Il regista di Ultimo ritorna in città a caccia di talenti Reali: «Gli attori palermitani tra i più bravi del mondo»

«Palermo aveva bisogno di iniziative come questa, anzi ne aveva diritto». Con queste parole il regista Stefano Reali parla del progetto 2TheStage che il 15 e il 16 dicembre lo porterà a Palermo per scegliere 25 attori da formare, che potranno così avere un’occasione in più per entrare nel mondo del cinema. Affermato regista cinematografico e televisivo, Reali terrà due giorni di lezioni nella sede palermitana della Capital Dance Academy. Sceglierà personalmente gli allievi che lavoreranno al suo fianco a partire da gennaio, sempre nell’ambito del progetto. Classe ’57, formatosi al centro sperimentale di cinematografia di Roma, a inizio anni Novanta Reali ha insegnato recitazione al laboratorio di arti sceniche diretto da Gigi Proietti, dedicandosi contemporaneamente al cinema (sua la regia nel cult televisivo Laggiù nella giungla, ma anche nel successivo Una storia italiana), per poi spostare la propria attenzione sul mondo televisivo (Ultimo, Rimbocchiamoci le maniche, Come un delfino).

Il lavoro di Reali mira a preparare il suo gruppo a provini e casting importanti che l’accademia sta mettendo a punto proprio in questi giorni. Per selezionare i migliori talenti il regista allestirà un vero e proprio set per far percepire la pressione «anche psicologica» alla quale un attore è di regola sottoposto. Per Reali si tratta di un ritorno a Palermo perché era già stato nel capoluogo siciliano per realizzare alcune scene della miniserie cult Ultimo, uno dei suoi primi successi: «Sono molto legato a questa città. Anche perché era la prima volta che una fiction che si occupava di mafia veniva girata nei posti dove tutto era accaduto. Quindi al di là del successo che poi ha ottenuto ha suscitato una reazione popolare forte». Di Palermo «mi colpisce pensare che al centro del Mediterraneo ci sia stato un grande centro culturale europeo che dal ‘500 ad oggi è divenuto teatro di tante iniziative culturali di rilievo. Più di quanto ce ne sia memoria e riconoscimento anche nel resto d’Italia. Sono sempre felice di tornare qua». 

La scelta di attingere dai talenti presenti in Sicilia non è casuale: «Per me gli attori siciliani e palermitani in particolare sono tra i più bravi del mondo – afferma il regista – per un semplice motivo: perché riescono come pochi altri a restituire l’allusività, l’ambiguità, la ricchezza di semitoni. Personaggi che potrebbero teoricamente essere considerati come attori di rincalzo come Burruano, Sperandeo e Lollo Franco, in qualsiasi altra parte del mondo sarebbero nominati baronetti per il loro talento, per la loro capacità di esprimere sfumature poetiche a tutto tondo. È una caratteristica che qui si ritrova da parecchi secoli. Una capacità di andare oltre le cose a livello comunicativo che in altre regioni non c’è».

Quindi il progetto 2TheStage e la possibilità di essere formati qui a Palermo assume una valenza ulteriore: «Si parla di persone che oltre al teatro non hanno tante altre possibilità per farsi conoscere. Mancava un serbatoio di talenti dal quale potere attingere direttamente». Inoltre, sottolinea ancora Reali «l’attore siciliano deve essere messo in condizione di essere considerato un attore italiano e magari europeo. Non deve essere riconoscibile in stilemi che ormai sono vecchi. La gente non ne può più. In questo modo hanno quindi la possibilità di potere avere maggiore visibilità».  


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]