli ambientalisti: «Povero mare e poveri pesci di fondo cernie, dentici e gallinelle che – concludono dalle associazioni locali – finiranno arrosto nel loro stesso habitat».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Abbiamo notato un grosso bagliore causato da un incendio nel mare al largo della costa licatese». Fiammate nelle acque in provincia di Agrigento che hanno preoccupato gli ambientalisti di diverse associazioni locali spingendoli a chiedere chiarimenti alle autorità competenti. Una spiegazione è arrivata dalla capitaneria di porto di Porto Empedocle ma, per gli attivisti, si […]

«Abbiamo notato un grosso bagliore causato da un incendio nel mare al largo della costa licatese». Fiammate nelle acque in provincia di Agrigento che hanno preoccupato gli ambientalisti di diverse associazioni locali spingendoli a chiedere chiarimenti alle autorità competenti. Una spiegazione è arrivata dalla capitaneria di porto di Porto Empedocle ma, per gli attivisti, si […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]