Lavoratori Arta, conciliazioni mai partite Pirillo: «Responsabilità della Funzione Pubblica»

I trentacinque lavoratori dell’assessorato al Territorio e Ambiente sono stati sospesi definitivamente lo scorso marzo, dopo 15 mesi di lavoro non pagato. Già dallo scorso luglio potevano essere avviate per loro le procedure di conciliazione, previste dall’articolo 12 approvato nell’ultima finanziaria. Anche l’assessore al Territorio e Ambiente Maurizio Croce lo scorso luglio aveva dichiarato a MeridioNews: «È una legge a tutti gli effetti e quindi la Funzione pubblica può già operare per poter riconciliare».  

Ma non è stato così, nonostante i solleciti, le email inviate dall’assessorato al Territorio con gli elenchi dei lavoratori per cui far partire la conciliazione oltre ad alcune lettere di diffida e messa in mora, inviate alla Funzione pubblica dai lavoratori. «È competenza della Funzione Pubblica – spiega il dirigente del dipartimento Maurizio Pirillo – La dirigente Giammanco non può pensare di rimpallare così e rinviare al nostro dipartimento, quelle pratiche le competono. Dovrebbe avviare la convocazione per le procedure di conciliazione, gli inquadramenti, a fronte di tutta la documentazione che ci era stata richiesta e che ho prontamente fornito. Noi abbiamo adempiuto ai nostri doveri e, in coscienza, fatto tutto e per tempo. Io non sono ufficio del personale». Intanto le vittime rimangono i lavoratori, con famiglie e figli a carico, fermi in una situazione paradossale, nonostante basti adesso applicare la legge.

Una vicenda ingarbugliata quella dei 35 co.co.co, entrati con bando pubblico e che hanno lavorato con contratti prorogati di anno in anno fino alla sospensione definitiva lo scorso marzo con decreto del dirigente del dipartimento, Pirillo, che aveva riscontrato una serie di circostanze poco chiare: oltre a non percepire lo stipendio per oltre un anno, i lavoratori hanno ricevuto la busta paga, restando scoperti persino sul fronte dei versamenti previdenziali, assicurativi e contributivi a Inail e Inps. Fino ad arrivare all’ultima finanziaria con la quale si è avuta l’approvazione dell’articolo 12 sulla conciliazione. Cosa che non è mai scattata e che avrebbe potuto contribuire anche a salvare il progetto Spin4Life, bloccato dalla commissione di valutazione europea la cui relazione dello scorso maggio era stata chiara: «Allo stato attuale il progetto non è in grado né di rispettare il cronoprogramma descritto nel progetto approvato, né tanto meno di raggiungere gli obiettivi previsti».

Poi il riferimento ai lavoratori ai lavoratori Arta sospesi, dodici di loro infatti facevano parte dell’area di lavoro in cui rientrava Spin4life: «La situazione che appare più preoccupante – sottolineava – è quella dei tecnici precari che dovrebbero lavorare al progetto come previsto nella proposta approvata. Tale situazione riscontrata è una delle cause che può portare la Commissione alla chiusura anticipata». Erano due i mesi di tempo concessi per risolvere tutti i problemi che impedivano al progetto di procedere, pena la risoluzione della convenzione di sovvenzione e dunque non solo la perdita del contributo Life, ma anche problemi rispetto alla programmazione sui fondi strutturali e allo sviluppo di un programma di gestione della rete Natura 2000. «Abbiamo perso 150mila euro con un’ipotesi di cofinanziamento di un milione mezzo di euro – spiega Pirillo – , ma porteremo avanti il progetto con il dipartimento Agricoltura che ha la competenza sulle azioni delle aree protette». Questa mattina i lavoratori Arta saranno alle 11 in assessorato a manifestare e non è escluso qualche altro tipo di azione dimostrativa. La Regione intanto ha perso l’ennesima occasione.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]