La battuta di Cancelleri sull’ipotesi terzo mandato Nel M5s ci si inizia a chiedere «che ne sarà di noi?»

Una battuta, niente di più. D’altra parte la premessa lo consentiva: se fossimo a un gioco a premi con la cuffia nelle orecchie e si dovesse rispondere con un sì o un no, Giancarlo Cancelleri cosa direbbe di una possibile terza ricandidatura a presidente della Regione? «Beh, così secca no… Dai, sì, perché io amo la mia terra e vorrei davvero poter fare il massimo per…». La frase, pronunciata due giorni fa dal viceministro ai Trasporti, è rimasta incompleta, ma tanto è bastato per fare strabuzzare gli occhi degli spettatori della trasmissione Casa Minutella e, a seguire, di chi ha letto la dichiarazione. Un Cancelleri tris – parlando dei tentativi di entrare a palazzo d’Orleans – in Sicilia rappresenterebbe, infatti, la pietra tombale sul primo dei comandamenti del grillismo: non ti candiderai più di due volte.

Ma, come detto, si sarebbe trattato soltanto di una battuta. Una boutade, per dirla alla francese, che rimanda all’antico bottata. Con questo termine un tempo si indicava il colpo di punta nella scherma. E, a pensarci, per quanto il diretto interessato sostenga che sulla vicenda «si sia detto già fin troppo» e che basta rivedere la trasmissione per capire il clima in cui tutto è nato, l’ipotesi terzo mandato qualche fastidio lo ha creato. Specialmente tra quei deputati regionali del Movimento 5 stelle che, poco più di un anno fa, salutarono Cancelleri in partenza per Roma, per affiancare la dem Paola De Micheli al ministero delle Infrastrutture. In quel caso, nessuno volle parlare di addio – la promessa era di continuare a seguire da vicino gli affari siciliani – ma altrettanti erano quelli che pensavano potesse trattarsi di un arrivederci. Questo perché, al netto delle frizioni per il presunto eccesso di protagonismo di Cancelleri, a impedire qualsiasi reunion sarebbero state le regole interne al movimento.

E se invece così non fosse? Se quella di Cancelleri non fosse stata solo una semplice battuta, ma proprio una bottata? Un colpo di punta, per vedere un po’ l’effetto che fa e capire quanto il popolo cinquestelle siciliano sarebbe pronto a un cambiamento, in chiave però conservatrice? I punti interrogativi per il momento sono tanti e potranno essere affrontati soltanto a un livello superiore da quello regionale. Però, intanto, ci sono. O meglio, a microfoni spenti e taccuini chiusi, da tempo c’è chi si chiede «che ne sarà di noi?», parafrasando il titolo del film di Giovanni Veronesi, anche se in questo caso non si parla di dilemmi post-liceo, ma di un altro tipo di maturità. Quella di chi dopo un decennio in cui ha contribuito a fare crescere un partito si trova nella condizione di – letteralmente – doversi trovare un lavoro. O di tornare a quello di prima, vecchi clienti volendo.

In attesa di capire come si evolverà il dibattito interno a livello nazionale – domenica si svolgerà il dibattito pubblico degli Stati generali e l’occasione potrebbe essere propizia per mettere sul tavolo anche la questione del limite del secondo mandato – in casa cinquestelle nessuno vuole commentare l’uscita di Cancelleri. Tra chi ricorda che in tempi di pandemia i problemi sono altri e chi assicura che non si ricandiderebbe mai «anche perché chi ci voterebbe mai dopo un tradimento di questo tipo?», ci sono anche le voci che parlano di qualche battibecco interno suscitato dalle parole di Cancelleri. Che saranno state pure frutto di una battuta ma che, proprio per questo, potrebbero diventare il primo passo verso una presa di coscienza. D’altronde, di motti di spirito Freud se ne intendeva.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]