Le scatole incantate per avvicinare la scienza ai più piccoli

Ci sono piccole rivoluzioni sostenibili che parlano anche di sorellanza nel nome dell’educazione ambientale ed inclusiva. È il caso del progetto al femminile ed ecosostenibile le Scatole Incantate, ideato da tre donne messinesi che si sono unite in un piccolo grande sogno fatto di natura, scienza, lettura e didattica. Il progetto mira all’elaborazione di kit didattici che possano portare ai bambini e alle bambine strumenti utili a formare una science literacy: rudimenti fondamentali per capire come la scienza si interfaccia con la natura ed elabora teorie e processi utili allo sviluppo dell’umanità e alla tutela dell’ambiente.

A idearle sono state: Elisa Calabrò, libraia presidente dell’associazione Ossidi di Ferro che dal 2010 si occupa di promuovere la lettura e la cultura del libro; Simona Ruvolo, sociologa specializzata in mediazione interculturale e curatrice di laboratori didattico-ricreativi e letture animate per promuovere lettura, gioco e interazione; Antonia Teatino, architetta eco-designer ed eco-blogger (Il cartolaio del bosco), che si occupa anche di sviluppare strumenti per la diffusione di stili sostenibili nelle scuole.

«Le nostre strade – spiega Elisa Calabrò – si sono intrecciate tante volte in questi anni con tante attività portate avanti per i più piccoli. Noi ci muoviamo nella provincia di Messina, tra Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo e San Filippo del Mela, e da qualche tempo avevamo iniziato a lavorare più a stretto contatto, provando a intersecare le nostre competenze per raggiungere insieme nuovi obiettivi. Quando è arrivata la pandemia, anche i nostri progetti didattici hanno subito uno stop improvviso e ci siamo interrogate su cosa avremmo potuto fare per continuare a promuovere il piacere della lettura e il gusto della scoperta scientifica e ambientale».

Mettendo insieme passioni e competenze, le tre donne hanno pensato a scatole incantate che possano stimolare l’urgenza di porsi e porre domande utili e necessarie per progredire nel ragionamento. Le scatole contengono un testo di narrativa, un albo illustrato o un libro di divulgazione scientifica, mappe che faranno da guida per lo svolgimento delle esperienze, con spunti di gioco e di approfondimento; strumenti di esplorazione di ecodesign realizzati secondo il principio cradle to cradle; un taccuino realizzato a mano, con scarti di lavorazione tipografica e scampoli di sartoria, e cartoline personalizzabili per costruire uno spazio dedicato al dibattito e allo scambio per tutta la comunità di giovani scienziati e scienziate.

Grazie al crowdfunding e al sostegno di Banca Etica arriveranno in decine di scuole d’Italia. «Ci piacerebbe – dicono – che le nostre scatole, ad impatto ecologico zero, con attività multidisciplinari e indirizzate a bambini e bambine da 3 a 12 anni, potessero diffondersi capillarmente e gratuitamente anche, e soprattutto, tra chi non ha le risorse economiche sufficienti a godere di spazi e momenti extra di approfondimento ed esplorazione». Intanto la raccolta fondi si chiuderà domenica 31 gennaio e con il sostegno di tutti si potranno realizzare 150 (o forse più) scatole incantate. L’idea è quella, comunque, di continuare anche in seguito a costruire scatole e sogni, e a nutrire il progetto grazie alla rete e alla condivisione del patrimonio di conoscenze, che sarà condiviso e fruibile da tutte le classi aderenti. 

Fino al 31 gennaio è possibile sostenere su Produzioni dal Basso il progetto delle tre ideatrici messinesi che hanno immaginato un’attività di diffusione scientifica inclusiva, democratica e sostenibile per i bambini.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]