Incontro per scongiurare il blocco della Lukoil. Galioto (UGL): «C’è anche il problema depuratori»

Tavolo tecnico per affrontare la questione legata all’Isab di Priolo. Il Governo nazionale ha convocato i rappresentanti dell’azienda, le parti sociali e gli Enti locali coinvolti per discutere del presente e del futuro dello stabilimento della Lukoil. Decisione arrivata durante l’incontro a Roma tra il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, e il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, nel quale si è discusso di numerosi temi di grande rilevanza, tra cui il rilancio delle aree industriali in crisi come Gela e Termini Imerese. Riunione definita «positiva e costruttiva» da parte di Schifani anche alla luce della volontà espressa dall’Esecutivo di mettere mano, a stretto giro, alle problematiche connesse al petrolchimico siracusano. «Sarò, ovviamente, presente all’incontro – ha dichiarato il governatore regionale – e continuerò a seguire con attenzione l’evolversi della vicenda, nella consapevolezza della sua importanza strategica per la Regione».

L’appuntamento, fissato per venerdì 18 novembre a palazzo Piacentini, è stato accolto con favore dei sindacati. «Chiediamo – ha detto Tonino Galioto della UGL – che venga sbloccata la situazione a partire dal fido bancario. Non è possibile che a pagare sia solo la Lukoil in Italia. Auspichiamo che venga data la possibilità di acquisire l’impianto per scongiurare il licenziamento di tutti i lavoratori, diretti e dell’indotto». Ma la vicenda non riguarda solo il superamento delle sanzioni e prescrizioni collegate al conflitto tra Russia e Ucraina. Per l’azienda pende un’altra problematica quella dei depuratori. «La Regione Siciliana – continua – deve immediatamente prendersi carico di capire a quale punto sia l’indagine della Magistratura e, di conseguenza, eventualmente agire per sbloccare lo scarico delle acque. In caso contrario il rischio è quello di risolvere la faccenda legata al petrolio russo ma non quella dell’impianto consortile. Le questioni sono collegate. Insomma serve una politica industriale seria per lo sviluppo dell’area».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento