Inciviltà a Catania, nuova pagina e filosofia «Vogliamo creare un movimento cittadino»

Nata sulle ceneri della pagina Facebook ormai chiusa, con nuovi amministratori e approccio diverso al mezzo e ai problemi della città, è tornata sul social network Inciviltà a Catania. Tante le novità, a partire da un rigoroso rispetto delle regole di netiquette per evitare di incappare nelle stesse problematiche legali che hanno portato alla chiusura della vecchia pagina e per distinguere la nuova impostazione. Il nuovo spazio, così, dal 24 luglio ha ricominciato a raccogliere foto, commenti, notizie e racconti di vita quotidiana catanese. Presto, però, si è aggiunto un altro profilo – identico nel nome, ma non nel link – che ha seguito una vita parallela. Ma, come assicura uno dei moderatori della seconda pagina, tra due giorni Facebook concluderà l’iter che porta alla chiusura.

Gli amministratori della pagina originaria hanno provato a instaurare una collaborazione con i gestori dello spazio omonimo. Sottolineando come molti utenti siano confusi dalla presenza di due profili con numerose somiglianze, «gli abbiamo scritto chiedendo di cambiare almeno nome o di unirci, così si crea movimento», racconta Germano, uno dei tre amministratori della pagina originale. Richiesta rifiutata, alla quale è seguito l’invito a far convogliare gli utenti della pagina più vecchia in quella creata dopo. «Secondo noi, il nostro metodo è più efficace», ribatte il titolare della pagina concorrente. A ogni modo la questione si risolverà entro lunedì, quando la procedura di cancellazione verrà portata a termine.

«Per noi è una cosa seria, ci interessa lo scopo: se siamo uniti, se c’è un movimento, l’amministrazione ci può ascoltare – sottolinea Germano – Come è successo con la pagina Lungomare liberato che è riuscita a far chiudere per ben quattro volte il lungomare. Un uso intelligente dello strumento social». L’aggregazione di centinaia di persone che denunciano quanto di negativo – a qualsiasi livello – accade in città è l’obiettivo di Inciviltà a Catania. «Se stiamo zitti, queste cose passano per giuste – riflette amareggiato – C’è troppo spirito di rassegnazione».

E se il cambiamento può passare attraverso le pagine di Facebook non fa differenza. «Beccare un mi piace, mettere solo foto di macchine in doppia fila o negli stalli dei disabili non mi interessa. Mi importa che la città cambi», dice Germano. Questo attraverso un linguaggio che non sfoci a sua volta nell’inciviltà, però. «Evidenziare e denunciare le problematiche e i comportamenti incivili presenti nella cittadina», scrivono nel post di presentazione i tre amministratori. Ma anche per «scoraggiare l’inciviltà e l’anarchia che vige nella città» si chiede agli utenti di tenere un comportamento adeguato anche online. «Non fomenteremo mai linguaggi e comportamenti di odio verso cose e persone, come è avvenuto con l’ex pagina, nonostante si segnaleranno comportamenti e situazioni molto sgradevoli».


Dalla stessa categoria

I più letti

Coinvolgere gli utenti di Facebook e creare un movimento che si faccia interprete del bisogno di riscatto della città. Curato da tre amministratori, il nuovo spazio online nasce dalle ceneri di un'esperienza omonima ormai chiusa per problemi legali. L'obiettivo è «un uso intelligente dello strumento social - racconta uno dei gestori - Per noi è una cosa seria, ci interessa lo scopo: se siamo uniti, l'amministrazione ci può ascoltare»

Coinvolgere gli utenti di Facebook e creare un movimento che si faccia interprete del bisogno di riscatto della città. Curato da tre amministratori, il nuovo spazio online nasce dalle ceneri di un'esperienza omonima ormai chiusa per problemi legali. L'obiettivo è «un uso intelligente dello strumento social - racconta uno dei gestori - Per noi è una cosa seria, ci interessa lo scopo: se siamo uniti, l'amministrazione ci può ascoltare»

Coinvolgere gli utenti di Facebook e creare un movimento che si faccia interprete del bisogno di riscatto della città. Curato da tre amministratori, il nuovo spazio online nasce dalle ceneri di un'esperienza omonima ormai chiusa per problemi legali. L'obiettivo è «un uso intelligente dello strumento social - racconta uno dei gestori - Per noi è una cosa seria, ci interessa lo scopo: se siamo uniti, l'amministrazione ci può ascoltare»

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]