La nuova piazza Galatea, «bella ma poco curata» I commercianti si auto-tassano per le stelle di Natale

«C’è una duplice situazione, evidente agli occhi di tutti: la zona centrale della piazza è curata in ogni suo aspetto e gradevole alla vista, corredata da un’opera d’arte; tutto intorno invece ci sono sporcizia e abbandono». Claudia Marocco, commerciante, commenta così il nuovo volto di piazza Galatea. Insieme al marito gestisce uno dei due bar della zona: «Noi commercianti spazziamo ogni mattina il pezzo di marciapiede che ci compete e abbiamo addirittura deciso di autotassarci per mettere delle piantine natalizie attorno alle aiuole e non lasciarle spoglie. I cittadini non lo sanno e qualcuno crede che l’abbellimento dipenda dal Comune. Altri hanno pensato di rubare qualche piantina. Abbiamo così aggiunto dei cartelli esplicativi», spiega.

A cinque mesi dall’inaugurazione della rotatoria-aiuola – dalla forma ellittica, lunga 72 metri e larga 25, costata 350mila euro -, tra i commercianti e gli abitanti di piazza Galatea si discute ancora dei pro e dei contro della novità. Per lo più riassumibili nell’affermazione della signora Rita, la cui abitazione si affaccia proprio sulla piazza: «L’aspettavamo da tanti anni ma non tutto è positivo. Non sappiamo infatti se essere felici oppure no perché da un lato la piazza è bella, curata e ci hanno anche messo un’opera d’arte fatta da un artista vero e non un sedicente tale – spiega Rita -, ma al contempo c’è anche tanto smog e rumore in più. Inoltre, la luce è poca così come i parcheggi».

Con il nuovo assetto è seguita una deviazione del traffico dal vicino viale Africa, creando qualche problema in più per il parcheggio. Anche per questo, secondo i commercianti della zona, gli affari non sono migliorati dopo l’apertura definitiva del tratto. «Le auto passano davanti e quindi abbiamo più visibilità, ma non hanno spazi dove fermarsi», afferma Sabrina Belluso, titolare del negozio di tappeti Allia. Dello stesso avviso è anche Francesco Ingarao, della rivendita di tabacchi. «La piazza è bella, i marciapiedi attorno meno e non ci sono parcheggi».

I marciapiedi sono stati rifatti nello stesso periodo di rifacimento della piazza-rotatoria e non sono sconnessi come accade altrove in città ma, al contrario della piazza centrale, non vengono spazzati regolarmente dagli addetti alle pulizie e gli impianti automatici per l’irrigazione delle aiuole non ricevono manutenzione. Nessuna luminaria, inoltre, per il periodo festivo e la normale illuminazione è flebile. Così, la sera, la zona è in penombra e diventa luogo di appuntamento per la prostituzione.

I commercianti della zona hanno comunque deciso di contribuire, ognuno con una piccola parte, a migliorare l’aspetto della piazza. Così, se «gli addetti della pulizia passano ogni tanto, noi spazziamo ogni giorno», afferma Ata Romeo, titolare del bar accanto al rivenditore di tabacchi. Sono sempre loro, inoltre, che hanno deciso di abbellire le aiuole con delle piccole stelle di Nataletassandosi di circa dieci euro a negozio. «All’inizio volevamo mettere le luminarie – racconta Romeo -, ma era un po’ complicato accedere alla luce e quindi abbiamo deciso di colorare un po’ con le piante».

Non tutti però hanno da lamentarsi del lavoro dell’amministrazione. Come Giuseppe Sicali, titolare del negozio per riparazioni d’auto all’angolo con via Umberto, che dà la colpa ai cittadini incivili. «La piazza potrebbe essere una della maggiori attrazioni della città se solo tutti se ne occupassero di più. Certo, si può sempre migliorare, ma spesso accade che i marciapiedi sono pieni di escrementi di animali o di cartacce e questo dipende dagli incivili – conclude -. Non è compito dell’amministrazione, poi, abbellire per le feste, ma di noi commercianti che abbiamo appunto messo le piantine».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]