Le storie dei ragazzini ricoverati in Neuropsichiatria infantile «Dieci posti. Ogni settimana metà dei casi per tentati suicidi»

«Molti bambini e ragazzi non vorrebbero tornare nel mondo dopo essere stati qui, perché sono in una bolla protetta dove si sentono al sicuro». A parlare del reparto di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale è Renato Scifo, il primario del reparto che si trova al secondo piano. Uno dei tre di tutta la Sicilia (insieme all’ospedale dei Bambini di Palermo e al Policlinico di Messina) che conta solo dieci posti letto. «Da quando è iniziata la pandemia – racconta Scifo a MeridioNews – sono tutti occupati e, ogni settimana, arrivano cinque o sei casi gravi di ragazzini che hanno tentato il suicidio». Sono di più le ragazzine e la media dell’età di chi al male di vivere ha provato a porre fine togliendosi la vita è di 13 anni

Con il Covid, il disagio psichico dei minori è esploso «ma – sottolinea il primario di Neuropsichiatria infantile – partivamo da una situazione pre-pandemica in cui era già costante l’aumento di patologie neuropsichiatriche e psichiatriche dell’età evolutiva». Casi non sempre acuti che spesso vengono seguiti dall’unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile territoriale. È nella struttura del dipartimento di salute mentale in corso Italia a Catania che «un’équipe multidisciplinare fatta di medici, psicologi, pedagogisti, terapisti della riabilitazione, logopedisti e assistenti sociali – spiega la direttrice Anna Fazio – si prende cura di tutti i minori che presentano disagi». Dalle grandi sindromi di deficienza mentale fino a disturbi del comportamento, del sonno, alimentari e a vari tipi di disadattamenti sociali.

In linea con la media nazionale, anche nell’area della Sicilia orientale a soffrire di patologie mentali è quasi il 20 per cento della popolazione dai zero ai 18 anni. Di questi, i casi più gravi necessitano di un ricovero in strutture specializzate. Disturbi della sfera psicotica, stati paranoidei, esordi di schizofrenia, anoressie e bulimie nervose, atti di autolesionismo (in crescita soprattutto tra le ragazzine i fenomeni di cutting)casi di ritirati sociali che, come gli Hikikomori giapponesi, vivono isolati nelle loro camerette senza avere rapporti diretti con nessuno, fatta eccezione per le comunicazioni sui social. «La pandemia ha acuito tutto – sottolinea Scifo al nostro giornale – In media ogni ricovero dura tre settimane, ma ci sono casi più delicati in cui serve che i pazienti restino più a lungo, anche due mesi. Come il caso di una ragazzina con disturbi alimentari aggravati da una dispercezione somatica». Ridotta a uno scheletro, guardandosi allo specchio, si vedeva grassa. Questo tipo di disturbi legati alla sfera dell’alimentazione comincia intorno ai nove anni e colpisce soprattutto le bambine

Nell’unico reparto dell’area orientale dell’Isola, i dieci posti letto sono tutti sempre occupati. «E bisogna tenere conto anche delle combinazioni dei pazienti nelle stanze – sottolinea Scifo – Non possiamo mettere insieme un 17enne delirante con un bambino di tre anni che ha avuto una crisi epilettica». Non solo numeri, nel reparto i pazienti restano bambini, ragazzi, adolescenti. «Anche in tempo di Covid, con loro può rimanere uno dei genitori (dopo essersi sottoposto a tampone e avere avuto esito negativo). Hanno la tv in camera, la sala comune con i giochi e i videogame e – continua il primario – anche i computer per seguire la didattica a distanza. La maggior parte di loro ha difficoltà quando sa di dovere essere dimesso e di dovere tornare a fare i conti con la quotidianità». Per questo, molti di loro continuano a essere seguiti dall’unità territoriale.

«Sono in aumento i casi di minori che arrivano da noi per abusi sessuali online – riferisce Fazio – Anche bambini di sei o sette anni che, per più ore al giorno, sono lasciati sui social senza nessun controllo da parte degli adulti». Insomma, quella che un tempo era la tv oggi sono i social network. La differenza è che online tutto si fonda sulle interazioni. Il rapporto tra minori e social è tornato alla ribalta dopo la storia di Antonella, la bambina palermitana di dieci anni che si è tolta la vita in casa pare per una challenge su TikTok. «Le ragazzine sono più esposte, specie quelle che pensano di essere diventate adulte precocemente e si atteggiano come tali – sottolinea la direttrice – convinte di essere tutelate dallo schermo». Tra minori che hanno difficoltà a dormire o nel rapporto con il cibo e altri che manifestano tratti depressivi importanti, «da quando è cominciata la pandemia – aggiunge Fazio – abbiamo registrato un aumento anche dei maltrattamenti all’interno dei nuclei familiari. Proprio qualche giorno fa, ho chiesto a un bambino appena arrivato da noi: “Come stai?“. Dopo averci pensato per qualche secondo – conclude – mi ha risposto: “Non so rispondere perché non me lo chiede mai nessuno“».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]