Licata, dove i beni culturali cadono a pezzi  Dai meloni marci ai turisti precipitati in ipogeo

Si allunga la lista dei beni culturali di Licata che cadono a pezzi e chiudono i battenti. Tra giovedì e venerdì della scorsa settimana due crolli hanno interessato altrettanti monumenti simbolo della città agrigentina: la Grangela e il complesso del Carmine. Il primo è un ipogeo che durante la dominazione greca veniva utilizzato per approvvigionare di acqua la città e dove una scala di metallo si è interamente staccata dal proprio supporto trascinando con sé sette turisti che hanno riportato solo qualche lieve contusione; il secondo è un ex convento medievale, già punto di riferimento per i carmelitani di tutta la Sicilia, e attuale sede del Dipartimento comunale dei Servizi Demografici: è qui che si è registrata la caduta di due forati dal soffitto dell’ingresso, che per un soffio non hanno centrato una passante.

Tra i due, il più delicato è sicuramente il caso della Grangela, che è stata immediatamente posta sotto sequestro dall’autorità giudiziaria. Il bene è gestito dall’associazione archeologica Finziade ed è inserito in un circuito del quale fanno parte anche la Tholos, antico deposito coevo alla Grangela, e i rifugi antiaerei della seconda guerra mondiale, già camminamento sotterraneo del Castel Nuovo. «Abbiamo deciso di chiudere anche gli altri due siti in via cautelativa – spiega Fabio Amato, presidente di Finziade – dato che sono venute a mancare le condizioni di sicurezza generali. In un periodo come questo è un bel danno, sia per la città che per la nostra attività di volontariato, che portiamo avanti con abnegazione garantendo l’apertura anche nei giorni festivi, senza alcun compenso pubblico e praticando la tariffa simbolica di 75 centesimi a monumento. Non attribuisco colpe a nessuno, ma adesso è giusto che la magistratura faccia chiarezza e che i tecnici valutino quanto accaduto».

Interviene anche il neoassessore Vincenzo Ripellino, il quale ha ricevuto la delega ai beni culturali proprio lo stesso giorno del crollo. «Fortunatamente non ci sono stati danni gravi alle persone. Adesso attendiamo i risultati delle indagini sulla Grangela, mentre siamo già al lavoro per la riapertura immediata degli altri due siti. Il peggio è stato evitato – prosegue Amato – sia perché la scala non si è spezzata, adagiandosi sul fondo del pozzo, sia perché i turisti vi sono rimasti aggrappati, senza precipitare». 

Frattanto, il museo di Licata rimane clamorosamente chiuso nonostante il restauro sia stato completato già da qualche anno; la pulizia delle spiagge non è ancora stata avviata, con il Comune che ha diffidato il libero consorzio provinciale e sta cercando di provvedere in autonomia; i cartelli turistici sbagliati sono ancora in fase di sostituzione. Di oggi, infine, è la foto che ritrae il pianoro antistante il Castel Sant’Angelo, incantevole ed emblematica fortezza aragonese che domina tutta la città, completamente disseminato di meloni andati a male. In questa situazione paradossale, da una parte, nuove strutture ricettive si aggiungono ai due villaggi vacanze e al porto turistico già presenti, e dall’altra ai migliaia di visitatori che giungono in città si propina una Licata praticamente inagibile, una bellezza incatenata. 

E mentre i riflettori dei media rimangono puntati sul fenomeno dell’abusivismo, con risultati molto spesso ben oltre i limiti dell’esasperazione, non sembra palesarsi alcun progetto concreto sul riscatto della città. Nel frattempo che la gogna social e socio-politica miete impietosamente le proprie vittime, reali e strumentali, e Licata viene dipinta per quello che non è, la città del mare inizia a mostrare segni di cedimento anche strutturali. Con conseguenze molto lontane dal rilancio turistico, di fatto incentivato solo dai privati, e prossime, invece, alla congestione totale delle attività di promozione del territorio. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]