Il sindaco e l’operazione verità sui bilanci del Comune «Gravi omissioni di revisori e della giunta Stancanelli»

«Abbiamo evitato di dichiarare il dissesto, più volte, salvando la città dalla situazione molto pesante ereditata da Raffaele Stancanelli». Inizia così l’intervento congiunto del sindaco Enzo Bianco e dell’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando. Entrambi concordi nell’addossare interamente le responsabilità politiche dei conti in disordine alla giunta precedente. E quelle contabili, chiaramente, ai revisori. Alcuni dei quali sono rimasti in carica anche durante il primo periodo della seconda consiliatura guidata da Bianco. «I numeri che presentiamo oggi non sono sicuramente degni di un comune virtuoso ma non possiamo dimenticarci del passato», commenta Girlando. «La macchina che ci è stata consegnata – continua l’assessore spingendosi in un paragone automobilistico – era senza benzina, con le gomme a terra e col motore quasi fuso. Certamente non può diventare una Ferrari in pochi giorni». Una situazione, quella dipinta questa mattina in conferenza stampa, che vede il suo punto d’inizio nel piano di riequilibrio del 2013

Conti, bilanci e tematiche normalmente complesse che il primo cittadino vuole chiarire alla sua città attraverso quella che lui chiama sobriamente «operazione verità». Il riferimento, non troppo velato, è una probabile stoccata nei confronti dei numeri presentati solo qualche giorno fa dal vicepresidente vicario Sebastiano Arcidiacono, seduto accanto alla giunta ma rimasto in silenzio, e dai componenti della commissione bilancio. Una fotografia, quella svelata dai consiglieri, che ha sollevato forti polemiche all’interno e all’esterno del senato cittadino. Proprio per la presenza di alcuni pesanti debiti non considerati nel bilancio ufficiale.

«I numeri che oggi vi mostriamo parlano chiaro, la situazione è molto pesante ma trae origine dai nostri predecessori». «Sarebbe stato molto più semplice per me dichiarare il dissesto – aggiunge Bianco – ma avrebbe rappresentato un colpo mortale per la città. Già afflitta dai continui tagli ai trasferimenti dello Stato e della Regione». Ma, polemiche a parte, la situazione dipinta dall’amministrazione appare completamente contrastante con quella, preoccupata, presentata dalla magistratura contabile della Regione Sicilia. Anche se, al cronista che chiede chi sia il soggetto che fornisce i dati sbagliati, Bianco risponde: «La Corte ha fatto i suoi rilievi, noi presentiamo i nostri numeri».

Il totale del debito, secondo il report fornito, sarebbe passato da 1.365.218.000 euro del 2013 a 1.232.310.000 del 2016. Una riduzione che ammonta dunque a 132.908 euro. Cifre che saranno presentate martedì prossimo, davanti ai giudici di Palermo, dall’assessore al ramo e dalla segretaria generale del Comune Antonella Liotta, entrambi convocati per rendere conto di quelle che i magistrati definiscono «irregolarità e profili di criticità che potrebbero avere riflessi pregiudizievoli per il ripristino degli equilibri di bilancio negli esercizi futuri». 

A gravare sui conti, come più volte raccontato da MeridioNews, sarebbe soprattutto la situazione relativi alle società partecipate del comune. E, in particolar modo, quella del gestore idrico Sidra spa e, ora, quelladella municipale dei trasporti Amt. Ma Girlando non si scompone: «Non siamo Roma con i problemi di Atac. La vicenda Sidra riguarda sostanzialmente alcuni dati che sono errati». «Esiste un problema giuridico forte tra le carte scritte dalla società e quelle del Comune. Per questo – aggiunge il titolare del bilancio – abbiamo avviato una procedura di controllo». Al centro del fuoco i debiti lasciati dalla società di gestione dell’acquedotto Acque di Casalotto e dall’impianto di depurazione, «molto antichi» conclude Girlando, ma ancora gravosi. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]