Le campane della divisione hanno smesso di suonare?

PINK FLOYD – THE DIVISION BELL

1994

 

 

Mi sono svegliato al suono dei tamburi
La musica suonava, il sole del mattino entrava
Mi sono voltato e ti ho guardata
E tutto tranne un residuo amaro scivolò via . . . scivolò via

 

 

Ascoltare The Division Bell è come partecipare alle tristezze croniche di David Gilmour. Passati sette anni dalla pubblicazione di “A Momentary Lapse of Reason” (primo album del post-Waters) le campane della divisone e della discordia ancora continuavano a suonare insistenti. I Pink Floyd (confessando una scomoda verità storica) erano morti con quell’atto finale, “The Final Cut”, e con quel muro, eretto, bianco, che separò Roger Waters dai suoi compagni.

Dal 1987 così, nonostante la vittoria giudiziaria del marchio PF di Gilmour-Mason, tutto parve come essiccato, umiliato, compreso questo album del 1994, che non potette che essere considerato come l’ennesimo segmento di una virtuale carriera da solista di Gilmour, piuttosto che come ultima uscita della band di Cambridge.

L’album è un concept sulla nostalgia e sulla divisione, Gilmour aveva divorziato dalla moglie ed in generale la sensazione che appare contenuta nelle tracce è di una stanchezza senile.

Le due belle strumentali (Cluster One e Marooned), cariche di echi ed affidate agli assoli lunghi e new age di David, sono la realtà più significativa del disco, fungono da cemento e conservano parte (solo parte)di quelle caratteristiche floydiane soprattutto nello sviluppo delle storiche e chilometriche suite della band.

Il resto si perde un po’ e il disco, tra citazioni palesi di “Dark Side of the Moon” ed un vittimismo, a tratti disegnato a tavolino, è debole d’inventiva ed originalità.

I testi di David (a quattro mani con la nuova moglie Samson), il sassofono di Dick Perry, il ritorno di Wright in “Wearing in the Inside Out” e nella dolcezza d’un romantico pianoforte, non riuscirono a riabilitare la band di fronte agli occhi delusi di milioni di fans, attaccati ad un idea di Pink Floyd differente, spaziale, sperimentale, alla Waters, insomma.

Tra le prove più significative si registrano la delicata Poles Apart dedicata all’amico Syd Barrett ( “Non avrei mai pensato che avresti perso quella luce negli occhi” ), l’acustica Lost for words, una sorta di Wish you were here, in cui s’accenna, invece, all’amico-nemico Waters (“Così apro la porta ai miei nemici e chiedo se possiamo pulire la lavagna, ma mi dicono cortesemente di andare a farmi fottere”) ed il finale malinconico di High Hopes, canzone rappresentativa dell’album grazie alle campane che in tutte la canzone non smetteranno di suonare.

 

Quest’ultimo è il brano che chiude The Division Bell ed anche la carriera in studio dei Pink Floyd fino al momento. Molti sono in attesa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]