La raccolta notturna delle olive a Castelvetrano «Con temperature più basse prodotto ottimale»

«Quella che ora è la mia proprietà, un tempo era un’antica colonia greca. Qui, oltre 2.600 anni fa, i greci fondarono Selinunte e piantarono i primi alberi di ulivo». La famiglia Centonze quegli uliveti li coltiva e li cura da generazioni. Oggi, a testimonianza del tempo passato, sono rimaste pareti di tufo calcareo dette latomie, dentro le quali crescono gli alberi che producono le olive dell’azienda agricola Case di Latomia. Che da stanotte si arricchisce di una novità. «Crediamo che le novità possano garantire un prodotto di maggiore qualità – spiega Nino Centonze -. Per questo motivo abbiamo pensato di realizzare la raccolta notturna delle olive».

Il singolare progetto mira a ottimizzare le qualità organolettiche del prodotto finito, a conservare l’oliva nocellara del Belice dagli sbalzi di calore dovuti alle alte temperature giornaliere che accelerano i processi di ossidazione. «Siamo convinti che la raccolta a mano nelle ore serali avrà peculiarità differenti rispetto alla brucatura giornaliera – spiega Centonze – le temperature più basse impediranno la fermentazione».

È con queste premesse, che stanotte inizierà la prima raccolta notturna sperimentale di olive. Oltre all’azienda agricola, la famiglia Centonze ha creato un resort con piscine e centro benessere. Gli ospiti parteciperanno all’evento che avrà inizio alle 22 e terminerà all’alba. «Successivamente – anticipa il titolare dell’azienda – individueremo altre due date, in cui sarà possibile allargare la partecipazione a un pubblico più ampio». Ad assistere alla raccolta stanotte ci sarà anche un team di ricercatori ed esperti del dipartimento universitario di Scienze agrarie di Palermo che, guidati da Paolo Inglese e Giovanni Misseri, analizzerà i campioni di olio prodotto in notturna e ne stabilirà proprietà e requisiti. «Il nuovo olio realizzato con questo procedimento si chiamerà Case di latomia-Chiaro di Luna», annuncia Centonze che vende il suo olio biologico in 41 Paesi in tutto il mondo. «L’unicità sta proprio nel terreno, le radici delle piante – spiega – estraggono il loro nutrimento dal tufo, un minerale che dona alla nocellara del Belice una particolare composizione aromatica». 

Fino ad oggi, secondo le informazioni in possesso dell’imprenditore agricolo, la prima raccolta di olive notturna documentata è avvenuta in Puglia, ma solo per scuotitura del tronco e dei rami e non per brucatura a mano. «Supponiamo di essere i primi in Sicilia, se non nel resto d’Italia». Le olive subito dopo la raccolta verranno trasportate al frantoio, «all’interno di cassette in plastica traforate che ne garantiranno l’integrità» e saranno pronte per le successive fasi di lavorazione.

Un esperimento rivoluzionario che sicuramente contribuirà a diffondere maggiormente, in Italia e all’estero, l’eccellenza di un prodotto D.O.P. «La nocellara del Belice – chiarisce – è un’oliva che ha una caratteristica importante: quella di avere un rapporto ideale tra polpa e nocciolo. Le innumerevoli proprietà nutritive, – conclude – il profumo fruttato, il colore verde intenso e il sapore leggermente agrodolce la rendono la regina delle olive italiane».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]