La pasticceria mobile di Gloria in piazza Stesicoro «Importante fare chiarezza su tutte le possibilità»

«Veniteci a trovare fino a giorno 6 febbraio in piazza Stesicoro, durante i festeggiamenti agatini». È l’ultimo aggiornamento sul caso di Gloria, la giovane titolare della bakery itinerante che, negli scorsi giorni, ha rivolto un appello su Facebook al sindaco di Catania, lamentando le difficoltà a ottenere il nullaosta per esercitare la sua attività nel territorio catanese. Un caso che aveva scatenato un grande dibattito online e che in breve tempo era diventando argomento di conversazione, anche per merito delle centinaia di condivisioni da parte dei cittadini. Per la festa di Sant’Agata, intanto, la giovane imprenditrice intanto potrà usufruire di una delle tante autorizzazioni concesse ai venditori ambulanti in centro storico.

Un tam tam mediatico che era valso alla 22enne Gloria Di Mariano un appuntamento con gli uffici comunali, e la promessa di incontrare – forse la prossima settimana – direttamente il primo cittadino Enzo Bianco. Ma tra chi applaudiva all’idea imprenditoriale e al coraggio, c’era anche chi faceva notare il bisogno di rispettare i regolamenti comunali, per quanto restrittivi. A intervenire sulla vicenda era stata anche Confcommercio Catania che, con un comunicato del vicepresidente Francesco Sorbello, si dichiarava disponibile a fornire alla titolare di Made with love consigli, consulenze e suggerimenti su come svolgere la propria attività nel rispetto di tutte le norme vigenti.

«Siamo ben lieti di aiutare la giovane operatrice, ma per chiarezza e onestà è necessario specificare che esistono delle leggi nazionali che limitano alcune attività – dichiara Sorbello – Per quanto riguarda il commercio su aree pubbliche in forma itinerante, non è possibile effettuarlo all’interno del centro storico, perché c’è la norma nazionale sui beni paesaggistici e architettonici che lo vieta. Quindi se Gloria volesse vendere in via Etnea, non potrebbe farlo. E a sancirlo non è solo il Codice dei beni culturali e del paesaggio, ma anche i regolamenti comunali che vietano il commercio itinerante nel centro storico»

E Catania non fa eccezione, come si evince anche dall’articolo 35 del Regolamento per il commercio su aree pubbliche che recita testualmente: «È fatto divieto assoluto di esercitare l’attività commerciale in forma itinerante nel centro storico cittadino, come individuato dalla sovrintendenza ai Beni culturali e ambientali». Se quindi è fuori discussione, perché vietato, il commercio itinerante, sembra di difficile attuazione anche la richiesta di suolo pubblico: «Ormai da alcuni anni non funziona più come una volta, quando il singolo commerciante faceva richiesta al Comune e, dopo una semplice valutazione per a verificare che l’attività non creasse problemi alla viabilità, poteva procedere – continua Sorbello – Oggi, invece, in tutta Italia è stato stabilito che il suolo pubblico dovrà essere assegnato tramite bando». 

Bando che però deve ancora uscire, mentre chi ha già ottenuto la concessione – teoricamente in scadenza la prossima estate – per effetto del decreto Mille proroghe potrà goderne fino al dicembre del 2018. «Sono consapevole delle leggi che riguardano il centro storico, non intendo aggirare questo divieto in alcun modo né ricevere trattamenti di favore», dichiara Gloria Di Mariano. «Però non ho capito perché dovrebbe essermi vietato vendere anche in altre zone della città. Ecco, credo che a questo punto sia importante fare chiarezza», conclude Gloria. «Non mi risulta che non si possa fare», replica Sorbello. Nel frattempo, però, una prima risposta al desiderio della 22enne di lavorare nel centro cittadino – seppure legata alla straordinarietà delle celebrazioni agatine – è arrivata.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il sogno della 22enne Gloria Di Mariano di vedere i suoi dolcetti in vendita nel centro cittadino è un po' più vicino: per la festa di Sant'Agata il suo camioncino rosa sarà il piazza Stesicoro. Confcommercio, intanto, spiega come funziona la normativa. «Ci sono leggi nazionali da rispettare», dice il vicepresidente Francesco Sorbello

Il sogno della 22enne Gloria Di Mariano di vedere i suoi dolcetti in vendita nel centro cittadino è un po' più vicino: per la festa di Sant'Agata il suo camioncino rosa sarà il piazza Stesicoro. Confcommercio, intanto, spiega come funziona la normativa. «Ci sono leggi nazionali da rispettare», dice il vicepresidente Francesco Sorbello

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]