Le minacce alla squadra di calcio femminile Sporting Locri Solidarietà dalle colleghe palermitane e dal Palermo calcio

È questo lo sport: unione. E unione diventa solidarietà quando accade ciò che è accaduto pochi giorni fa in Calabria. Parliamo delle minacce alla dirigenza e alle famiglie della s quadra di calcio a 5 femminile Sporting Locri, squadra di serie A e attualmente quinta in classifica, che hanno portato la dirigenza a valutare la possibilità di ritirare la società. Non è ancora una decisione definitiva, quel che si sa è che il presidente Ferdinando Armeni ha detto che il 10 gennaio le ragazze scenderanno in campo contro la Lazio. Poi si deciderà il da farsi. 

Le minacce – a detta dei cittadini, dei giornalisti, della squadra stessa – sono legate a una cultura ancora troppo «retrograda e misogina». Ci sono indagini in corso che spiegheranno cosa sia successo e – ci si augura – escluderanno la possibilità dell’ombra della ‘ndrangheta, la cui esistenza trova peró una spiegazione nelle parole contenute in uno dei tanti commenti che girano sui social : «Il punto è che le cose non possono essere separate – scrive una ragazza – non si può pretendere di chiedere alle persone di lottare e rischiare la vita dei propri cari in un paese in cui poi comanda la ‘ndrangheta, e allo stesso tempo non si può chiedere di ribellarsi alla ‘ndrangheta quando non puoi nemmeno giocare a calcio». Non fa una piega.

L’intimidazione, le minacce, sono modi di fare mafiosi, che si chiami ‘ndrangheta o cosa nostra non cambia, ed è per questo che non tarda ad arrivare la solidarietà delle colleghe di Palermo: «Prigioniero dei suoi stereotipi – dice a MeridioNews Cinzia Orlando, mister del Fustal P5 Palermo che milita in serie A – il calcio rosa in Italia continua a languire ai margini dello sport. Le ragazze che vogliono giocare a calcio trovano impedimenti teorici e pratici di ogni tipo non giustificati da vere ragioni di ordine medico o psicologico». Secondo il mister inoltre, il calcio femminile non è mai stato apprezzato come potenziale veicolo di business «il che rende ancora più ardua la sua impresa di conquistarsi spazi adeguati alle proprie esigenze – aggiunge -. Ciò che sta succedendo alle ragazze dello Sporting Locri è inaccettabile. Per tutti i sacrifici che noi donne facciamo, tra permessi di lavoro e rinunce a cene con amici o la famiglia, solo per ritagliarci un po’ di tempo per divertirci, esigiamo più rispetto». Un problema complesso che secondo il mister non può essere rimandato a tempi migliori, «perché le soluzioni non vengono da sole ma sono frutto di impegno e dedizione sia in ambito dirigenziale che sul rettangolo di gioco. L’immagine del calcio delle donne necessita di una “bonifica” sostanziale, capace di far seguire le parole ai fatti e rendere il progetto di un “pallone al femminile” dignitoso, sempre più prossimo». 

E con le giocatrici di Locri, sta anche la Ludos femminile Palermo, «Siamo con loro e con tutta la dirigenza – dice la presidente Cinzia Valenti – perché quello che è accaduto colpisce anche noi ovviamente e i riflettori devono stare accesi su una storia che lascia perplessi soprattutto per la “tempistica”. Le difficoltà ci sono sempre state ma in trent’anni nel calcio femminile non avevo mai sentito una cosa simile ed è assurdo che succeda in un momento in cui pare che il calcio femminile stia iniziando ad avere lo “sviluppo” che merita». La federazione sta portando avanti infatti dei progetti, che prevedono l’obbligatorietà dell‘ingresso nelle società di serie A e B maschili di un gruppo di minimo venti bambine under 12, «i numeri sono destinati ad aumentare – continua Valenti -. Così ogni società avrà all’interno delle squadre femminili. L’obbligatorietà si riferisce solo alle under 12 ma ci sono società, come la Fiorentina ad esempio, che lo hanno già fatto, al di là della obbligatorietà». La federazione italiana sta iniziando ad adeguarsi agli input di Fifa e Uefa che hanno finanziato le federazioni stesse per sviluppare il calcio femminile, «con la pressione di tutti noi, anche il nostro paese, seppur in ritardo, si sta svegliando in questo senso. Il calcio femminile è uno sport assolutamente pulito e lo dimostrano i fatti e mi auguro – conclude – che la società Sporting Locri continui e non desista. Qualunque siano le motivazioni che hanno portato a quei gesti vigliacchi, non sono accettabili ma è giusto che la federazione e le istituzioni sano vicine per far capire a chi vuol fare del male che non c’è spazio per loro».

Ma quel che è successo in Calabria colpisce tutto il calcio, senza distinzione di genere ed è per questo che a voler dare il proprio sostegno alle ragazze dello Sporting Locri è anche il Palermo Calcio: «Da direttore sportivo della società – dice a MeridioNews Manuel Gerolin – ma anche da sportivo, spero che che il presidente Armeni riveda la sua posizione. Che le ragazze vadano in campo il prossimo 10 gennaio è un segno positivo, ma devono continuare il loro percorso. Lo sport deve vincere di fronte a queste cose, immaginiamo il disagio che stanno vivendo ma l’unica maniera per venirne fuori è reagire, e hanno tutta la nostra solidarietá. Lo sport è sport a tutti i livelli, non c’entra nulla il sesso ed esempio recente di quanto la donna sia diventata importante per lo sport è la finale delle nostre tenniste siciliane». Ed è in arrivo anche una novità proprio per il calcio femminile palermitano. «Entro gennaio – annuncia Gerolin – aderiremo anche noi alle nuove normative e faremo la squadra femminile. Speriamo di allargare i numeri entro du, tre anni. Avremo proprio una società parallela al nostro settore giovanile».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]