Intercettazione Bianco-Ciancio, la società civile «L’amministrazione ha perso ogni credibilità»

«Catania ha bisogno di un sindaco che faccia gli interessi della città. Bianco ne prenda atto e si dimetta». È la richiesta del comitato No Pua. Che, dopo la pubblicazione su MeridioNews della notizia dell’intercettazione tra Enzo Bianco e Mario Ciancio a proposito del piano urbanistico attuativo Catania Sud, annuncia una conferenza stampa per sabato, alle 10.30, in piazza Duomo. Un appuntamento al quale parteciperà anche Catania bene comune. «L’attuale amministrazione – si legge in una nota del movimento etneo – ha perso, evidentemente, ogni credibilità e autorevolezza. È necessario che ogni esponente della giunta e ogni consigliere comunale che ha votato le varie delibere sul Pua dia spiegazioni».

Le informazioni diffuse dal nostro quotidiano aprono, secondo gli attivisti del comitato No Pua, «uno scenario inquietante e sconvolgente sugli interessi che stanno dietro alla realizzazione del Pua e che vedono coinvolti imprenditoria, mafia e politica ai massimi livelli». L’investimento sulla zona della Playa vale circa 300 milioni di euro e servirebbe a realizzare un centro polifunzionale con alberghi, sale congressi, campi da golf, parco divertimento e un grande acquario. «Le ombre gettate sulle elezioni comunali del 2013 delegittimano la rappresentanza istituzionale uscita dalle urne – prosegue Catania bene comune –  che evidentemente non può più ricoprire tale ruolo. È necessario che si torni immediatamente a votare».

L’unico progetto per la realizzazione del Pua è stato presentato dalla società Stella polare srl, «che ha avuto tra i soci fondatori due persone vicine alle famiglie mafiose dei Laudani e degli Ercolano», scrive il comitato. In riferimento a un articolo – pubblicato ieri su questa testata – in cui si raccontava l’organizzazione societaria della ditta costituita nel 2005 dal veronese Renzo Bissoli e dai catanesi Salvatore Modica e Francesco Strano. «Il comitato si batte da anni contro il Piano urbanistico attuativo Catania Sud perché riteniamo il progetto uno scempio ambientale, un’idea di sviluppo assolutamente sbagliata e fallimentare, una speculazione edilizia a favore di Mario Ciancio, che ha acquistato i terreni quando avevano una destinazione agricola e dopo l’approvazione della variante se li ritrova edificabili, e della mafia che come abbiamo visto era pronta a sfruttare l’affaire Pua».

«Adesso è chiaro – continua la nota inviata alla stampa dal comitato cittadino – perché l’amministrazione ha più volte rifiutato il confronto sul Pua che il Comitato ed altre 25 associazioni avevano richiesto con una lettera pubblica. Il sindaco è persona che mantiene la parola. Il Pua si doveva fare, presto, subito, senza discussioni… Senza rompiscatole…». E annuncia: «Stiamo mettendo insieme tutti i tasselli del puzzle sul Pua e vogliamo rendere noto a tutta la città il quadro che ne viene fuori».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]