Le parole d’amore di Benigni alla moglie

Sento di prendere posizione a difesa della categoria dei mariti. Perché, da quando sono state messe in circolo le parole che Roberto Benigni ha dedicato a sua moglie, gli unici uomini che le hanno ricondivise, fidatevi sulla parola, sono quelli che volevano attraccare sulla propria bacheca. Tutti gli altri ce la siamo fatta alla larga. E questo, fino a quando ci siamo sentiti dire: – «Hai sentito la dedica che Roberto Benigni ha fatto a sua moglie?», con un successivo silenzio di sottofondo, che in realtà sapeva chiaramente di paragone al ribasso. «Lui è romantico e – qua dovevamo arrivare – tu no. Tu no». Ora, siccome l’errore più fastidioso è quello di giudicare le parole credibili, non per i loro contenuti, ma in funzione di chi le pronuncia, uno stesso concetto ha prodotto conati di vomito o traumi auricolari a seconda se Roberto Benigni, di suo, sta o meno sul cazzo al commentatore. Per non correre questo rischio, propongo allora di analizzare quelle parole in maniera neutrale e a mente fredda, togliendole dalla bocca di Roberto Benigni. Scelgo due frasi, su tutte. Le altre sono di una banalità devastante.

La prima: «La prima volta che t’ho conosciuta, ho pensato che nostro Signore avesse voluto adornare il cielo di un altro sole». La seconda: «Io conosco una sola maniera per misurare il tempo: con te e senza di te».

Partiamo dalla prima. Immaginate adesso che vi arrivi su Facebook una richiesta di amicizia di uno sconosciuto e che questo vi scriva:

– «Ciao» – «Ciao, ci conosciamo?» – «Perché no, dai, conosciamoci» – «No, dico, ci siamo conosciuti da qualche parte?»  – «No, ma ti ho vista l’altra sera e “ho pensato che nostro Signore avesse voluto adornare il cielo di un altro sole”».

Ora, se giudicate romantica questa frase in bocca a Benigni, dovete farlo anche in bocca al novello decamerone di San Giovanni Galermo. Invece, di fronte a questa frase, parente di «tuo padre è un ladro perché ha rubato due stelle dal cielo», cambia l’oggetto, ma l’universo è lo stesso, la vostra mano esce dal telefonino e lo unchia di coppa.

Passiamo alla seconda. Tralasciamo che – non lo sapevo – è copiata da Borges. La verità è solo questa: qua, tutti misuriamo il tempo con o senza di voi. Ma solo perché ci pare poco quello senza di voi. 

Anche a Benigni, fidatevi. Se c’è un uomo che la pensa diversamente, e non perché vuole attraccare sulla mia bacheca, fatemelo conoscere. Non c’è niente di offensivo. Non caricate gli insulti. Dico anche io una cosa ovvia. L’amore non si misura con la quantità, ma con la qualità. L’amore non ha la partita Iva. Allora, se uno, ad esempio, dopo ventitré anni di matrimonio, il giorno del suo anniversario, se ne va a giocare a pallone, quindi sottrae tempo a sua moglie, può dirsi che non è amore il suo? Quantitativamente no, forse. Ma qualitativamente, sì, dico io. Anche il suo è amore. Solo che a pallone doveva andarci a giocare anche il giorno del suo matrimonio.

Taggo mia moglie, m, per dimostrare che ho i pantaloni.

E in tutto questo, anche se ve ne state fregando letteralmente, io ho scritto un libro dal titolo: La gente non stanno bene.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]