Le fiamme che hanno distrutto 14 secoli di storia e arte. Travagliato: «Non dobbiamo abituarci a tutto questo»

L’emergenza incendi in Sicilia sta scemando, con gli ultimi focolai che si ostinano a bruciare, ma sono già evidenti le cicatrici lasciate da quello che ogni anno è ormai un triste appuntamento. Ma che mai come lo scorso 25 luglio ha inferto danni così gravi soprattutto a Palermo, dove si sono registrate anche tre vittime. Decine le case distrutte, col fuoco che ha raggiunto i centri abitati e per la prima volta ha aggredito porzioni importantissime del patrimonio storico e artistico palermitano. L’attentato più grave è stato quello alla chiesa della borgata di Santa Maria di Gesù, ai piedi di monte Grifone, cuore pulsante del convento dei frati riformati minori osservanti dove operarono e morirono il Beato Matteo vescovo di Agrigento e San Benedetto il Moro, le cui reliquie erano custodite proprio all’interno dell’edificio di culto.

Della chiesa – la cui costruzione, insieme al convento, risale alla prima metà del Quattrocento – oggi restano solo le mura perimetrali e poco più. Devastato il meraviglioso soffitto ligneo, che è crollato sotto i colpi delle fiamme. «Abbiamo un patrimonio immenso che tutti ci invidiano, di cui ci riempiamo tanto la bocca eppure, davanti a un fatto del genere, che le indagini ci diranno se di causa accidentale o dolosa e delittuosa, restiamo impotenti – dice a MeridioNews Giovanni Travagliato, docente di Storia dell’arte medievale dell’Università di Palermo e coordinatore del corso di laurea magistrale in Storia dell’Arte dello stesso ateneo – La chiesa quattrocentesca con il suo soffitto ligneo, il coro e l’organo, molti arredi, statue e dipinti dal XV al XIX secolo sono andati perduti. E non possiamo abbassare la guardia nella fase della ricostruzione e del recupero, perché non si tratta della basilica di Assisi per cui a suo tempo si sono mossi tanti poteri».

Colpito dall’incendio anche un quadro di Pietro Novelli, uno dei principali artisti siciliani del Seicento, mentre sono state messe in salvo le reliquie di San Benedetto, co-patrono della città di Palermo. Adesso si guarda alla ricostruzione e al recupero della struttura, anche se i timori non sono pochi. «Il rischio è che la chiesa resti a lungo abbandonata in queste condizioni – prosegue il professore – Non lasciamo sola la comunità francescana e i fedeli della borgata, che non hanno grandi risorse a disposizione. C’è bisogno di una denuncia forte di quello che è avvenuto, non rassegniamoci né abituiamoci al fuoco che puntualmente si presenta ogni anno di questi tempi e continua a erodere il patrimonio naturalistico, archeologico e adesso anche storico-artistico. Non dobbiamo pensarla come una cosa normale, perché non lo è».

«Finora è andata bene e si è pianto solo con un occhio – conclude Travagliato – Questa volta, però, non solo ci sono state vittime, ma questo importantissimo patrimonio, il centro aggregante e la memoria positiva di un quartiere di cui conosciamo le difficoltà, è andato a fuoco così, sotto gli occhi di tutti. Si era impreparati. Davanti a questi eventi catastrofici ci domandiamo se davvero serva sensibilizzare centinaia di giovani universitari all’anno a conoscere, salvaguardare, valorizzare, restaurare, promuovere il patrimonio. Voglio pensare che ne valga la pena e continueremo a farlo. I piromani ottusi e autolesionisti che pianificano la distruzione del comune patrimonio naturalistico e culturale sono solo una minoranza e non devono avere la meglio».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L’emergenza incendi in Sicilia sta scemando, con gli ultimi focolai che si ostinano a bruciare, ma sono già evidenti le cicatrici lasciate da quello che ogni anno è ormai un triste appuntamento. Ma che mai come lo scorso 25 luglio ha inferto danni così gravi soprattutto a Palermo, dove si sono registrate anche tre vittime. […]

L’emergenza incendi in Sicilia sta scemando, con gli ultimi focolai che si ostinano a bruciare, ma sono già evidenti le cicatrici lasciate da quello che ogni anno è ormai un triste appuntamento. Ma che mai come lo scorso 25 luglio ha inferto danni così gravi soprattutto a Palermo, dove si sono registrate anche tre vittime. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]