Il Tar interviene nella storia della cava della Fassa Stop all’atto della Regione che dava l’ok alla ditta

«Il dirigente generale ha esercitato competenze, avocando a sé illegittimamente funzioni riservate al servizio V». Con queste poche parole, contenute nell’ordinanza con cui oggi il Tar di Palermo ha sospeso gli effetti di una determina regionale, si riapre la partita tra l’associazione Sicilia Antica e la Fassa, la nota azienda produttrice di materiali per l’edilizia che, da diversi anni, vorrebbe gestire una cava calcarea ad Agira, in provincia di Enna. A fare tutt’altro che da spettatrice in questa storia è la Regione Siciliana che, dopo avere revocato nel 2018 l’autorizzazione rilasciata in un primo tempo al privato, la scorsa estate era ritornata sui propri passi. 

A firmare la determina oggi sospesa dai giudici amministrativi, in attesa dell’udienza per la trattazione nel merito del ricorso – prevista a dicembre – era stato Tuccio D’Urso. Il dirigente generale del dipartimento Energia andato in pensione lo scorso anno. La revoca della revoca era stato uno degli ultimi atti decisi da D’Urso, in quelle settimane al centro di una disputa all’Ars in seguito alla proposta del governo regionale, poi bocciata, di prorogare il suo contratto. D’Urso, che dopo avere lasciato gli uffici del dipartimento è stato nominato da Musumeci commissario tecnico per l’emergenza Covid, aveva difeso la propria scelta sostenendo che esistevano tutte le condizioni per ridare la possibilità a Fassa di esercitare la propria attività imprenditoriale, sostenendo anche che ciò avrebbe portato a ricadute positive per la Sicilia da un punto di vista occupazionale.

Al centro dell’attenzione erano finite le trattative che avevano portato Fassa a comprare i terreni dalla famiglia di Giuseppe Pecorino. Quest’ultimo è considerato esponente della famiglia mafiosa di Catenanuova, legata a sua volta ai Santapaola di Catania. Una compravendita che avrebbe impedito, norme alla mano, l’avvio delle attività, nonostante la ditta abbia sempre affermato di non essere a conoscenza della vicinanza dell’uomo alla criminalità organizzata. Inoltre, ma questo elemento non era stato considerato sufficiente dal distretto minerario di Caltanissetta, l’azienda trevigiana aveva fatto presente che la trattativa era stata portata a termine dal figlio di Pecorino, tramite una procura legale. A dare parere negativo al progetto era stata, in un primo momento, la Soprintendenza di Enna, facendo riferimento alla presenza di reperti archeologici ritenuti di valore. Poi, però, quell’opposizione era stata superata.

«Questa è la terza volta che Sicilia Antica vince nelle sedi giudiziarie per ciò che riguarda monte Scalpello – dichiara a MeridioNews la presidente Simona Modeo – e questo dimostra che, sin dal primo momento, abbiamo avuto ragione. Stupisce come gli enti deputati a tutelare il territorio agiscano invece in maniera diversa, ma ciò non può che avere come effetto un impegno ancora maggiore da parte delle associazioni che hanno a cuore le ricchezze della Sicilia».

Nel nuovo ricorso presentato da Sicilia Antica al Tar, l’associazione ha evidenziato come nei mesi successivi alla determina di D’Urso non si era verificata neanche «la revisione del contratto di acquisto dei terreni, diretta a eliminare tutte le clausole e patti accessori apposte al suddetto rogito che possano produrre un qualsivoglia effetto giuridico nei confronti dei soggetti Pecorino Giuseppe e Pecorino Biagio e nei confronti di parenti e affini». In realtà, nei mesi scorsi qualcosa del genere sarebbe accaduto: tra l’8 e il 9 febbraio, l’assessorato all’Energia ha prima intimato alla Fassa di non dare seguito alla volontà di iniziare l’attività estrattiva e poi, nel giro di 24 ore, annullato la diffida prendendo atto delle modifiche contrattuali. Tutto però è avvenuto in seguito a un atto – quello firmato da D’Urso – che sarebbe stato caratterizzato da un vizio di incompetenza. «A rilasciare quelle autorizzazioni deve essere il distretto minerario e non l’assessorato, e il dirigente non poteva cambiare la decisione che era stata già presa», ribadisce Modeo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]