Le madri che uccidono i figli non sono dei «mostri disumani» Criminologo: «Giudicarle non caratterizza la nostra umanità»

«Mostro disumano» è il giudizio che molte persone – specie nei commenti sui social – hanno dato di Martina Patti. La madre 23enne di Mascalucia che lunedì ha ucciso a coltellate la figlia di quattro anni Elena Del Pozzo, ha parzialmente interrato il cadavere in una buca scavata in un terreno incolto a poche centinaia di metri di casa e poi ha inventato la storia di un rapimento compiuto da uomini incappucciati. Una versione ricca di fin troppi particolari che, da subito, non ha convinto gli inquirenti e che la donna ha ritrattato solo dopo essere stata messa di fronte alla sequenza delle immagini delle telecamere di videosorveglianza lungo il tragitto dall’asilo a casa. Da Medea (che ha anche dato un nome a una sindrome) a Veronica Panarello, nella mitologia e nella storia (anche recente) sono molti i casi di madri che uccidono i figli che non si possono difendere. «È un gesto che è e resta l‘atto contro natura per eccellenza perché – spiega a MeridioNews Roberto Gennaro, criminologo, sociologo, avvocato e docente all’Università di Catania – è la negazione del vincolo più viscerale che esiste tra due esseri umani: una donna e il figlio o la figlia che ha messo al mondo».

Ed è proprio questa innaturalità del gesto a creare nella società le reazioni maggiormente astiose, più che nei casi in cui a compiere l’infanticidio sia il padre. «Se riconosco nell’altro il “mostro disumano” – commenta Gennaro – in realtà, in qualche modo, mi differenzio e mi distinguo da lui e, così, caratterizzo la mia umanità, il mio essere umano». Sconosciuti, persone comuni e anche personalità del mondo dello spettacolo hanno espresso i loro giudizi, spesso non pacati, su Martina Patti. In molti l’hanno frettolosamente definita «pazza»; mentre i primi aggettivi che hanno usato per descriverla i genitori del suo ex compagno e padre della bambina sono stati «fredda e non empatica». La sua ex cognata ha anche raccontato qualche situazione in cui la donna avrebbe picchiato la bambina. Episodi che la zia, a posteriori, si dice pentita di non avere denunciato. «Dobbiamo ricordare, in ogni caso, che purtroppo – analizza l’esperto – non ci sono segnali precisi ricorrenti né linguistici né comportamentali che possano fare prevedere che si possa arrivare a un gesto del genere». Può essere fatta però una ricostruzione a posteriori andando a ritroso. 

«La anormalità di alcuni istinti, invece, è molto più normale di quello che si può pensare – fa notare Gennaro – anche nelle madri. Molte decidono di rivolgersi a degli esperti nel momento in cui hanno degli impulsi di cattiveria nei confronti dei figli piccoli. Specie se si tratta di donne che sono chiamate a gestire tutto il peso e le responsabilità da sole e che, banalmente, non riescono nemmeno a dormire». Dunque, istinti e impulsi aggressivi da parte delle madri possono avere una base di normalità. «Di fronte a questo molte si bloccano, si chiedono se sono delle buone madri, se quegli istinti sono compatibili con l’essere genitore e si rivolgono anche a chi può aiutarle. Il gesto estremo, comunque, rimane non normale: è un istinto di autodistruzione, di distruzione di ciò che si è creato e, in qualche modo, è anche distruttivo della società perché è contrario alla prosecuzione della specie». 

Sull’infanticidio di Elena molte cose restano ancora da chiarire. L’arma usata per il delitto (probabilmente, in base alle ferite, un coltello da cucina), il luogo in cui è stato compiuto (se in casa o nel terreno dove il corpo senza vita è stato ritrovato chiuso dentro cinque sacchi di plastica nera) e il movente. Gli inquirenti hanno ipotizzato che la donna – che si trova in carcere con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato e occultamento di cadavere e per cui la procura ha avanzato anche l’aggravante della premeditazione – abbia agito per una «gelosia dovuta al timore che la bambina potesse affezionarsi alla nuova compagna del padre». L’avvocato Gabriele Celesti che la difende ha affermato, riportando quanto riferito dall’indagata durante la confessione, che «ha agito come se non fosse in lei, come se avesse avuto una forza sovrannaturale alla quale non ha potuto resistere e non c’è stato un pensiero che l’ha potuta frenare». Il legale ha già annunciato che come strategia difensiva chiederà che venga effettuata una perizia psichiatrica «per vedere se ci sono rilievi di profilo psichiatrico che possono avere influenza sul fatto». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]