L’ex cementificio diventato un rifugio per i senzatetto Lo sgombero di piazza Repubblica visto dai clochard

A guardare negli occhi Chiara e David, 25 anni lei e 23 lui, si percepisce che, oltre a se stessi, nella vita non hanno avuto nessun altro su cui contare. Una storia complicata alle spalle fatta di adozioni in diverse famiglie per David, dissidi familiari e tanto tempo trascorso lontano dai figli per Chiara. E qualche problema con la giustizia. È una delle storie che vedono protagonisti due senzatetto alla ricerca dei mezzi e, forse, anche delle motivazioni per riuscire ad avere una vita migliore. Qualcosa che molti di loro non hanno mai conosciuto. «Siamo in un labirinto da cui non si può uscire», confessa David. 

C’erano anche loro allo sgombero di piazza della Repubblica, quando l’amministrazione comunale si è presentata sul posto avvalendosi dei mezzi della Dusty, la ditta che si occupa del servizio di raccolta dei rifiuti in città. «Perché quello è il centro, dovevamo andarcene da lì», dice David mentre ci racconta la propria versione dei fatti del giorno in cui sono stati costretti a trovare un’altra sistemazione provvisoria. «Eravamo lì, sono venuti e ci hanno tolto tutto – continua – ma già avevamo avuto problemi con i residenti e con i titolari degli esercizi commerciali». In precedenza il complicato rapporto tra chi la zona la abita e chi, invece, non ha altre sistemazioni se non qualche giaciglio provvisorio come i portici di piazza della Repubblica, si sarebbe manifestato anche con l’incendio di un materasso e una secchiata d’acqua ricevuta da Chiara da alcuni residenti della zona. Episodi, questi, che sono finiti nelle aule giudiziarie.   

Quel giorno, costretti a lasciare un riparo, i due hanno deciso di trovarne un altro nell’ex cementificio di via Domenico Tempio e via Santissima Assunta, a pochi metri dal faro di Catania. Una struttura immensa, abbandonata e lasciata al degrado. «La conoscevamo già – dice il giovane -, e poi non ci sono molti altri posti dove dormire». Per questo adesso «riposiamo qui, perché non possiamo dire che dormiamo», commenta Chiara mentre David mostra il giaciglio in cui dormono: una stanza senza porte e finestre in cui hanno creato un letto precario con due cuscini di un divano. Dopo passa alle altre stanze adibite a sistemazioni provvisorie. 

«Qui un amico ci ha messo un lucchetto e si è fatto la sua stanza», spiegano indicando una porta blu con impresso il simbolo della cabina elettrica. Tutt’intorno ci sono pezzi di vetro sparsi sul pavimento, rifiuti. Le pareti sono segnate dal tempo, ammuffite, alcune persino annerite dai diversi incendi che si verificano all’interno della struttura. «Qui dormiamo in sei per adesso, qualcuno viene per fare i murales e poi ci sono alcuni ragazzi del quartiere», raccontano, per poi cambiare repentinamente discorso. «È meglio non approfondire», ammette il giovane. 

Se David sembra sicuro di sé, a sembrare più fragile pare essere Chiara. «In realtà è tutto il contrario – confessa David – ogni giorno è lei a darmi la forza di andare avanti». Proprio Chiara, il giorno dello sgombero, aveva un bambino in grembo. «Mi sento come mi vede: in condizioni pietose», dice la 25enne. «Noi non abbiamo spunti – incalza David -, se io vado in cerca di un lavoro, vestito così, sporco, e dico che vivo in una discarica, chi si prenderebbe la responsabilità di assumermi?». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]