Lavori da oltre 12 milioni assegnati senza gara d’appalto Polemica tra UniMe e Anac su affidamento in zona Cesarini

Un lavoro da oltre 12 milioni di euro, poi ridottisi a poco più di nove per via del ribasso, assegnato senza alcuna gara d’appalto. Fa discutere la decisione dell’Università di Messina di ricorrere all’affidamento diretto per la trasformazione di parte del padiglione A del Policlinico in residenze per gli studenti. Il caso è finito, insieme ad altri provvedimenti assunti dall’ateneo tra settembre e dicembre, all’attenzione dell’Autorità nazionale anticorruzione che, nei giorni scorsi, si è pronunciata cassando l’operato del cda presieduto dal rettore Salvatore Cuzzocrea. «Non può ritenersi operante il richiamato regime di deroga – si legge in una nota dell’Anac, in cui si fa riferimento alle osservazioni presentate dall’Università – prospettandosi la necessità del rispetto delle procedure concorsuali ordinarie previsto dalla normativa europea della legislazione nazionale». Di tutt’altra posizione, e sicuro di avere agito nel solco della legge e nell’esclusivo interesse degli studenti, è Cuzzocrea: «Per noi fa fede la lettura della norma data dal governo e dal parlamento – dichiara a MeridioNews il rettore – La volontà dell’esecutivo è stata quella di rilanciare l’economia garantendo a certi settori, come le Università, di spendere i fondi nel più breve tempo possibile». Obiettivo che, per Cuzzocrea, non si sarebbe potuto ottenere passando da una tradizionale gara d’appalto: «Sarebbero serviti diciotto mesi almeno, escludendo eventuali ricorsi».

A fare alzare il polverone, che negli ultimi mesi ha chiamato in causa anche il parlamento e il ministero dell’Università e della Ricerca, è stato un comma – per l’esattezza il quarto dell’articolo 2 – del discusso decreto Semplificazioni. Ovvero il pacchetto di norme che, nella seconda metà del 2020, furono introdotte per ridurre l’impatto della pandemia sull’economia. Perlopiù si trattava di deroghe a tempo determinato – i termini sono stati poi per la maggior parte estesi fino al 2023 con il decreto Semplificazioni bis per snellire le procedure e consentire l’apertura di cantieri in giro per l’Italia. Il comma 4 prevede che in un ampio ventaglio di settori, che vanno dall’Università alle scuole, dalla sanità all’edilizia carceraria, passando per porti, ferrovie e strade, «le stazioni appaltanti operino in deroga a ogni disposizione di legge diversa da quella penale, fatto salvo il rispetto delle disposizioni del codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione».

Tale possibilità era stata criticata da Anac già all’epoca in cui il decreto era ancora in fase di gestazione. Rilievi che comunque non avevano fatto cambiare idea alla politica: il testo approvato dal governo aveva retto anche alla fase di conversione in legge da parte del parlamento. «Il comma 4 dell’articolo 2 – continua Cuzzocrea – parla chiaro. Anche il ministero ha fatto presente che non è necessario ricorrere alle motivazioni d’urgenza per agire tramite affidamento. In ogni caso le condizioni d’urgenza, come abbiamo avuto modo di provare, sono più sussistenti. Quando sono diventato rettore – sottolinea il capo dell’ateneo – ho trovato strutture in cui cadevano i calcinacci, c’erano infiltrazioni d’acqua e le fogne erano a cielo aperto. Mi chiedo se questi non siano motivi validi per agire in deroga».

A essere prescelta per realizzare gli alloggi riservati agli studenti è stata la Eredi Geraci Salvatore, impresa edile di Mussomeli. L’intervento fa parte di un progetto, datato 2017, che prevedeva un cofinanziamento da parte dello Stato, simile a quello che conta di ottenere prossimamente l’Università di Catania. In un primo tempo la richiesta del finanziamento era stata ritirata per la presenza di un progetto, simile ma più in alto in graduatoria, dell’Ersu di Messina. Poi, però, l’esclusione dell’Ersu dalla procedura di assegnazione, aveva rimesso in gioco l’ateneo e così l’anno scorso Unime è tornata a farsi avanti chiedendo al ministero di essere presa in considerazione. La proposta di affidare i lavori all’impresa nissena è stata deliberata dal consiglio d’amministrazione il 28 dicembre scorso. Due giorni dopo è arrivato l’ok del ministero alla richiesta del finanziamento. L’iter si è chiuso in zona Cesarini: il 31 dicembre, infatti, scadeva il termine per l’applicabilità del comma 4; una delle norme non prorogate dal decreto Semplificazioni bis.

«A me l’unica cosa che interessa è che tutto venga fatto nel rispetto delle normative, la nostra impresa è in prima linea nella legalità». Michelangelo Geraci, amministratore unico di Eredi Geraci ci tiene a specificare che «avere un lavoro e incappare in problemi giudiziari non è una cosa a cui teniamo» ed è proprio per questo che il caso, senz’altro particolare, ha portato l’imprenditore «a formulare un quesito anche all’Ance», l’associazione nazionale dei costruttori. La scelta della ditta con sede a Mussomeli ha seguito una precisa valutazione da parte dell’Ateneo: la Eredi Geraci sta già lavorando al Policlinico, in seguito a un affidamento risalente all’anno scorso e riguardante la ristrutturazione del padiglione A. «L’impresa ha dimostrato affidabilità e competenza nel corso di tutto l’appalto – si legge in un documento inviato da Unime all’Anac – È evidente che la scelta di affidare il completamento dell’edificio sul quale insiste già un cantiere dell’impresa e la conoscenza da parte della stessa dello stato dei luoghi, degli impianti e delle condizioni strutturali dell’immobile, è apparsa la soluzione più ragionevole e immediata per il raggiungimento degli obiettivi prefissati». «Prima dell’anno scorso non avevamo mai lavorato all’Università di Messina – commenta -. Avere ricevuto la richiesta di effettuare queste opere per noi è un attestato di stima, perché in decenni di attività non abbiamo mai lasciato insoddisfatti gli enti per cui abbiano lavorato. Ma ripeto – conclude l’imprenditore – sopra ogni cosa ci interessa che tutto si svolga con chiarezza». 

Sulla disputa, a febbraio, era intervenuta anche la ministra per l’Università Maria Cristina Messa con una risposta scritta a un’interrogazione presentata dal deputato campano del Pd Umberto Del Basso De Caro. La ministra, dopo avere esplicitato l’interpretazione del governo alle norme contenute nel decreto Semplificazioni, ha chiuso il proprio intervento ricordando che l’Anac «ha ritenuto di precisare che la propria attività consultiva “serve a indirizzare l’operato delle stazioni appaltanti, ma non può costituire interpretazione autentica della norma”». Per capire se basterà questo a spegnere le polemiche o se ci saranno altri strascichi, bisognerà attendere.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]