«La terrazza di Montalbano perfettamente legale» Una sentenza del 1995 dà ragione ai proprietari

A Punta Secca, attorno alla casa del commissario Montalbano, il via vai di residenti e turisti non si ferma. Anzi, la curiosità aumenta in questi giorni durante i quali la troupe della fiction con Luca Zingaretti sta montando il set in vista delle riprese per le nuove puntate, che inizieranno la settimana prossima. Ma l’eco del presunto caso di abusivismo sollevato da Le Iene ha varcato i confini siciliani e nazionali. «Bisogna essere realisti, qui i turisti vengono per la casa, i casi di abusivismo sono altri», dice una ragazza bulgara innamorata della cultura italiana e in visita insieme al compagno. 

A fare chiarezza sulla vicenda è il proprietario della villetta sul mare, Pietro Di Quattro, che ha ereditato la struttura dal nonno, suo omonimo. «La vicenda nasce da un presupposto corretto solo che giunge a conclusioni inesatte», spiega. L’accusa poggia su un’ordinanza di demolizione, fatta pervenire dalla Capitaneria di porto di Siracusa al signor Di Quattro nel 1992. Il documento accusa i proprietari di aver occupato abusivamente il suolo demaniale, cioè la spiaggia, per un totale di 24 metri quadri, cioè la superficie occupata proprio dal famoso terrazzino dove Montalbano ama fare colazione. I Di Quattro si oppongono e durante il dibattimento presentano l’atto di vendita, datato 1925, con cui si attesta il regolare acquisto dei privati dal provveditorato dello Stato. «Non vi fu alcuna occupazione abusiva in quanto il suolo fu legittimamente acquistato e non esiste nessuna responsabilità penale», scrive il pretore di Ragusa nella sentenza del 18 gennaio 1995. E per quanto riguarda la distanza dal mare, la costruzione della casa risale all’800, così come molte altre di Punta Secca, periodo in cui non esistevano limitazioni in tal senso. 

A trarre in inganno potrebbero essere i numeri. Nell’ordinanza di demolizione si parla di 44 metri quadrati. Ma di questi solo 24 appartengono alla famiglia Di Quattro e sono proprio quelli dell’ormai famossissimo terrazzino. «La restante parte è del nostro vicino, niente a che vedere con casa nostra, quella usata dal commssario Montalbano», sottolinea il proprietario. Ed è per questi rimanenti 20 metri quadri che, nella stessa sentenza del 1995, il giudice sottolinea che «quest’ultimo non ha fatto opposizione e pertanto nei suoi confronti non è stato revocato il decreto penale».

«Questo caso è stato artatamente costruito, ho provato invano a spiegarlo a Le Iene: il terrazzo risulta perfettamente legale», sottolinea Di Quattro. Il proprietario non è l’unico a Santa Croce Camerina, Comune dove si trova la casa, a pensarla così. Diversi residenti e la stessa sindaca Franca Iurato legano questa vicenda a quella dell’abbattimento della caserma sul mare, al posto della quale sta per essere costruito un belvedere sul mare, in uno scorcio incatevole. Decisione che, secondo la prima cittadina, avrebbe dato fastidio a chi preferiva destinare quella superficie ad altre attività, in primis un albergo. 

Sulla vicenda della casa di Montalbano nei giorni scorsi era intervenuto anche il presidente della Regione, Rosario Crocetta, per difendere il bene e avanzare l’ipotesi di apporre «il vincolo monumentale, in considerazione del suo valore storico e culturale». Di Quattro lo ringrazia, ma precisa: «Vorrei fugare l’idea che il vincolo sia un modo di raggirare il problema, non si tratta di una sanatoria, perché – conclude – la casa è perfettamente legittima a prescindere da futuri vincoli». Nelle scorse ore, intanto, la Procura di Ragusa ha fatto sapere di essere intenzionata, comunque, ad acquisire «tutta la documentazione disponibile, ovunque si trovi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]