Imprenditoria digitale in Sicilia: non è impossibile «Noi giovani? Dobbiamo iniziare a condividere idee»

«Cosa ho imparato? La parola chiave è open: apertura, velocità, elasticità, confronto, umiltà e predisposizione a condividere le proprie idee. Devono essere questi i concetti che stanno alla base dell’imprenditoria giovanile. Esporre ad altri le proprie intuizioni può portare a un arricchimento. Da un’idea semplice si possono fare grandi cose». Valentina, 32 anni, ribalta in una frase tutti i luoghi comuni sulla difficoltà nel creare impresa in un Sud che sembra sempre più avaro di opportunità per gli under 35: un inno ad avere coraggio, da parte di una ragazza che ha deciso di rimanere a Catania per realizzarsi a livello professionale.

Laureata in Giurisprudenza e componente di Generazione Ypsilon (associazione di promozione della cultura digitale), Valentina è una dei quattro partecipanti catanesi del progetto transnazionale Yes, acronimo di Youth empowerment by entrepreneurial skills: finanziato attraverso il programma europeo Erasmus+, vede tra i partner coinvolti anche l’azienda catanese Jo consulting, che si occupa di finanziamenti europei. Il capoluogo etneo è stato scelto come sede per le sessioni iniziali di Yes: un’opportunità che ha permesso l’incontro di 20 giovani provenienti da Italia, Olanda, Cipro, Gran Bretagna e Lituania. L’obiettivo è semplice e ambizioso al tempo stesso: fornire a ciascun ragazzo le basi per creare la propria impresa, attraverso la combinazione di attività didattiche frontali, e-learning, testimonianze di imprenditori, visite aziendali, attività di gruppo e seminariali. 

Un mix che ha permesso a Valentina e agli altri partecipanti di conoscere realtà che costituiscono vere e proprie avanguardie nel territorio etneo. Come Free mind foundry, il co-working di Acireale, o il Tim joint open lab, della Cittadella universitaria di Catania. Un laboratorio di ricerca basato sulla formula della co-location: spazi aperti che integrano il lavoro di ricercatori di discipline diverse, allo scopo di acquisire conoscenze utili ad aprire nuove strategie aziendali e opportunità commerciali.

Non sono poi mancati gli incontri via web con alcuni giovani imprenditori siciliani che hanno portato avanti idee di successo. Uno di loro è Danilo Mirabile, fondatore con altri cinque soci di Beentouch: una sorta di Skype che permette di effettuare chiamate audio e video anche con una scarsa connessione di rete, progetto rivolto ai Paesi in via di sviluppo. O ancora di Giovanni Milazzocreatore di Kanesis: una start-up in grado di ricavare materiali plastici dagli scarti vegetali (tra cui, ad esempio, la canapa e il pomodoro).

«È importante, per ciascuno di noi – continua Valentina – comprendere che non si è da soli: anche l’idea più banale può portare a qualcosa. Ciò che conta è confrontarsi, organizzarsi e creare gruppi di lavoro eterogenei per unire quante più diverse competenze è possibile». Il tutto anche sfruttando quando messo a disposizione dall’Europa, generosa verso l’imprenditoria giovanile: «Partire dal basso e fare rete sarà la vera rivoluzione per la nostra terra».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]